Diventa Socio
Il Manifesto

La semina del presidenzialismo

24 luglio 2014
Norma Rangeri
05desk1f01-renzi-napolitano

L’arroganza del per­so­nag­gio e la tor­sione auto­ri­ta­ria del suo pro­getto di revi­sione della Carta sono noti e ormai dif­fu­sa­mente rico­no­sciuti da una larga opi­nione pub­blica. E tut­ta­via va sot­to­li­neata la fun­zione ideo­lo­gica di que­sta esi­bi­zione di forza, di que­sto atteg­gia­mento oltran­zi­sta e ricat­ta­to­rio (dopo di me il diluvio).

il Fatto Quotidiano

“La morte di Paolo e i pezzi mancanti ventidue anni dopo”

22 luglio 2014
Roberto Scarpinato
scarpinato

“A differenza di tante altre lapidi commemorative delle vittime delle mafia che recano frasi celebrative, la lapide posta in via D’Amelio reca solo i nomi di battesimo di Paolo, Agostino, Claudio, Emanuela, Vincenzo, Walter. Null’altro. Come se quella lapide ricordasse a tutti noi che ancora attendiamo di sapere quali siano le parole giuste da scrivere e quale fu la storia che quel terribile 19 luglio 1992 trascinò nel suo gorgo malefico le loro vite”.

Corriere della Sera

Tre italiani su quattro vogliono solo «eletti» per Palazzo Madama

21 luglio 2014
Nando Pagnoncelli
Sondaggio

Nel complesso tre italiani su quattro (73%) preferirebbero che i senatori continuassero ad essere eletti dai cittadini. Ma c’è dell’altro: la nomina dei senatori da parte di altri eletti, per di più appartenenti ai consigli regionali che, come sappiamo, negli ultimi anni non godono di buona fama, per le note vicende giudiziarie, oltre ad espropriare i cittadini del diritto di scelta, produce un meccanismo per cui sono i politici a scegliere i politici, generando sospetti e sfiducia.

Il Fatto Quotidiano

10 proposte per una democrazia partecipata

17 luglio 2014
Marco Travaglio

10 proposte per una democrazia partecipata
Domenica 6 luglio abbiamo illustrato, nei 10 punti intitolati “Democrazia Autoritaria”, gli inquietanti effetti prodotti dal combinato disposto della riforma elettorale “Italicum” e della riforma costituzionale sul “Senato delle Autonomie”. Effetti che inducono non soltanto noi, ma anche e soprattutto alcuni dei più insigni giuristi italiani, a temere una svolta [...]

ANSA

Calderoli ritira firma emendamenti, tensione con governo

10 luglio 2014
Senato - Commissione Affari Costituzionali

Avvicinato dal cronista, Calderoli non si è voluto pronunciare, dicendo semplicemente mentre rientrava in commissione “io la firma non la metto”. Calderoli ha a lungo parlato con lo staff del ministro Maria Elena Boschi, che si è poi allontanata dalla Commissione con il proprio ufficio legislativo.

Il Manifesto

Martedì troviamoci al senato

10 luglio 2014
Pancho Pardi

La riforma del Senato è oggi uno dei cavalli di bat­ta­glia del governo Renzi. Giu­sti­fi­cata con la neces­sità di svel­tire pro­ce­dure legi­sla­tive e ridurre costi della poli­tica. In realtà la len­tezza del Senato è smen­tita dalle sta­ti­sti­che e dalla realtà: l’emendamento che fis­sava ieri in Com­mis­sione la com­po­si­zione del futuro Senato è arri­vato di notte [...]

Il Manifesto

Riforme, Big George ha detto stop

8 luglio 2014
Andrea Fabozzi
Aula Senato

Otto sedute per votare otto emen­da­menti, tutti dei rela­tori e solo sugli aspetti secon­dari della riforma costi­tu­zio­nale. È il lavoro svolto dalla prima com­mis­sione del senato nelle ultime due set­ti­mane. Restano da defi­nire la fun­zione e la com­po­si­zione delle camere e manca ancora l’intero capi­tolo del regio­na­li­smo, il famoso Titolo V. Biso­gna votare altri dodici [...]

Il Fatto Quotidiano

Il piano che salva il paesaggio

7 luglio 2014
Tomaso Montanari
montanari

Nel 2010 il libro Paesaggio, Costituzione, cemento di Salvatore Settis si chiudeva arrischiando una profezia: “I segnali molto positivi che vengono dalla nuova amministrazione regionale toscana, per bocca del presidente Enrico Rossi e dell’assessore Anna Marson, sono molto incoraggianti: forse questa regione così ricca di civiltà e di meriti potrà segnare una svolta”.

Il Fatto Quotidiano

“Preparatevi, a marzo 2015 si vota”

4 luglio 2014
Chiara Daina
maltese

La bordata di Manfred Weber, capogruppo del Ppe (i conservatori), contro Matteo Renzi fa parte di un sottile gioco delle parti da cui il premier cerca di trarre vantaggio. A dirlo è Curzio Maltese, fresco di elezione al Parlamento europeo nella lista Tsipras.

Il Fatto Quotidiano

Costituenti e costituiti

3 luglio 2014
Marco Travaglio
Costituzione_330px

Prima di usare i padri costituenti (quelli veri del 1946-‘47) per fare da palo e tenere il sacco a chi vuole regalare l’immunità parlamentare ai consiglieri regionali e ai sindaci che la Casta nominerà senatori, non più eletti e quasi del tutto sprovvisti del potere legislativo, bisognerebbe almeno conoscere i lavori preparatori della Costituzione.