Democratici/Il carattere del leader ha fatto il partito: ecco il Royal Party

Democratici/Il carattere del leader ha fatto il partito: ecco il Royal Party
L’elezione di Matteo Renzi a segretario del Pd è stata la causa scatenante di questa penosa separazione. Il carattere del leader ha fatto il partito e lo ha disfatto. Come apparve da subito, quel che si sarebbe da quel momento affermato sarebbe stato il Partito di Renzi, opposto a, e in permanente tensione e litigio con il Pd. A quel punto la traiettoria verso il divorzio era segnata, a meno che tutto il Pd non fosse divenuto di Renzi. Ora, che il partito fosse gracilino nei principi e nei fondamenti era visibile a tutti, troppo lasco nei confini tra destra e sinistra per non essere pericolosamente conquistato o dall’una o dall’altra. Le due ali non possono più coesistere. La recente Assemblea ha mostrato più livore che ragioni ragionate. Ma una lettura possibile di questo divorzio è che non tutti nel Pd sono disposti ad abbracciare il dogma liberista e a gettare alle ortiche la promessa di eguaglianza delle opportunità scritte nel patrimonio genetico della democrazia. La gestazione del Partito di Renzi si è conclusa.
Dopo il royal baby ecco il royal party.
Il Fatto Quotidiano, 21 febbraio 2017

1 commento

  • Condivido alla grande, tranne l’aggettivo royal che trasfigurerei in “caffon baby” in perfetta assonanza col rapporto del Farinia Cavour sulle terre, allora, molisane,, e considerando la schiatta del padre naturale,, ma nessuno di loro serve piùa nulla, possibile che L&G non ddichi uno spicciolo di risorsa a questo: http://www.losio.com/future.htm ?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>