Renzi? Lupo travestito da agnello. Parla Tomaso Montanari, presidente di LeG

Renzi? Lupo travestito da agnello. Parla Tomaso Montanari, presidente di LeG

Comiciamo subito con un commento sulla vicenda Madia, sulla quale Libertà e Giustizia ha già preso posizione molto chiaramente.

“E’ una vicenda molto importante, assolutamente da non sminuire, e trovo sconcertante la reazione di giustificazione da parte dell’élite culturale italiana, sia del mondo universitario sia di quello del giornalismo; questo lo trovo davvero molto preoccupante, denuncia uno scadimento incredibile della classe dirigente italiana, altro che “minaccia populista”, qui la minaccia viene dal cuore dell’élite del Paese, è una questione di etica fondamentale. Con che faccia possiamo chiedere ai giovani di essere corretti se questo è l’esempio che viene dai vertici della Repubblica Italiana?”

In tutto questo c’è anche una sudditanza psicologica verso il renzismo?

“Ho l’impressione che il renzismo, in realtà, sia un effetto di questo scadimento morale e culturale.

Penso che non sia solo un fatto politico, non si attacca la Madia magari non per questioni di opportunità politica ma perché non ci si accorge della gravità del problema.”

Renzi sta affrontando la campagna elettorale per le primarie Pd quasi senza parlare, ovviamente vuole evitare l’effetto “tutti contro uno”, ma non è normale che un politico non possa o non voglia comunicare con i propri elettori. Dove può portare una strategia del genere?

“Diciamo che più che una strategia è una tattica, nel momento in cui sarà riconfermato segretario ricomincerà a parlare, mi sembra il caso del lupo travestito da agnello. Nel momento in cui ritornerà in sella ricomincerà a parlare eccome, e con quel modo arrogante che conosciamo.”

Passando ai 5 Stelle, c’è un’evoluzione da parte del grillismo? Una volta al governo, se ci andranno, i grillini riusciranno a passare dalle parole ai fatti o una volta arrivati a Palazzo Chigi si bruceranno?

“Mi pare che più che un’evoluzione ci sia un’involuzione di stampo autoritario-centralista all’interno del movimento, la vicenda di Genova è inquietante. Il caso di Roma invece dimostra che una volta arrivati al potere il “radicalismo” dei grillini si spegne e i grillini stessi più che anti sistema ne diventano parte integrale.”

Silvio Berlusconi ancora una volta è tornato al centro del sistema politico; cosa aspettarsi da lui e dal centro-destra?

“E’ quasi terribile che il disastro di Renzi e l’inettitudine dei 5 Stelle abbiamo rimesso al centro dei giochi Berlusconi; non mi aspetto nulla di buono, sicuramente non la capacità di costruire una destra moderata perché la destra moderata in Italia la fa e la farà il PD. Per Forza Italia non vedo un grande futuro se non una stabile alleanza col PD renziano”.

www.affaritaliani.it, 31 marzo 2016

 

2 commenti

  • Una società che chiede ai propri giovani di essere “corretti”. Questo significa considerare che i giovani, per propria natura, non sono “corretti”. Deve intervenire la forza dello Stato a “correggerli”. L’ autorità che interviene a raddrizzare il legno storto della società. Chi non si adegua, chi non riesce a superare la selezione scoalstica, è un emarginato. Ma chi se ne frega, tanto è colpa sua. E’ lui che non ha avuto voglia di studiare. Come tuttte le semplificazioni, questo concetto racchiude in sè un principio violento. Non è sorprendente che l’elite ne sia esentata; loro sono i superiori a priori. Solo chi sta sotto è obbligato a superare certi parametri se vuole sopravvivere. Parametri fissati da chi se ne esenta.
    E’ sorprendente che chi si dichiara “antisistema” accetti questo principio.
    Certo, è ovvio che chi presenta una tesi di laurea non deve copiare.
    Ma ci sono tante persone che all’ Università non ci arrivano.
    Io ho solo la terza media.
    Non mi è mai mancata la volontà nè l’intelligenza. Nel mio lavoro, che ho fatto per 26 anni, ho avuto spesso la riprova di far meglio dei miei colleghi laureati.
    Semplicemente, la scuola all’ epoca (30 anni fa) non è stata in grado di aiutarmi a superare le mie difficoltà specifiche di apprendimento (DSA).
    Forse personalizzo troppo, ma tante personalizzazioni fanno un insieme.
    Siete sicuri, voi di GL, di ottenere ampi consensi concentrandovi su questo tipo di “correttezza”?

  • Chiedo scusa se ho ripetuto per due volte
    lo stesso messaggio; mi è ripartito per errore.

    Comunque, grazie per averli pubblicati.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>