Diventa Socio
Senato.it

Corsini: la distorsione di un senato non eletto

24 luglio 2014
Paolo Corsini *
Corsini

Resoconto stenografico dell’intervento del senatore Pd, Paolo Corsini, il 14 luglio scorso. “Ebbene, voglio dire che, a mio avviso, il consenso abilita al governo, non all’esercizio del comando. Non c’è nessun freno, nessun sabotaggio, nessuna imboscata, ma soltanto la passione di chi, a schiena dritta e a testa alta, difende le proprie convinzioni senza ricerca di alcun tornaconto; e vale anche la civiltà del linguaggio e la purificazione dei termini con cui avvaloriamo le nostre argomentazioni”.

La discussione in Senato

Ma in democrazia nessuno ha in mano l’ultima chance

22 luglio 2014
Nadia Urbinati
boschi

Non c’è ma un’”ultima chance” nella democrazia, dove appunto si vota puntualmente e nessuno può mai dire di rappresentare l’ultima possibilità o di avere in mano la risposta definitiva ai problemi (se questo fosse che senso avrebbe votare e rivotare?). Ad essere precisi la democrazia è un sistema dove ogni scelta è penultima. Leggi anche il sondaggio di Nando Pagnoncelli sul Senato elettivo .

Il Fatto Quotidiano

Contro i ladri di democrazia, no al Parlamento dei nominati e all’uomo solo al comando

17 luglio 2014
Antonio Padellaro, Marco Travaglio, Peter Gomez e la redazione del Fatto Quotidiano
renzi-berlusconi

Le controriforme dell’Italicum e del Senato, concordate dal governo con Berlusconi consentono a un pugno di capi-partito di continuare a nominarsi i deputati, aboliscono l’elezione dei senatori ed espropriano i cittadini dei referendum e delle leggi di iniziativa popolare. Chiediamo ai presidenti Napolitano, Grasso, Boldrini e Renzi di sostenere solo riforme che rispettino lo spirito dei Costituenti, per una vera democrazia partecipata. Firma l’appello . Leggi “In aula la grande Mortificazione” di Sandra Bonsanti .

La "riforma" del Senato

In aula la grande Mortificazione

14 luglio 2014
18desk1f01-senato-emiciclo3

Ma ora che siamo al momento dell’aula, le carte sono tutte sul tavolo: e grazie alla pubblicazione su “Il Fatto” del testo integrale della proposta di Gustavo Zagrebelsky
inviata al ministro Boschi, nessuno può più accusare il pensiero critico di non essere anche propositivo. Riforme: Casson, su di noi disinformazione, basta censure.
Chiti, si scherza con futuro del Paese.

Il Fatto Quotidiano

“Renzi è intollerante a garanzie e contropoteri”

10 luglio 2014
Silvia Truzzi
a.pace

Il pacchetto delle riforme costituzionali è nato sotto una costellazione confusa: mille tira e molla, voltafaccia, modifiche su singoli punti nate da trattative plurilaterali. “A mio avviso è ben chiara l’idea di concentrare i poteri nella Camera dei deputati e, in definitiva, nella coalizione di maggioranza”, spiega Alessandro Pace, professore emerito di Diritto Costituzionale alla Sapienza di Roma e socio di LeG.

Comunicato stampa

I padri della patria

3 luglio 2014
LeG
Berlusconi-renzi

Ognuno si sceglie i suoi. Libertà e Giustizia non riconoscerà mai a Berlusconi Silvio, Verdini Denis, Letta Gianni, il diritto di mettere le loro mani sulla Costituzione nata dalla Resistenza. Saremo pochi? Saremo gufi? Saremo professoroni e parrucconi? Sempre meglio che complici di questa congrega.

L'intervista di Radio Popolare a Lorenza Carlassare

Immunità: con questo Senato discussione ridicola

25 giugno 2014
Lorenza Carlassare

Se non fosse tragico sarebbe ridicolo. Ieri ho sentito che la ministra Boschi diceva di voler trovare una mediazione. La mediazione si ha tra persone che vogliono cose diverse. Sull’immunità nessuno la voleva. Tra chi mediano? Nessuna l’aveva messa, nessuno l’aveva pensata, che allora la eliminino, che mediazione è? Bisogna stare attenti quando si riducono gli spazi di democrazia e le garanzie, le minoranze espulse, un senato non elettivo….

Il commento

Riflettere prima di decidere. È davvero conveniente creare una nuova casta di nominati?

20 giugno 2014
Nadia Urbinati
18desk1f01-senato-emiciclo3

All’inizio il problema era il bicameralismo perfetto ora è il bicameralismo. Questa riforma si orienta di ora in ora verso un radicale rifacimento dell’assetto istituzionale della nostra Repubblica. Due principi si stanno imponendo che reinterpretano il significato della rappresentanza e del suffragio: i cittadini sono sovrani dimezzati; il voto dei cittadini serve solo a formare una maggioranza.

Il manifesto

Un po’ meno sindaci nel nuovo senato

19 giugno 2014
Andrea Fabozzi
Berlusconi-renzi

E’ sem­pre Renzi-Berlusconi. Le riforme costi­tu­zio­nali restano un appun­ta­mento per due, un appun­ta­mento ancora rin­viato ma intui­bile sullo sfondo. Nel frat­tempo si incon­trano i secondi, il capo­gruppo dei sena­tori for­zi­sti Romani e la mini­stra Boschi che però girano sem­pre attorno alla moda­lità di ele­zione del nuovo senato.
Leggi anche sul Fatto “Riforme avanti tutta, l’anticorruzione può attendere”

L'intervento

Un’Italia libera e onesta è un’Italia affrancata dalle mafie

16 giugno 2014
Gian Carlo Caselli
caselli

Un’Italia libera e onesta è anche se non soprattutto un’Italia affrancata dalle mafie. Cosa hanno visto le vittime della violenza mafiosa? Hanno visto la sopraffazione, la ricchezza facile e ingiusta, l’illegalità, la compravendita della democrazia, lo scialo di morte e di violenza, l’esatto contrario di un’Italia libera e onesta e hanno cercato di cambiare questo stato di cose e per questo sono morti.