La vittoria di Biden e le trappole del sistema elettorale americano

La vittoria di Biden e le trappole del sistema elettorale americano

Le confutabili opinioni di Susan Rice* sul risultato delle elezioni americane, la sconfitta di Trump e la vittoria di Joe Biden. Il problema con la maggior parte dei miei amici e conoscenti statunitensi – vicini o moderatamente contro l’establishment liberale - è che, avendo vinto le elezioni demonizzando giustamente Trump, hanno imparato poco o nulla dall’esperienza. 
.
Userò Susan L. Rice, una persona con le giuste credenziali, sia intellettuali sia politiche, come esempio dei pericoli nell’ignorare le trappole dell’attuale sistema elettorale, un aspetto essenziale di ogni democrazia. La semplice denuncia del comportamento, peraltro elettoralmente infruttuoso, della persona che sta per essere estromessa dalla Casa Bianca non dovrebbe diventare un alibi per ignorare la necessità di cambiare le procedure elettorali che l’hanno portata a vincere le elezioni nel 2016, e convincere il 70% dei suoi elettori del 2020 che il risultato non le è stato rubato. Una ferita duratura alla democrazia statunitense, se non affrontata in modo diretto.
.
Lasciatemi commentare punto per punto le argomentazioni della Rice (The N.Y. Time, 3 dicembre). Susan Rice: La campagna di Trump ha lavorato (in gran parte invano) per inventare teorie del complotto per screditare Biden denigrando con argomenti falsi suo figlio Hunter. Una mezza verità. Hunter guadagnava 50.000 dollari al mese nel consiglio di una società ucraina corrotta, chiaramente per l’unica ragione che suo padre era il vicepresidente degli Stati Uniti, in grado di premere sul governo ucraino per combattere … la corruzione. Fortunatamente (ai fini dell’esito politico del confronto), Trump e il suo sgherro, Rudy Giuliani, sono stati sorpresi mentre cercavano di ricattare il governo ucraino per screditare Biden piuttosto che concentrarsi sul vero problema: il vicepresidente era stato posto oggettivamente in una posizione di conflitto d’interessi accettando di trattare, per conto dell’amministrazione Obama, una questione (corruzione interna di un altro stato sovrano) che, se del caso, avrebbe potuto e dovuto essere gestita attraverso i consueti canali diplomatici. (Non oso immaginare ciò che gli ucraini devono aver pensato, o imparato, da entrambi i lati dello spettro politico degli Stati Uniti). Una possibile implicazione (per usare un termine leggero) è che la felice procedura d’impeachment, avviata dalla maggioranza democratica alla Camera dei Rappresentanti, sia stata silenziosamente e rapidamente strangolata nella culla da un altrimenti impensabile voto bipartito nel Senato: né Hunter né Bolton! Un cinico statista italiano, Giulio Andreotti, diceva: “I sospetti sono peccaminosi, ma tendono a essere ben fondati”.
.
SR: I sostenitori di Trump hanno lavorato assiduamente per sopprimere il voto denigrando la legittimità delle schede elettorali inviate per corrispondenza durante la pandemia … manipolando il sistema postale per ritardare la consegna delle stesse. Assolutamente vero. Tuttavia, perché le democrazie occidentali escludono il voto per posta? L’unica grande eccezione cui riesco a pensare è il voto per corrispondenza degli emigranti in Italia, con effetti disastrosi in termini di segretezza, conteggio delle schede elettorali e tempistica. Non sarebbe necessario un ripensamento, sulla base dello scempio suscitato in queste ultime elezioni?
.
SR: (…) limitare l’accesso alle urne elettorali e ai seggi elettorali, inondare di messaggi per smorzare l’affluenza alle urne delle minoranze, far esplodere chiamate automatiche per ingannare gli elettori su dove e quando votare … Le attuali regole elettorali negli Stati Uniti sono palesemente assurde. Basate sul principio federalista dovrebbero essere limitate alle elezioni locali, mentre non ha senso avere regole e procedure diverse a livello statale e persino di contea per eleggere rappresentanti federali sia al Congresso sia per l’elezione del presidente. La scelta di un solo giorno lavorativo, l’insufficienza dei seggi elettorali, le lunghe file, le regole di registrazione complicate e diversificate sono modi diversi, consapevolmente o meno, di scoraggiare l’affluenza alle urne, in particolare delle persone culturalmente e socialmente svantaggiate.
.
SR: Alcuni dei più accaniti sostenitori di Trump hanno intimidito gli elettori alle urne, raccomandando di votare con attenzione… In effetti, non si tratta di un comportamento così oggettivamente abietto, essendo, in effetti, se non incoraggiato, quanto meno reso possibile dalla mancanza di regole universali chiaramente stabilite -regole che, in altri paesi democratici, assicurano l’ordine nei seggi elettorali, la segretezza del voto e lo scrutinio delle schede elettorali sotto la supervisione di osservatori nominati dai partiti?
.
SR: Nel periodo che precedeva il giorno delle elezioni, Trump ha inviato un esercito di provocatori per coinvolgere la magistratura e limitare l’accesso alle urne. Tali iniziative sono frequenti nelle quasi-dittature come mezzo per le minoranze dissidenti di opporsi a manipolazioni ampiamente e plausibilmente attese da parte di chi detiene il potere. Nel caso in esame, il contenzioso, non solo preventivo, è reso possibile da regole e sentenze poco chiare ed eterogenee a livello locale, sia riguardanti il diritto di voto, sia il calcolo finale dei risultati da parte del collegio elettorale.
.
Mentre si può sostenere che l’assegnazione dei voti elettorali, stato per stato, è parte di un compromesso federale anche al prezzo dell’elezione di un presidente con voti nazionali inferiori al suo avversario, è invece chiaramente perverso che i diversi poteri dei singoli stati possano invertire il risultato certificato entro i propri confini. La prova del budino è la lotta per la Corte Suprema. La nomina extrema ratio di Amy Coney Barrett – costringendo la maggioranza repubblicana a rinunciare a qualsiasi coerenza morale dopo la sua efficace opposizione al presidente Obama nella nomina di Garrick Garland – ha prodotto un esito giudiziario delle elezioni piuttosto che di scrutinio.
.
Infine, un’omissione capitale nell’argomentazione di SR: il ruolo bipartisan, anzi il ‘governo del denaro’ nelle elezioni statunitensi. Secondo calcoli universalmente accettati, le recenti elezioni presidenziali e congressuali sono costate circa 14 miliardi di dollari. Secondo un’ipotesi plausibile, entrambi i partiti spenderanno quasi un miliardo di dollari prima delle rielezioni in Georgia. Somme enormi per i partiti politici, ma una miseria in rapporto ai giganteschi interessi finanziari e industriali – il famigerato 1% – che mirano a un controllo sempre maggiore delle istituzioni di Washington.
.
Non sorprende che il partito repubblicano non abbia nulla da offrire in termini di critica a questo stato di cose e mostri una trasparenza equivalente a quella delle dichiarazioni dei redditi del suo leader. Quanto ai Democratici, hanno giustamente fatto una campagna contro una sentenza abbastanza recente della Corte Suprema contro ogni vincolo, mentre il loro candidato alla presidenza si è attenuto a principi di trasparenza che, tra l’altro, mostrano una consistente rappresentanza di donatori nell’ambito delle imprese.
.
Alcuni Democratici – in larga misura i sostenitori di Obama; soprattutto, alcuni candidati progressisti, ispirati da Bernie Sanders, hanno stabilito come regola di accettare solo ordinari e limitati contributi, ma con il risultato paradossale che le risorse raccolte da ciascun candidato sono degenerate in una corsa parallela ai sondaggi per prevedere l’esito di un’elezione.
.
Concludo ricordando ancora un aneddoto personale. Quando, alla fine degli Anni Novanta si stava per approvare una legge che vietava gli spot televisivi politici durante le campagne elettorali, Barbara Boxer, l’illustre senatrice della California, mi disse (ricordo ancora le sue stesse parole): “Assicurati di approvare quella legge! Salverà un po’ della qualità della tua democrazia. Negli Stati Uniti, per essere rieletta senatrice, devo raccogliere una media di 52.000 dollari al giorno!”. Conoscendo la sua reputazione d’integrità, chiesi se poteva sfuggire ai diktat delle lobby. La sua risposta fu: “Devo bilanciare il denaro che ricevo per preservare la mia libertà, concedere l’accesso a tutti i contributori, ma non cedere a nessuna richiesta che violi le mie convinzioni”. 
.
Quanti rappresentati eletti seguono il consiglio della senatrice Boxer? Il punto è l’aumento delle spese elettorali che aumenta la vulnerabilità morale e politica dei titolari di cariche. Ci si può aspettare un’obiezione. Le elezioni del 2020 sono un unicum, una sorta di stress test che si concluderà con successo quando Joseph Biden avrà giurato come 46° Presidente degli Stati Uniti. Quando Giuseppe Conte, a capo del governo italiano, come la maggior parte dei suoi colleghi, ha riconosciuto Biden come presidente eletto, si è giustamente congratulato anche con “il popolo e le istituzioni degli Stati Uniti” per il risultato ottenuto in circostanze certamente difficili. 
 
