AGGIORNAMENTO- Appello per l’approvazione della legge sul testamento biologico | Libertà e Giustizia

AGGIORNAMENTO- Appello per l’approvazione della legge sul testamento biologico

AGGIORNAMENTO- Appello per l’approvazione della legge sul testamento biologico
AGGIORNAMENTO SULLA PETIZIONE

SUPERATE 100.000 ADESIONI IN POCHI GIORNI

Comitato promotore appello #fatepresto

12 DIC 2017 — SUPERATE 100.000 ADESIONI IN POCHI GIORNI
Giovedì saranno consegnate al presidente Grasso

Grazie a tutti e ciascuno, è una struggente valanga di movimento civico e voglia di migliorare la società. Le persone devono essere ascoltate e vogliono la legge sul biotestamento, subito.

Non fermiamoci, arriviamo a 150.000! Aiutiamoci condividendo ciascuno l’appello sui social:

#fatepresto ‪#testamentobiologico @StoconMichele
https://www.change.org/p/appello-per-l-approvazione-della-legge-sul-testamento-biologico-fatepresto


DfOwEKRuBoDfivQ-800x450-noPad
Da più di sei mesi il disegno di legge sul testamento biologico è impantanato in Parlamento nella Commissione Sanità del Senato. Una legge attesa da decenni e che ha come obiettivo quello di dare dignità alla persona malata.
Quello del fine vita, infatti, è una questione soprattutto di rispetto della volontà e di libertà.Il nostro Appello al Presidente del Senato e ai Capi gruppo parlamentari per l’approvazione della legge sul testamento biologico.

Tra i compiti prioritari dello Stato vi è quello di occuparsi dei suoi cittadini con particolare attenzione ai più deboli, attraverso leggi eque e giuste capaci di alleviarne le sofferenze e garantirne la libertà. Il recente appello che Michele Gesualdi, uomo di fede ed ex presidente della Provincia di Firenze, ha inviato ai presidenti della Camera e del Senato, ci ha spinto a scendere in campo per chiedere di accelerare l’approvazione  della legge sul testamento biologico, con la dichiarazione anticipata di volontà del malato colpito da patologie degenerative che non hanno speranza di guarigione. La legge sarebbe un atto di comprensione da parte dello Stato nei confronti di una umanità sofferente e tale da garantire a ogni cittadino di poter esprimere la propria autodeterminazione rispetto ai trattamenti sanitari senza prospettiva, ovvero poter rifiutare l’accanimento terapeutico. La rapida approvazione delle legge sul fine vita che sembra essere messa in forse dalla imminente chiusura della legislatura, con il rischio che poi vada dimenticata, sarebbe un atto di rispetto, di civiltà e di salvaguardia della dignità umana che non impone ma aiuta e non lascia sole tante persone e le loro famiglie che vivono in solitudine il loro dramma. «Non si tratta di favorire l’eutanasia– afferma Michele Gesualdi – ma solo di lasciare libero l’interessato lucido e dotato di volontà e fede, cosciente e consapevole, di essere giunto alla tappa finale, di scegliere di non essere inutilmente torturato  e di levare dall’angoscia i suoi familiari che non desiderano sia tradita la volontà del loro caro.
Comitato promotore:

Lauro Seriacopi

Serena Pillozzi

Marisa Rosaria Bortolone

Alessia Petraglia

Roberto Di Loreto

Marzenka Matas

Patrizio Mecacci

Massimo Lensi

Paolo Bambagioni

Alessio Biagioli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>