Paul Ginsborg, l’inglese che ‘sussurrava’ alla storia

Paul Ginsborg, l’inglese che ‘sussurrava’ alla storia

Ho conosciuto Paul Ginsborg intorno al 2000. Era poco prima dell’epoca dei Girotondi, movimento di cui sarebbe stato tra i fondatori, nel 2002, con Francesco “Pancho” Pardi, Paolo Flores d’Arcais e diversi altri intellettuali e attivisti di ogni parte d’Italia.

Quel movimento rimase nella memoria collettiva soprattutto per un episodio, quello in cui la dirigenza dell’allora partito di centrosinistra, riunita a piazza Navona a Roma, venne attaccata pubblicamente. Restò celebre il grido di Nanni Moretti indirizzato ai Democratici di Sinistra (i DS) con dure parole di critica- poi eternate nella frase “Di’ qualcosa di sinistra!” rivolto a D’Alema nel suo film “Aprile”.

Fu un momento di grande fervore in cui sembrava che potesse accadere davvero qualcosa, in cui il tentativo di fare qualcosa con la politica rappresentava un impegno attuabile. Non fu così. Paul scrisse poi un tagliente e coraggioso libretto su “Berlusconi” come tycoon per gli Struzzi di Einaudi (2003), in cui si interrogava sulla qualità della nostra democrazia e su quella mediatica dell’impero costruito dall’allora presidente del Consiglio. Lo recensii e intervistai lui più volte nel tempo. A Firenze fondò un Laboratorio, in cui era attivissimo, ma molte amicizie e legami politici di allora in seguito si ruppero e fummo tutti sommersi dall’onda lunga del berlusconismo trionfante, finché quell’impeto si spense del tutto.

Anni dopo, nel 2014, ho avuto il piacere di seguirlo alla consegna del Premio Internazionale della Versilia Viareggio Repaci per l’opera sua di storico dell’Italia, in volumi a cui attese anche successivamente e che purtroppo ora resteranno inconclusi. Facevo parte da qualche tempo dell’associazione di cultura politica Libertà e Giustizia e lavoravo per il Premio letterario, perciò il piacere di quel meritatissimo riconoscimento a lui attribuito fu doppio.

Quello che ricorderò con chiarezza è un inglese coltissimo, sempre gentile e schivo, spesso sorridente, che “sussurrava” alla Storia -come si direbbe oggi- con una capacità di visione illuminante, innamorato del nostro Paese al punto da volersi trasferire a vivere Firenze con la sua famiglia, in assoluta controtendenza rispetto al fenomeno della fuga dei cervelli all’estero. Grazie Paul del molto che hai dato a tutti noi e all’Italia.

www.micromega.net

11 maggio 2022

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>