Anche il turno elettorale del 2000 fu portato a termine dalla Corte Suprema con la nomina alla presidenza di George W. Bush presidente, a spese di Al Gore. Senza nemmeno un riconteggio, nello stato decisivo della Florida, presieduto dal governatore Jeb Bush, fratello del presunto presidente eletto. 
.
Forse, Susan Rice e tutti noi, sostenitori di Joe Biden, dovremmo mostrare un po’ di gratitudine per l’elezione certificata e ricontrollata del nostro candidato! Questa è la preoccupazione di tutti noi, come parte della popolazione globale. Ancora una volta, Bernie Sanders ha messo il dito sulla piaga quando ha detto al Segretario di Stato Pompeo che, rifiutandosi di accettare il risultato di libere elezioni, era difficilmente credibile, quando teneva conferenze in altri paesi sulla democrazia e lo stato di diritto. Una verità bipartisan che potrebbe ricordare Franklin D. Roosevelt , quando definì Mussolini “Quell’ammirevole signore italiano” e Somoza come un s.o.b, un nostro “son of a bitch”. Per citare George Smiley di Le Carre’: ” Se usi gli stessi mezzi del tuo nemico per i tuoi fini, diventi come lui”. 
.
.
* Gian Giacomo Migone Presidente della Commissione Esteri del Senato (1994-2001; fondatore de “L’Indice dei libri del mese”; membro dell’Advisory Board, European Institute, Columbia University; già professore ordinario di Storia delle relazioni Euroatlantiche, Università di Torino; libro più recente “The United States and Italian Fascism”, Cambridge University Press, New York-London, 2015.
.
* Susan Elizabeth Rice è una politica e diplomatica statunitense, ex rappresentante permanente alle Nazioni Unite ed ex consigliera per la sicurezza nazionale.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>