3 commenti

  • io incomincerei con l’ “habeas corpus”, a partire dalle sedi diplomatiche, tipo ambasciate e così a discendere

  • La questione non è complessissima, ma semplicissima. Molti cittadini non credono nella democrazia rappresentativa perché la società civile ha accolto i principi e le regole dell’ordinamento monarchico a favore del privilegio e del malaffare. Gli atti illegali emessi ogni anno dai pubblici poteri ammontano ogni anno a centinaia di migliaia, con un costo per la collettività di centinaia di miliardi. La società civile, compresa LEG, dimostra di non indignarsi dinanzi al crimine più odioso che l’umanita conosca: la violazione della legge da parte del giudice. Evidentemente i relatori non sono mai stati raggiunti da uno solo di quei milioni di atti illegali emessi nei confronti di decine di milioni di cittadini.

  • “Perché molti cittadini non credono più nella democrazia?”

    Semplicemente perchè la Democrazia offerta da una politica di mediocrita’ crescente, da di sè, da lustri e decenni, una realta’ sempre meno soddisfacente, sempre più lontana dalle aspettative della Cittadinanza, in una regressione continua della qualita’ dei servizi fondamentali: scuola, giustizia, sanita’, stato sociale, lavoro e sopratutto in una crescente iniquita’ che avvelena la convivenza.

    Tutto questo induce una crescente maggioranza di cittadini a orientare le proprie preferenze verso ordinamenti alternativi, verso l’uomo forte e solo al comando.

    Se in Parlamento non torneranno rigore morale e culturale, competenze, orientamento al bene comune, lo sbocco conseguente sara’ qualcosa tra democratura e democrazia illiberale, essendo ottimisti.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>