Diventa Socio
Il Fatto Quotidiano

“Renzi è intollerante a garanzie e contropoteri”

10 luglio 2014
Silvia Truzzi
a.pace

Il pacchetto delle riforme costituzionali è nato sotto una costellazione confusa: mille tira e molla, voltafaccia, modifiche su singoli punti nate da trattative plurilaterali. “A mio avviso è ben chiara l’idea di concentrare i poteri nella Camera dei deputati e, in definitiva, nella coalizione di maggioranza”, spiega Alessandro Pace, professore emerito di Diritto Costituzionale alla Sapienza di Roma e socio di LeG.

Il nuovo Senato

Riforme: presentato emendamento su Senato non elettivo

9 luglio 2014
ANSA
18desk1f01-senato-emiciclo3

I relatori hanno presentato in Commissione Affari Costituzionali del Senato l’emendamento che
recepisce l’accordo fra maggioranza e FI. Esso prevede che i senatori non vengano eletti dai cittadini bensì dai consigli regionali in proporzione della consistenza dei gruppi consiliari.

Il messaggio di solidarietà

Non spegniamo L’Unità

9 luglio 2014
LeG
unità

Libertà e Giustizia si augura che tutti coloro che possono aiutare a salvare la storia e i giornalisti de L’Unità contribuiscano attivamente a raggiungere il risultato che chiede la redazione.
In un momento come questo in cui si predilige correre sul carro del vincitore è molto importante che L’Unità riesca a mantenere e, anzi, ad accrescere gli spazi di libertà e autonomia dell’informazione.

Il Manifesto

Riforme, le ragioni dei resistenti

9 luglio 2014
Andrea Fabozzi
chiti

Ma se in aula sarà bat­ta­glia, quello che si è riu­nito ieri per tutto il pome­rig­gio a Roma è di certo il quar­tier gene­rale delle truppe resi­stenti. Pochi sena­tori — Chiti, Cas­son, Mineo, Tocci, Mario Mauro — e molti costi­tu­zio­na­li­sti, tra i più auto­re­voli. L’associazione per la demo­cra­zia costi­tu­zio­nale e altre asso­cia­zioni hanno chia­mato a rac­colta quelli che per Renzi, ma ormai anche per la sin­tesi dei gior­nali e tg, sono sem­pli­ce­mente i «fre­na­tori». Leggi l’articolo sul Fatto Quotidiano

La riforma costituzionale

Ma le Costituzioni vivono nella storia

8 luglio 2014
Salviamo la Costituzione 25-04-05

Domandiamoci, piuttosto, perché la storica vittoria referendaria (2006) sia stata abbandonata all’oblio, quasi disconosciuta dal PD, permettendo prima a Berlusconi di far credere che le sue insufficienze governative dipendessero da una complessiva inefficienza del sistema e poi a Renzi di tentare uno stravolgimento dei poteri politici che cancellerà ogni equilibrio tra i diversi istituti.

Il fatto quotidiano

Un uomo solo al comando

7 luglio 2014
Marco Travaglio
renzi

Ce n’è abbastanza per dare ragione all’allarme inascoltato dei giuristi di Libertà e Giustizia sulla “svolta autoritaria”. All’insaputa del popolo italiano, mai consultato sulla riscrittura della Costituzione, e fors’anche di molti parlamentari ignoranti o distratti, il combinato disposto di leggi, decreti e prassi – di per sé all’apparenza innocue – rischia di costruire un sistema illiberale e piduista fondato sullo strapotere del più forte e sul depotenziamento degli organi di controllo e garanzia. Leggi l’intervista a Sandra Bonsanti

Il Fatto Quotidiano

L’intervista a Sandra Bonsanti

7 luglio 2014
Gianluca Roselli

Il Parlamento viene messo in sordina dal governo. Il futuro Senato è un pasticcio, mentre la Camera viene indebolita a vantaggio dell’esecutivo”. Da quando a Palazzo Madama è partito il cammino delle riforme
costituzionali, Sandra Bonsanti, ex direttore del Tirreno e presidente di Libertà e Giustizia, non ha risparmiato critiche all’operato di Matteo Renzi. E il suo giudizio è ancora molto severo.

Il Fatto Quotidiano

Il piano che salva il paesaggio

7 luglio 2014
Tomaso Montanari
montanari

Nel 2010 il libro Paesaggio, Costituzione, cemento di Salvatore Settis si chiudeva arrischiando una profezia: “I segnali molto positivi che vengono dalla nuova amministrazione regionale toscana, per bocca del presidente Enrico Rossi e dell’assessore Anna Marson, sono molto incoraggianti: forse questa regione così ricca di civiltà e di meriti potrà segnare una svolta”.

Comunicato stampa

Ferri cosa aspetta?

7 luglio 2014
Libertà e Giustizia
Tocco magistrati

Cosa aspetta il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri a dimettersi? E cosa aspetta il premier Renzi a chiedere ufficialmente le sue dimissioni? Libertà e Giustizia ricorda la gravità di chi abusa del suo ruolo governativo per influenzare elezioni di un altro organo dello Stato.

Il Fatto Quotidiano

“Preparatevi, a marzo 2015 si vota”

4 luglio 2014
Chiara Daina
maltese

La bordata di Manfred Weber, capogruppo del Ppe (i conservatori), contro Matteo Renzi fa parte di un sottile gioco delle parti da cui il premier cerca di trarre vantaggio. A dirlo è Curzio Maltese, fresco di elezione al Parlamento europeo nella lista Tsipras.