Diventa Socio
la Repubblica

Perché quella riforma non mi piace

9 settembre 2014
Elena Cattaneo *
Cattaneo

Una classe politica davvero qualificata, nel riformare una Costituzione, dovrebbe imparare ad apprezzare e quindi valorizzare i modi in cui è stata scritta quella in vigore. Come si era lavorato, le personalità coinvolte, la dimensione concettuale e non ultima — immagine espressa con una felice e semplice frase da Eugenio Scalfari — con quanta “mancanza di fretta” si arrivò alla formulazione finale. Anzi, quanta ammirevole “sottigliezza, meticolosità, perspicacia e lungimiranza” siano state fondamentali e prioritarie per ogni passaggio e per ogni articolo.

Comunicato stampa

Un Paese senza

9 settembre 2014
gufo

Senza una legge elettorale. Senza due giudici della corte costituzionale. Senza una Costituzione legittimata dalla classe politica. Senza un’opposizione, dove chi dissente è disprezzato e emarginato. Senza verità sulle stragi. Siamo un Paese senza. Leggi l’articolo sul blog di Repubblica .

Corriere della Sera

Un centimetro e Mille Giorni

8 settembre 2014
Antonio Polito
renzi.Bologna

Ma gli stessi italiani che nei sondaggi premiano Renzi perché gli riconoscono il piglio del vendicatore anti-establishment, del fustigatore dei privilegi e dei vecchi assetti di potere, si dichiarano scettici sulle misure che sta prendendo per l’economia, non ritenendole le mosse giuste. Matteo Renzi è insomma entrato a buon diritto nel cerchio magico dei leader al Teflon, quei politici fatti del materiale delle padelle cui non si attacca lo sporco: ciò non vuol dire che lo sporco non ci sia.

La festa di Sel Q5

Riforme costituzionali: l’Italia di domani

8 settembre 2014
Costituzione_330px

[ 12 settembre 2014; 18:00 - 20:00. ]

Città: Firenze – Rifredi
Luogo: LA FESTA DI SEL Q5
Indirizzo: Via Vittorio Emanuele II 303

Incontro pubblico alla festa di Sel di Rifredi-Firenze con Loredana De Petris, Sandra Bonsanti e Vannino Chiti. Venerdì 12 settembre – ore 18.00.

Corriere della Sera

La mafia e il passato che non passa. Perché Riina parla adesso di Andreotti

4 settembre 2014
Corrado Stajano
andreotti

Sembra davvero una condanna il passato, un certo passato che non passa. Ancora Andreotti. Perché? Sono rimasti tanti buchi neri nella storia della mafia. Al popolo italiano è stato fatto credere che Andreotti era stato assolto: «Non è bastata una sentenza della Cassazione».

la Repubblica

La politica dell’audience che logora il premier

3 settembre 2014
Nadia Urbinati
renzi

Il rischio è che sia proprio la simbiosi di leader e audience a logorare il leader. Il quale, costretto a tenere la propria attenzione e quella del governo fissa sul pubblico e le sue emozioni, rischia di ripetere il paradigma che ha imputato ai suoi avversari di ieri: il dire di fare piuttosto che il fare. Nei tempi critici, la strategia plebiscitaria può dunque essere un problema non da poco – soprattutto se a controbilanciarla non c’è un partito autonomo dal leader, dotato di una sua credibilità e capace di riflessione critica.

LeG Perugia

L’Alto Rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri: tra belle speranze e resistenze

1 settembre 2014
mogherini

Ora che il faticoso tira e molla sul nome del nuovo Alto Rappresentante si è concluso, è Federica Mogherini a prendere il posto di Lady Catherine Ashton, per una carica che potenzialmente potrebbe molto di più, se solo non fosse costretta negli angusti margini di manovra lasciati dai paesi europei. Gelosi difensori, questi ultimi, della possibilità di gestire individualmente (ma non sempre efficacemente) le relazioni internazionali.

Le responsabilità del Governo

Matteo Renzi

1 settembre 2014
RenziBerlusconi

Piccoli gufi crescono, si direbbe, con l’autunno che incombe. I dubbi sulla capacità di Matteo Renzi di trasformare in provvedimenti utili e concreti gli annunci altisonanti di radicali miglioramenti della vita mostrano che è sempre più evidente il carattere demagogico della sostanza: illudere e dare speranza a chi ha perso tutte o quasi le speranze.

L'Huffington Post

Ma Renzi è adatto a governare?

1 settembre 2014
Lucia Annunziata
economist

È adatto Matteo Renzi al compito che si è preso? “Is he fit to govern?”. Alla fine, spenti i fuochi artificiali, il Renzi che esce da Palazzo Chigi e naviga nel mondo reale è nei fatti un premier tenuto continuamente a balia da altri. Un premier decisamente messo al suo posto di ragazzino. E non solo dalla copertina dell’Economist.

Il Fatto Quotidiano

Riforme, Zagrebelsky: “La finanza comanda i governi, compreso il nostro”

23 agosto 2014
Marco Travaglio
Gustavo Zagrebelsky

Il presidente emerito della Corte costituzionale: “Sarebbe auspicabile un intervento formale di Napolitano” che ricordi come “i principi fondamentali (della Costituzione, ndr) non si possono cancellare o calpestare”. E sull’Italicum: “Mi sorprende la spudoratezza con cui i partiti trattano la legge elettorale come fosse cosa loro. Sembra che reputino gli elettori materia inerte nelle loro mani”.