Diventa Socio
Il Fatto Quotidiano

Senato, Bonsanti: “Pronti a referendum. Ma avremo contro le istituzioni e i giornali”

9 agosto 2014
Alessio Schiesari
Sandra Bonsanti e Gustavo Zagrebelsky

Nel 2006 fu tra i protagonisti della battaglia (vinta) sul referendum costituzionale. Ma ora la presidente di Libertà e giustizia dice: “Questa volta non si vince parlando solo con l’opposizione di sinistra. Dovremo andare a dialogare con tutti, anche con i leghisti”. E il supporto di media e giornali? “Quelli che stanno dalla nostra parte si possono contare sulle dita di mezza mano. Tutti gli altri subiscono il fascino di Renzi”,

la Repubblica

La Costituzione e il governo stile executive

6 agosto 2014
governorenzi

La maggioranza deve essere prona, l’opposizione spuntata, le Camere sotto la sferza come vecchi ronzini ai quali si detta addirittura l’andatura (il “timing”) e il percorso (la “road map”). Il presidente del Consiglio usa un linguaggio sprezzante nei confronti di chi non ci sta (“ce ne faremo una ragione”; “asfalteremo”; “piaccia o non piaccia”, “porteremo a casa”, ecc.). La qualità del linguaggio è un segno spesso più eloquente di tanti discorsi programmatici. È la soglia dalla quale ci si può affacciare per vedere senza schermi l’animo altrui. Il ministro per le riforme, a completamento dei segnali rivolti a chi deve intendere, ha ammesso che, in un secondo momento si aprirà la questione del presidenzialismo, che da tempo cova sotto la cenere.

I corsi di formazione politica

Messina e Ravenna: le scuole di LeG

31 luglio 2014
LeG Messina e LeG Ravenna
montalbano-300x150

Partono a settembre due scuole di formazione politica organizzate dai circoli di Messina e Ravenna . L’economia e la democrazia viste nell’ottica isolana e del mezzogiorno sarà il tema della scuola siciliana, a Ravenna si parlerà invece di “laicità”.

Corriere della Sera

La Carica dei Toscani alla Corte del Principe

31 luglio 2014
Gian Antonio Stella
toscana

Che Matteo Renzi si sia giorno dopo giorno circondato di collaboratori corregionali e in particolare fiorentini, a dispetto della diffidenza di un fiorentino come Dante Alighieri che bollò i concittadini come «quello ingrato popolo maligno», era chiaro da tempo. Ma la nomina della Orlandi, empolese di nascita e fiorentina di adozione, ha messo il sigillo.

Senato.it

Casson: no all’applicazione del “canguro”

30 luglio 2014
casson

L’intervento di Felice Casson: «Le disposizioni di cui all’ultimo periodo del comma 8 dell’articolo 85 non si applicano nella discussione dei progetti di legge costituzionali e di quelli di cui all’articolo (…)».

Leggi anche l’articolo sull’Huffington Post : Riforma Senato, stallo sul Canguro 

Huffington Post

Riforma Senato, stallo sul ‘canguro’. I dissidenti contro Pietro Grasso: “Non si può sulla Costituzione”

30 luglio 2014
Angela Mauro

E già mezza giornata è saltata. La seduta del Senato riprende con la protesta, seppure con toni civili e composti, dei dissidenti del Pd, nonché delle altre forze politiche (Forza Italia) sulla riforma costituzionale. Il punto riguarda il cosiddetto ‘canguro’ usato da Pietro Grasso ieri sera per saltare 1400 emendamenti al ddl Boschi. “Non si [...]

Il Fatto Quotidiano

La balla della lentezza: una legge ogni 10 giorni

30 luglio 2014
Maurizio Viroli*
senato

“Su un punto i riformatori hanno ragione: noi critici siamo gufi. Temo tuttavia che ignorino che noi gufi vediamo anche di notte quando gli altri sono ciechi, e le nostre sorelline civette sono sempre state simbolo della saggezza. Complimento più encomiastico non potevano rivolgercelo. Ringrazio anche a nome degli altri gufi, e cercheremo di essere all’altezza”. Maurizio Viroli docente a Princeton e sarà tra i relatori della scuola politica di Ravenna venerdì 20 settembre. Leggi anche l’intervista a Gherardo Colombo . Contro i ladri di democrazia, firmiamo per fermarli .

LeG Piacenza

Il ruolo del cittadino come garante della democrazia. L’appello di uno studente

30 luglio 2014
Giovanni Chiarini*
Costituzione_330px

Al bando eroismi e gesti eclatanti, basterebbe sentirsi responsabili in prima persona, essere quel mattone che insieme ad altri può favorire la costruzione di un edificio collettivo a vantaggio di tutti. E non facciamoci raggirare quando qualche governante “illuminato” ci parla di nuovi diritti. I nuovi diritti non esistono.

Il Fatto Quotidiano

Napolitano sostiene Renzi? Appoggiava pure Stalin…

29 luglio 2014
Silvia Truzzi
Gherardo Colombo

Gherardo Colombo, ex pm di Mani pulite, oggi presidente di Garzanti e membro del cda Rai dice la sua su quelle che a suo avviso sono “riforme frettolose”. “I sostenitori della riforma costituzionale però non rispondono mai nel merito. Chi osa criticare il progetto viene additato come gufo, rosicone, addirittura “allucinato”. Per non dire dei costituzionalisti liquidati come “professoroni”. Leggi anche “Così si strozza la democrazia” di Lorenza Carlassare e “Autoritarismo vs democrazia: il discorso del re? Paradossale” di Rossella Guadagnini

La ministra delle riforme

La filibusta ha origini antiche

28 luglio 2014
Nadia Urbinati
boschi2

Quindi, alla Ministra Boschi occorre rammentare che in tutti i “paesi democratici” sono messi limiti al potere della maggioranza (sia dalla costituzione che dai regolamenti di decisione tra l’altro accettati da tutti, maggioranza e minoranza). Solo nelle democrazie dove vige il potere incontrastato della maggioranza, alla minoranza si impone di subir tacendo. Leggi anche “Ostruzionismo, un valore nella storia” e “Lo strapotere del capo del governo”