Diventa Socio
Da Socrate a Nash, la matematica della bontà

La ragione cooperativa: cos’è e qual è il suo primato

1 giugno 2015
Franca D'Agostini

La morte del grande matematico americano John Nash dovrebbe stimolare una riflessione più allargata sul significato filosofico del famoso «equilibrio di Nash». Gli sviluppi della teoria dei giochi sulla base della scoperta dell’equilibrio in questione hanno avuto una sempre più pronunciata accentuazione etica, anzitutto a partire da Amartya Sen, e hanno portato a trasformazioni profonde nella concezione della «razionalità collettiva», come spiega Paul Weirich in Collective Rationality (Oxford University Press).
Ma l’aspetto più interessante dal punto di vista filosofico è che

Sicurezza oltre il carcere

1 giugno 2015
Vladimiro Zagrebelsky

Dopo la sentenza con cui la Corte europea dei diritti umani ha ritenuto che la ristrettezza dello spazio destinato ai detenuti italiani fosse causa, in se stessa, di trattamento inumano, sono stati presi provvedimenti. Da un lato alcune modifiche legislative hanno prodotto la diminuzione del numero dei detenuti in carcere e dall’altro la gestione di varie carceri è stata rivista per consentire ai detenuti la maggior possibile permanenza fuori delle celle durante la giornata. In questo modo sembra risolto o almeno rinviato il contenzioso che esponeva anche

L’Italia, il 2 giugno e il senso della Nazione

31 maggio 2015
Nadia Urbinati
2 giugno

Il Consolato generale d’Italia di New York offre alla comunità italiana e italo-americana un ricco programma di attività per le celebrazioni del 2 giugno. Cinema, storia, letteratura, arte: un panorama della cultura dell’Italia repubblicana che inorgoglisce e rende giustizia a quel che il nostro Paese ha realizzato in questi settant’anni di libertà politica. Le celebrazioni della Festa della Repubblica sono pubblicizzate come “Italian National Day”. Una scelta che lascia perplessi in questo tempo di rinascita del fenomeno nazionalista, soprattutto in Europa, dove alle forme populiste si affiancano in…

Chiediamo una mail di sostegno con brevi riflessioni sul ruolo della scuola, sull'istruzione pubblica, sul decreto concepito con spirito aziendalistico

Lettera di una professoressa a Libertà e Giustizia

28 maggio 2015
prof.ssa Michela Di Paolo

Sono una docente di latino e greco di Camerino, che ha seguito la Vostra associazione, anche grazie ai vari esponenti che si sono espressi criticamente nei confronti della ultime riforme del Governo e in particolare quella sulla scuola. Vi scrivo anche a nome dei docenti che stanno combattendo contro il ddl sulla scuola, contando sul sostegno di intellettuali e Associazioni. Pensiamo che il mondo della cultura – dalla scuola primaria al mondo accademico, alle Associazioni con finalità educative – deve essere unito per la tutela della formazione libera, democratica, laica dei giovani, quali futuri cittadini, rispettosi dei diritti altrui e propri.

Gli studenti di ogni scuola realizzano il loro Piccolo Manifesto per l’Europa descrivendo l’Europa che vorrebbero.

Maratona per la costruzione dell’Europa (Progetto)

28 maggio 2015
Maurizio Olivieri

La Maratona per la costruzione dell’Europa parte da qui e si pone l’obbiettivo di coinvolgere altre comunità e di proseguire nel percorso di riflessione sui e di diffusione dei valori-principi alla base del processo di costruzione dell’Unione Europea, analizzandone difficoltà di attuazione. Il tutto prende le mosse dalla convinzione che sarà difficile un recupero di cittadinanza e sovranità se non attraverso l’Europa.

Con l’approvazione del Ddl 1345, la salute dei cittadini e l’ambiente passano in secondo piano rispetto ai diritti garantiti agli inquinatori, protetti da autorizzazioni e quindi non abusivi.

Ecoreati, una legge truffa

26 maggio 2015
Antonia Battaglia

Il Ddl 1345, che introduce norme per i delitti contro l’ambiente nel codice penale, è diventato legge. Il testo, sbandierato come un grande successo da diversi partiti e da alcuni associazioni ambientaliste, ha subito vari emendamenti e modifiche, e nella sua formulazione risulta talmente ambiguo da rappresentare de facto un condono ai grandi inquinatori attuali e potenziali.

Viva Falcone, Viva Borsellino. Ma chi protegge Di Matteo?

25 maggio 2015
Sandra Rizza

Nessuno resiste alla Falconeide. Non c’è vip della classe dirigente di questo Paese (presidente, ministro o magistrato) che non abbia un ricordo, sia pur minimo, di Giovanni Falcone da rispolverare nell’aula bunker di Palermo dove ogni anno si raduna il salotto chic dell’antimafia istituzionale.
E anche quest’anno il copione è stato rispettato: commemorando il sacrificio del giudice assassinato sull’autostrada di Capaci, tutti i più alti rappresentanti dello Stato, Sergio Mattarella in testa,

La Corte Costituzionale valuta i principi delle leggi, non gli effetti economici della dichiarazione di incompatibilità con la Carta

24 maggio 2015
Giuseppe Giobbe

posso essere d’accordo con questa sua affermazione.
Se mai è il contrario. E’ il Governo che nel legiferare in materia di
finanza pubblica deve provvedere ad una valutazione di compatibilità
costituzionale dei provvedimenti che intende adottare.

Alla Camera rispunta il minimo da 5.000 euro per le multe, misure contro le querele temerarie

Diffamazione salvi web e blog ma rettifiche entro due giorni

21 maggio 2015
Liana Milella

Roma. Salvi i blog e le notizie sul web. Almeno per ora. Il “cantiere” infinito della legge sulla diffamazione va avanti. Un’ossessione bipartisan della politica. Al terzo giro di boa parlamentare, il ddl Costa alla Camera, in queste ore, cambia ancora rispetto al testo del Senato, ma stavolta con qualche buona notizia per i giornalisti online.

Italicum, parla l’avvocato che ha sconfitto il Porcellum: “Riforma Renzi incostituzionale”

19 maggio 2015
Il Fatto Quotidiano

“Anche la nuova legge elettorale è incostituzionale, dobbiamo portarla davanti alla Corte costituzionale al più presto promuovendo ricorsi in tutta Italia”, dichiara l’avvocato Felice Besostri, uno dei legali che dopo sette anni di battaglie riuscirono a far cancellare dalla Consulta il famigerato “Porcellum”. Besostri ha ricevuto l’incarico di impostare la strategia giudiziaria contro l’ “Italicum” dalCoordinamento per la democrazia costituzionale, network di associazioni, comitati [...]