Diventa Socio
Corriere della Sera

Il nemico allo specchio

24 settembre 2014
Ferruccio De Bortoli
renzicampanello

Renzi ha energia leonina, tuttavia non può pensare di far tutto da solo. La sua squadra di governo è in qualche caso di una debolezza disarmante. Si faranno, si dice. Il sospetto diffuso è che alcuni ministri siano stati scelti per non far ombra al premier. La competenza appare un criterio secondario. L’esperienza un intralcio, non una necessità.

DONNEUROPA

Elisabetta Rubini: “L’indipendenza dell’informazione è ancora a rischio”

23 settembre 2014
Antonella Cecconi
foto14

I tre giorni del primo Festival della Comunicazione, sono stati interdisciplinari – perché la comunicazione riguarda tutto e tutti – e sono stati intensi, ricchi di interventi, riflessioni e di presenze autorevoli: Umberto Eco, Elisabetta Rubini, Furio Colombo, Beppe Severgnini, Gherardo Colombo e molti altri. Elisabetta Rubini viene intervistata proprio sui temi della comunicazione e in generale su LeG.

la Repubblica

Se l’Unione europea allontana persone e diritti

19 settembre 2014
Stefano Rodotà
unione_europea_

Dopo che le regioni avevano concordato alcune linee guida sulla fecondazione eterologa, coerentemente con quanto stabilito dalla Corte costituzionale cancellando un altro pezzo illegittimo della straideologica legge in materia, ecco la Regione Lombardia legare l’accesso a questa tecnica di fecondazione a costi che negano l’eguaglianza tra le persone, richiamata proprio dalla Corte costituzionale.

Il Fatto Quotidiano

Consulta, Carlassare: “No ai politici alla Corte. Sennò diamo ragione a Berlusconi”

17 settembre 2014
Diego Pretini
Carlassare-Modena

“La Consulta interviene a difesa dei diritti, è la nostra ultima spiaggia, da tanti anni. E così, con nomine di profilo meno alto e con caratteri più marcatamente politici, si rischia di dare ragione a Berlusconi quando diceva che la Consulta è un organo politicizzato“.

Il Manifesto

Il patto del Nazareno tiene la Consulta in ostaggio

16 settembre 2014
Andrea Fabozzi
parlamento

Dopo tre mesi e dieci vota­zioni, per ognuna delle quali ser­vono circa sei ore, Luciano Vio­lante pro­prio non ce la fa a essere scelto come giu­dice della Corte Costi­tu­zio­nale. Ragione per cui ci ripro­verà oggi, assieme al for­zi­sta pre­vi­tiano Donato Bruno entrato uffi­cial­mente in campo ieri, una volta logo­rate le altre can­di­da­ture.

Il Fatto Quotidiano

Riforme, Carlassare: ‘Popolo solo per acclamazione. Coscienza parlamentari si risvegli’

15 settembre 2014
Annalisa Ausilio
CarlassareBologna

L’idea di fondo è quella di tagliare la voce a un popolo che serve solamente come strumento di acclamazione”. Così la costituzionalista Lorenza Carlassare commenta le riforme istituzionali del governo Renzi intervenendo al dibattito “Contro la democrazia autoritaria” nel corso dei due giorni di Festa del Fatto Quotidiano a Roma.

Il Fatto Quotidiano

“Riforme inutili, lo Stato smetta di coprire i reati”

12 settembre 2014
Marco Travaglio
davigo

Riforme inutili”. Piercamillo Davigo, già pm del pool Mani Pulite, ora giudice di Cassazione, lo ripete di continuo (l’ultima volta domenica a Cernobbio) dopo aver letto le linee guida di riforma della giustizia. In questa intervista al Fatto, spiega il perché.

la Repubblica

Il valore della dignità, quella fragile barriera contro la barbarie

12 settembre 2014
isis

Da Abu Ghraib ai reporter sgozzati. Cosa resta di un principio che infonde leggi e costituzioni. C’è una via che non sia né l’indiffer enza, né la ritorsione? C’è la possibilità che non ci si abbandoni, a propria volta, alla violenza indiscriminata e dimostrativa che accomuna nella stessa sorte innocenti e colpevoli, cioè alla guerra che travolge gli uni con gli altri? Sì, c’è, ed è la responsabilità che si fa valere nelle sedi della giustizia. Dignità, responsabilità e giustizia si tendono la mano.

Il Manifesto

Orologeria renziana

11 settembre 2014
Norma Rangeri
RenziBerlusconi

Sulle riforme isti­tu­zio­nali, come su quelle del mer­cato del lavoro, la scin­tilla della pro­fonda sin­to­nia ha avuto modo di accen­dersi ema­nando tutta la sua forza incen­dia­ria, durante que­sti primi sei mesi di ren­zi­smo onni­voro. Però molto fumo e poco arro­sto. I can­tori del nuovo corso plau­dono alla ripresa di ruolo della poli­tica con­tro le odiate buro­cra­zie che «gufano e rosi­cano»…

Il Fatto Quotidiano

Teste di Legnini

11 settembre 2014
Marco Travaglio
consiglio-superiore-della-magistratura-150x150

Dopo mesi di fumate nere, il partito unico renziano Pd&FI&frattaglie varie ha deciso che il vicepresidente del Csm sarà Giovanni Legnini, 55 anni, in politica da 38, avvocato e docente in aspettativa, ex Pci, ex Pds, ex Ds, ora Pd, già sindaco di Roccamontepiano (Chieti), senatore dal 2004, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio del governo Letta e all’Economia nel governo Renzi.