ANCORA IGNORATO IL RISULTATO DEL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE

ANCORA IGNORATO IL RISULTATO DEL REFERENDUM DEL 4 DICEMBRE

Venerdì 19 maggio si è riunito l’esecutivo del Comitato per la Democrazia Costituzionale. Al termine della riunione, è stato approvato un documento che boccia la nuova proposta di legge elettorale depositata dal Pd.

«I cittadini italiani hanno impedito con un voto forte e chiaro lo stravolgimento della Costituzione democratica tentato da Renzi e dalla sua maggioranza – si legge nel documento – Oggi, come se niente fosse, Renzi ripropone un Parlamento con deputati e senatori nominati dai capipartito, cercando una rivincita alla sonora sconfitta del 4 dicembre 2016». Inoltre, se passasse questa proposta, i partiti «potranno tenere fuori dal Parlamento le minoranze sgradite, ignorando perfino il diritto di tribuna».

Non bastasse, «sono state reintrodotte le liste bloccate per il 50% dei seggi (quota proporzionale) mentre per l’altro 50% (collegi uninominali) la scelta fra i candidati è fortemente condizionata dal fatto che si può esprimere un solo voto che trasferisce automaticamente alla lista proporzionale la scelta effettuata nel collegio uninominale. La composizione della rappresentanza sarà ancora una volta nelle mani di pochissimi individui, mantenendo in piedi il carattere oligarchico del sistema politico attuale».

Ne deriva che, si afferma ancora nel documento, «il voto non è libero, personale e diretto come afferma la Costituzione e gli elettori potranno solo ratificare le decisioni dei capi partito. Sparisce l’obbligo dell’alternanza di genere nelle liste bloccate» e «tutti i candidati sono designati dai partiti nei collegi uninominali o nelle liste bloccate, ma alcuni particolarmente cari ai capi partito possono essere candidati sia nel collegio uninominale, che in tre collegi plurinominali: questo impedirà agli elettori di bocciarli».

«Chi ha votato NO al referendum – conclude il documento – deve opporsi per le stesse ragioni in maniera unitaria a questa proposta di legge elettorale per ottenere una legge che ristabilisca la rappresentatività delle assemblee parlamentari. Gli elettori hanno il diritto di decidere da chi vogliono essere rappresentati e il loro voto deve essere libero ed uguale. Questo è indispensabile per ripristinare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni democratiche, per evitare lo svuotamento della democrazia garantita dalla Costituzione, per evitare derive autoritarie e personalistiche».

1 commento

  • Ma davvero aveva qualche senso chiedere a questa casta, a questo Parlamento men che mediocre, una legge elettorale funzionale alla rappresentanza della Cittadinanza?

    Davvero avevate qualche speranza che ogni fazione poiesse rinunciare a perseguire quella che meglio potrebbe garantire loro il maggior numero di seggi? Davvero avevate dimenticato che in commissione erano state presentate circa 30 proposte di legge elettorale?

    Ma non prendiamoci in giro da soli!

    5 mesi fa abbiamo salvato la forma letterale della nostra Costituzione negata. Che tuttora resta negata e che merita di essere finalmente rivitalizzata e attuata.

    E allora avviamone NOI, Cittadini Sovrani (art. 1), l’attuazione nel modo migliore promuovendo la NUOVA LEGGE ELETTORALE con l’esercizio degli articoli 71 e 50 della Carta!

    FACCIAMOLA NOI, funzionale, collaudata, che garantisca la rappresentanza in modo reale e non solo formale, che possa durare ben oltre il tempo di vita di una maggiornza parlamentare!

    Non lasciamo spegnere, avizzire, insterilirsi quell’ENORME potenziale di cambiamento che si è materializzato il 4/12! La Cittadinanza aspetta solo questo!

    Gettiamo con entusiasmo il cuore oltre questa debole petizione, che offre alla casta una facile sprezzante rivincita!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>