Diventa Socio
Il Manifesto

Riforme, le ragioni dei resistenti

9 luglio 2014
Andrea Fabozzi
chiti

Ma se in aula sarà bat­ta­glia, quello che si è riu­nito ieri per tutto il pome­rig­gio a Roma è di certo il quar­tier gene­rale delle truppe resi­stenti. Pochi sena­tori — Chiti, Cas­son, Mineo, Tocci, Mario Mauro — e molti costi­tu­zio­na­li­sti, tra i più auto­re­voli. L’associazione per la demo­cra­zia costi­tu­zio­nale e altre asso­cia­zioni hanno chia­mato a rac­colta quelli che per Renzi, ma ormai anche per la sin­tesi dei gior­nali e tg, sono sem­pli­ce­mente i «fre­na­tori». Leggi l’articolo sul Fatto Quotidiano

La riforma costituzionale

Ma le Costituzioni vivono nella storia

8 luglio 2014
Salviamo la Costituzione 25-04-05

Domandiamoci, piuttosto, perché la storica vittoria referendaria (2006) sia stata abbandonata all’oblio, quasi disconosciuta dal PD, permettendo prima a Berlusconi di far credere che le sue insufficienze governative dipendessero da una complessiva inefficienza del sistema e poi a Renzi di tentare uno stravolgimento dei poteri politici che cancellerà ogni equilibrio tra i diversi istituti.

Comunicato stampa

Ferri cosa aspetta?

7 luglio 2014
Libertà e Giustizia
Tocco magistrati

Cosa aspetta il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri a dimettersi? E cosa aspetta il premier Renzi a chiedere ufficialmente le sue dimissioni? Libertà e Giustizia ricorda la gravità di chi abusa del suo ruolo governativo per influenzare elezioni di un altro organo dello Stato.

Comunicato stampa

Venerabili e patti segreti

4 luglio 2014
venerabili _bn

Almeno, quando ci spacciano queste “riforme” per il nuovo, per un presente che guarda al futuro, mi piacerebbe che ci fossero voci di qualcuno che ricorda e ammonisce. E respinga nella palude gli eredi dei venerabili, e dei loro patti segreti. Noi, antichi “ribelli”, certamente non staremo zitti. Leggi anche “I padri della patria”

Il Fatto Quotidiano

“L’immunità è eccessiva, anche a Montecitorio”

3 luglio 2014
Silvia Truzzi
CarlassareBologna

Mi sembra una proposta veramente inammissibile: sarebbe ragionevole estendere ai membri del ‘nuovo’ Senato l’insindacabilità, stabilendo che, come i deputati, non possano essere chiamati a rispondere per le opinioni espresse e i voti dati nell’esercizio delle loro funzioni. Purché l’insindacabilità si riferisca unicamente alle funzioni senatoriali e non alle altre esercitate in diversa veste. Leggi anche “Costituenti e costituiti” di Marco Travaglio.

La presidenza italiana

Semestre europeo: auguri a tutti!

30 giugno 2014
renzi

A proposito: il primo semestre 2014 è stato presieduto dalla Grecia. Qualcuno se n’è accorto? Il semestre successivo, dal 1 gennaio 2015, toccherà alla Lettonia. Ma davvero qualcuno pensa che la Germania e la Merkel possano affidare a queste presidenze di turno la soluzione dei problemi? Auguri, comunque! A Matteo Renzi e a tutti gli italiani.

Comunicato stampa

Caro Presidente ti scrivo

27 giugno 2014
Napolitano Onu

A che serve chiedere trasparenza e verità sui momenti più bui della nostra storia se poi si accetta che qualcuno metta le mani sulla Costituzione, basandosi su un accordo segreto e sul fatto che ha avuto tanti voti alle primarie di partito o in una elezione europea? Leggi la sintesi dei commenti alla lettera .

Il Manifesto

Il nuovo senato traballa

27 giugno 2014
Andrea Colombo
chiti

Con la pre­sen­ta­zione dei sub-emendamenti, sca­duta ieri mat­tina alle 11, la corsa delle riforme di Mat­teo Renzi parte dav­vero, e se il Pd è diviso Forza Ita­lia rischia una ben più cla­mo­rosa spac­ca­tura. Che il clima non sia per nulla ras­se­re­nato, da quelle parti, lo si è capito ieri mat­tina, nell’assemblea dei sena­tori.
Leggi anche “La fronda di Palazzo Madama” di Luca De Carolis sul Fatto Quotidiano.

Corriere della Sera

il NON governo dei magistrati

27 giugno 2014
Luigi Ferrarella
Le foto dei magistrati assassinati sul Palazzo di Giustizia di Milano

Ma con la quotidianità di indagini delicate che non possono aspettare Godot, e con in ballo il destino di Expo 2015, sarà una pericolosa illusione delegare solo al tempo che passa quella parola chiara sinora non pronunciata dalle istituzioni preposte a dirla.

LeG

Ma il bicameralismo non è una palude

25 giugno 2014
Pierluigi Petrini
parlamento

Tutto nasce dal bicameralismo perfetto, divenuto sinonimo dell’assurdo, del perverso, dell’inaccettabile, del mostruoso. E’ lui a rendere paludose la nostre istituzioni. Lui a rallentare, se non addirittura a insabbiare, ogni tentativo di cambiamento. Lui a indebolire fino all’impotenza la governabilità. Lui la trincea di ogni abietto conservatorismo, il monumento allo spreco, il simbolo della lussuria politica.