CONOSCENZA E TERRITORIO I VERI PILASTRI DELLA NAZIONE

CONOSCENZA E TERRITORIO I VERI PILASTRI DELLA NAZIONE

L’articolo più originale della nostra Costituzione»: così il presidente Ciampi definì il nono dei principi fondamentali, il cui testo oggi leggiamo sugli striscioni portati in piazza dai precari della ricerca o dai cittadini che promuovono raccolte di fondi per difendere un monumento, contestano i tagli alla cultura o la privatizzazione del patrimonio culturale della loro città, difendono dal cemento un tratto di costa, o chiedono l’ abbattimento di un ecomostro.

Tra le macerie morali del fascismo e quelle materiali della guerra, i costituenti ebbero la straordinaria lungimiranza di associare la parola “nazione” alla conoscenza (sviluppo della cultura e promozione della ricerca) e al territorio: ciò che ci aveva fatti italiani poteva anche riscattarci, e farci di nuovo grandi.

È un progetto carico di futuro: dichiarando che siamo italiani per via di cultura e grazie al nostro vitale rapporto con il territorio, la Costituzione ci costruisce come nazione aperta e pone le basi per lo ius soli.

E poi l’intuizione geniale: fondare la Repubblica sull’ ambiente. I costituenti scrivono «paesaggio e patrimonio storico e artistico», intendendo la forma dell’ Italia, in cui sono indivisibili arte e natura: ma la Corte Costituzionale ha poi spiegato che dobbiamo leggere lì il concetto di “ambiente” (oggi diremmo la biosfera), il più essenziale dei beni comuni, la condizione stessa della nostra salute fisica e mentale, della possibilità di una esistenza sostenibile e di una democrazia sostanziale.

Repubblica, 20 Dicembre 2017

1 commento

  • Possibile che la MIGLIOR ELITE CULTURALE del paese possa accettare passivamente, o arrendersi alla inefficacia di tentativi blandamente esperiti, di essere condotta da una pessima e cieca mediocrità, che offende persino un cittadino normale e semplice?

    Non bastano più parole e discorsi, non bastano seminari e conferenze, non editoriali e libri, non appelli e raccolta firme: è necessario brandire la Costituzione e far valere la Sovranità Popolare per una cesura, una discontinuità brutale e difinitiva verso la casta, e per disegnare per il Paese un futuro degno della nostra storia e dell’Europa.

    E mettere in Costituzione paletti e griglie che impediscano l’accesso al Parlamento, luogo-istituzione da cui tutto discende, a persone che non portino le doti indispensabili di rigore morale e culturale, di competenze, di orientamento al bene comune provato da una coerente storia personale tracciabile.

    Paolo Barbieri

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>