Diventa Socio
MicroMega

La Costituzione di Renzi e Berlusconi

17 aprile 2014

Matteo Renzi lo ha ricevuto a cena a Palazzo Chigi. Un incontro di due ore per rinsaldare il “patto” contro la Costituzione. “Il patto tiene”, “Il patto regge”, fanno sapere alla fine i partecipanti.
Più di settanta articoli della Costituzione italiana saranno sostituiti per far posto a un monocameralismo senza pesi e contrappesi e a tutto [...]

Comunicato stampa

La Costituzione di Renzi e Berlusconi

15 aprile 2014
Berlusconi-renzi

E che la democrazia è altro, e non trae linfa vitale da un “patto” siglato e rafforzato a Palazzo Chigi, tra quei contraenti.
Anzi, si assottiglia sempre di più, fino a quando respingere l’eredità sarà troppo tardi e inutilmente cercheremo nella Costituzione di Renzi e di Berlusconi le garanzie che avevamo avuto ma che qualcuno, una sera a cena, aveva deciso che erano diventate inutili, anzi dannose. L’articolo sul sito di Micromega .

Comunicato stampa

Il patto e il sogno

9 aprile 2014
senato

Sapevamo che prima o poi qualcuno ci avrebbe provato: a cercare di screditare LeG, come è stato fatto da chi ha diffuso in malafede il testo di una proposta di Rodotà del 1985. Non merita davvero di fermarsi sulla macchina del fango che deve tenere oliati i propri ingranaggi. Leggi l’intervista a Gustavo Zagrebelsky su La Stampa .

Una risposta

La casta siete voi

31 marzo 2014
berlinguer

La casta siete voi, eredi di vecchie proposte, sempre ispirate alla stessa condanna del Parlamento previsto dai padri fondatori: con le garanzie necessarie, qualche passaggio forse lento (ma facilmente modificabile), la netta distinzione fra i poteri dello Stato, il riconoscimento fondamentale dei diritti delle persone e dei lavoratori.

Le riforme istituzionali

Meno male che il Senato c’è

13 marzo 2014
Staino

Allora, davvero, meno male che il Senato c’è ancora. Domani lo rimpiangeremo: una qualunque maggioranza di governo potrà farsi la legge elettorale che le piace, che le assicura eterno potere senza mediazioni. Governabilità assoluta. E poi: se non c’è più il Senato non c’è più nemmeno il Condannato, nel senso che non c’è più una esclusione dalla Camera alta per aver truffato il fisco e il cittadino italiano. La riforma di Renzi su Titolo V e Senato . Leggi l’articolo sull’Huffington Post .

L'abolizione del Senato

Così muore la democrazia

5 marzo 2014
Aula Senato

Non c’è spazio per obiezioni, per soluzioni alternative. Nascerà la nuova Costituzione, a firma Renzi – Napolitano, una sola Camera e un carrozzone chiamato Senato delle regioni, senza poteri, se non quello di venire in gita a Roma una volta al mese. Arriva una dichiarazione del presidente del Senato Piero Grasso che propone qualcosa di simile, una profonda diversità fra le due Camere, ma non la eliminazione… sorrisi di supponenza, come a dire: quello è fuori dalla storia, non conta nulla.

Il fatto quotidiano

Ho paura del legame con B. e della sua mancanza di lealtà

27 febbraio 2014
renzi

L’aspetto che più mi inquieta della politica di Matteo Renzi è la possibilità che la trasparenza tanto sbandierata nasconda qualcosa di oscuro, nella origine del suo potere e negli obiettivi della sua politica.

L'intesa

Perché Matteo piace a Silvio

26 febbraio 2014
renzi-berlusconi

Bisognava forse aggiungere un altro tassello al mosaico di inquietanti sospetti che abbiamo elencato sulle intese tra questo governo e Berlusconi? Il neo viceministro alla Giustizia Enrico Costa, ex Forza Italia, ex Pdl, ora nel NCD di Alfano, è stato, nel governo Berlusconi (2008) relatore di norme molto discusse come il Lodo Alfano che bloccava i processi giudiziari nei confronti delle quattro più alte cariche dello Stato poi abrogato dalla Corte Costituzionale e il Legittimo impedimento che prevedeva la sospensione dei processi giudiziari a carico di Presidente del Consiglio e Ministri fino al mantenimento della carica elettiva. Leggi anche il commento sul Fatto Quotidiano di Sandra Bonsanti.

Il doppio livello della politica

Larghe intese, urne vuote

18 febbraio 2014
napolitano-renzi-letta

Aumenta di ora in ora la lontananza fra cittadini, questa politica e questi partiti. Ecco il risultato del governo tecnico e dei governi di larghe intese. Sandra Bonsanti intervistata da Danilo De Biasio su Radio Popolare. Ascolta l’audio.

La crisi

Fondata sull’Infedeltà

13 febbraio 2014
2018

Non è purtroppo solo una questione di numero romano, è una Repubblica che offende il Parlamento decidendo tutto fuori dall’aula. Una Repubblica che taglia i ponti fra cittadini e le istituzioni, in nome del Potere. Che rimane oscuro come lo è sempre stato in questo Paese. Come diceva Bobbio se una Repubblica finisce male e senza mea culpa, quella che segue sarà un disastro. Comunque, una Repubblica fondata sull’Infedeltà.