Ecco cos’è il conflitto d’ interessi | Libertà e Giustizia

Ecco cos’è il conflitto d’ interessi

Ecco cos’è il conflitto d’ interessi

Le vicende degli ultimi giorni riportano al centro del dibattito pubblico un tema rispetto al quale l’ Italia era in ritardo già 25 anni fa: il conflitto d’ interessi. Quando si pone questo tema, facilmente si trova qualcuno che fa notare come i problemi siano altri, come in fondo con il conflitto d’ interessi non si mangi.

Invece, i molti casi in cui questo prende forma dimostrano proprio il contrario, perché i conflitti d’ interessi determinano un ingiusto vantaggio privato per chi detiene posizioni pubbliche e quindi – soprattutto – penalizzano chi non ha potere o amicizie o connessioni, chi si impegna e conta (solo) sulle proprie forze, chi vuole seguire le regole della concorrenza leale.

Si tratta di concetti molto lineari che vengono spesso mischiati e confusi nel dibattito pubblico, tanto da far pensare che forse non sia chiaro cosa sia un conflitto d’ interessi. Ebbene, questo si realizza quando chi ricopre una carica pubblica, in virtù della quale dovrebbe perseguire (esclusivamente) interessi pubblici, è gravato anche da un interesse privato, proprio o di un prossimo congiunto, che potrebbe essere tentato dal favorire (a discapito di quello pubblico). Non deve esserci nessuna rilevanza penale, perché in tal caso saremmo già all’ interno di vere e proprie fattispecie corruttive, per cui non ha nessun senso ripetere – come a volte fanno gli organi d’ informazione – che quella ministra piuttosto che quel sottosegretario non hanno commesso nessun reato.

Il conflitto d’ interessi è una situazione di allarme, che rileva anche in stato meramente potenziale (senza che cioè nulla sia concretamente accaduto), da un lato proprio per evitare fatti penalmente rilevanti, dall’ altro perché non si crei nei cittadini il sospetto che le cariche pubbliche vengano esercitate per ottenere vantaggi personali, con quella conseguente sfiducia nelle istituzioni che in Italia è ormai particolarmente forte. Ciò non stupisce considerato che, da ormai 25 anni, si alternano episodi di grave corruzione a manifestazioni molto evidenti di conflitti d’ interessi.

Quello di Silvio Berlusconi è stato così eclatante da lasciarne in ombra molti altri e anche da rendere difficile introdurre una disciplina di prevenzione, come previsto in altri Paesi, a partire dagli Stati Uniti d’ America. Qui, attraverso una varietà di strumenti, ai membri del governo è impedito di poter agire per la cura di propri interessi (se del caso anche trasformando i loro asset finanziari in altri che non possono conoscere, grazie alla predisposizione del blind trust).

Questo sistema è stato proposto talvolta in Italia (ad esempio, pur con alcune differenze, sia nell’ ambito del progetto elaborato dalla commissione Affari costituzionali nella XV legislatura sia con la proposta Civati presentata in questa), senza però alcun esito, tanto che, a oggi, è al secondo governo Berlusconi che si deve l’ unica legge in materia, immediatamente inadeguata dalla Commissione di Venezia, nel 2005.

Così, anche questa legislatura termina senza una legge per la prevenzione dei conflitti d’ interessi, ma dopo che ne sono emersi molti casi (che hanno condotto anche alle dimissioni di una ministra), fino a quelli che sembrano essere portati alla luce in questi giorni dalla Commissione d’ inchiesta sulle banche. Ciò crea, naturalmente, discriminazioni capaci di incidere sulla vita dei cittadini, dei lavoratori e delle imprese e ingenera sempre più l’ impressione che chi è al potere sia tentato di esercitarlo per il tornaconto proprio o dei propri congiunti e amici.

Alla vigilia delle elezioni questo rischia seriamente di allontanare un numero sempre maggiore di cittadini dalle urne, sebbene sia anche attraverso il controllo e la selezione esercitati nel momento elettorale che possono disincentivarsi certi comportamenti. Infatti, gli stessi cittadini potrebbero dare un segnale forte contro i conflitti d’ interessi, non solo evitando di votare chi ne sia portatore (o abbia in passato agito in presenza di questi) ma anche orientandosi verso quelle forze politiche che facciano della prevenzione di queste situazioni un punto del loro programma.

Fatto Quotidiano, 23 Dicembre 2017

* L’autore è professore ordinario di Diritto Costituzionale all’Università di Pisa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>