Non è accettabile un regionalismo non solidale 

Non è accettabile un regionalismo non solidale 

Il Ddl sull’autonomia differenziata non venga votato come collegato alle legge di bilancio. Serve un ampio e approfondito dibattito parlamentare 

Lettera-appello del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale, della Fondazione Einaudi, dell’Arci, della Cgil e di NOstra

Con una lettera-appello inviata al Presidente della Repubblica, ai Presidenti di Camera e Senato, al Presidente del Consiglio, ai ministri Gualtieri, Boccia e Provenzano, ai presidenti delle Regioni e delle Province autonome, ai Presidenti dei Gruppi parlamentari di Camera e Senato, a tutti i deputati e senatori, Massimo Villone, presidente del CDC, Giuseppe Benedetto, presidente della Fondazione Einaudi, Francesca Chiavacci, presidente Arci, Rossana Dettori, segretaria confederale Cgil, Jacopo Ricci, presidente di NOstra ritengono indispensabile un ampio e approfondito dibattito parlamentare per definire i limiti da osservare nell’attribuzione di “forme e condizioni particolari di autonomia, con un pieno coinvolgimento delle assemblee elettive nelle decisioni di merito.

La preannunciata legge-quadro sull’autonomia differenziata, da votare come ddl collegato alla legge di bilancio, non è stata ancora presentata e questo induce a sperare che si apra un procedimento diverso da quello seguito sin qui, superando i limiti della trattativa tra Governo e singole Regioni, che favorisce gli egoismi territoriali, a scapito della salvaguardia dell’interesse nazionale e dell’uguaglianza dei diritti.

A differenza di quanto dichiarato dal ministro Boccia, noi riteniamo che proprio l’emergenza Covid dimostra quanto sia stato sbagliato indebolire le potenzialità del servizio sanitario nazionale, come attestano le differenze che emergono tra le Regioni nella capacità di rispondere adeguatamente alla pandemia. La salute è un diritto fondamentale e la sua tutela richiede un accentramento delle competenze in materia, senza lasciare spazio a localismi inadeguati a far fronte a problemi di questa portata.

Chiediamo quindi che sul tema dell’autonomia differenziata si evitino forzature, si rinunci a farla votare come collegato alla finanziaria, si promuova nel Paese un’ampia discussione nel merito e si affidino al Parlamento il dibattito e le decisioni sul provvedimento.

Roma, 3 dicembre 2020

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>