Diventa Socio
Comunicato stampa

E’ stato tutto uno scherzo

18 luglio 2014
Ruby

E’ stato tutto uno scherzo. Falcone e Borsellino non furono uccisi 20 anni fa. Non ci fu trattativa tra Stato e mafia. Berlusconi non fece mai sesso nelle cene eleganti. Ruby era una dolce fanciulla in fiore maggiorenne e nipote di zio Mubarak. E’ stato uno scherzo il patto del Nazareno ed è uno scherzo che Renzi voglia chiudere il Senato.

Comunicato stampa

Ferri cosa aspetta?

7 luglio 2014
Libertà e Giustizia
Tocco magistrati

Cosa aspetta il sottosegretario alla Giustizia Cosimo Ferri a dimettersi? E cosa aspetta il premier Renzi a chiedere ufficialmente le sue dimissioni? Libertà e Giustizia ricorda la gravità di chi abusa del suo ruolo governativo per influenzare elezioni di un altro organo dello Stato.

Comunicato stampa

Venerabili e patti segreti

4 luglio 2014
venerabili _bn

Almeno, quando ci spacciano queste “riforme” per il nuovo, per un presente che guarda al futuro, mi piacerebbe che ci fossero voci di qualcuno che ricorda e ammonisce. E respinga nella palude gli eredi dei venerabili, e dei loro patti segreti. Noi, antichi “ribelli”, certamente non staremo zitti. Leggi anche “I padri della patria”

Comunicato stampa

I padri della patria

3 luglio 2014
LeG
Berlusconi-renzi

Ognuno si sceglie i suoi. Libertà e Giustizia non riconoscerà mai a Berlusconi Silvio, Verdini Denis, Letta Gianni, il diritto di mettere le loro mani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Saremo pochi? Saremo gufi? Saremo professoroni e parrucconi? Sempre meglio che complici di questa congrega.

Comunicato stampa

Caro Presidente ti scrivo

27 giugno 2014
Napolitano Onu

A che serve chiedere trasparenza e verità sui momenti più bui della nostra storia se poi si accetta che qualcuno metta le mani sulla Costituzione, basandosi su un accordo segreto e sul fatto che ha avuto tanti voti alle primarie di partito o in una elezione europea? Leggi la sintesi dei commenti alla lettera .

Comunicato Stampa

Senato: se questo è il clima, fermatevi

11 giugno 2014
La presidenza di Libertà e Giustizia
Aula Senato

La sostituzione di Mario Mauro nella commissione Affari Costituzionali del Senato e l’ipotesi già ventilata che identica soluzione si prepari per il senatore Mineo, rappresentano una nuova gravissima umiliazione del Parlamento.

Comunicato stampa

Renzi e l’impegno di LeG

27 maggio 2014
La Presidenza di LeG
renzicampanello

Le elezioni europee dicono che in Italia è nato un grande partito democratico e che alla sua formazione hanno contribuito molte forze di diversa origine, compresa una quota significativa di elettori che in passato hanno sempre votato a destra.

Le elezioni europee

Al voto pensando a Berlinguer

19 maggio 2014
Falcone2

L’articolo di Sandra Bonsanti è precedente rispetto all’appropriazione della figura di Enrico Berlinguer da parte di Grillo e Renzi. “Così nel momento in cui oscuri poteri internazionali sollecitano davvero la fine delle costituzioni nate dopo la Liberazione, basta mettersi d’accordo con chi la Costituzione l’ha sempre combattuta e tradita e il gioco è fatto. Il gioco grande del potere che denunciava Giovanni Falcone. Questa è la posta delle elezioni europee: la possibilità di esportare un altro volto dell’Italia, il volto a cui si riferiva il segretario del Partito comunista nel 1984″.

Comunicato stampa

La palude dei “padri della Patria”

7 maggio 2014
stagno

Chiuso il Senato, ridotto il Parlamento a una schiera di deputati nominati dai capipartito, bene avviata la strada dell’elezione diretta del Presidente della Repubblica con conseguente scomparsa di un’altra figura di garanzia, la nuova Costituzione sarà pronta. L’avranno voluta fermissimamente Renzi e Berlusconi, Boschi e Verdini. Le telefonate di ieri fra Renzi e Berlusconi sono solo l’ultima conferma.

Comunicato stampa

Almeno la RAI dica no a Berlusconi

28 aprile 2014
La presidenza di Libertà e Giustizia
BerluVespa

Libertà e Giustizia chiede alla Rai e ai suoi consiglieri che in attesa della riforma della disciplina dell’emittenza televisiva in Italia, si risparmi ai cittadini l’indegno e avvilente spettacolo del “politico” condannato per un grave reato, espulso dal Senato e tuttora oggetto di procedimenti penali in corso, che spadroneggia sulle reti del servizio pubblico. Senza peraltro che giornalisti degni di questo nome lo mettano di fronte alle sue colpe e senza che si levi un moto d’indignazione da parte del Pd che con Berlusconi sta facendo le riforme. Gad Lerner aderisce al nostro appello . L’articolo sul blog di Repubblica e sull’Huffington Post .