Progetto Europa, Costituzione, Legalità 2017-2018

Progetto Europa, Costituzione, Legalità 2017-2018

Siate realisti: chiedete l’impossibile. Albert Camus

Cari amiche e amici di LeG, il documento qui riportato in formato ridotto è una bozza in discussione soggetta a modifiche. Sollecito i soci LeG tutti ad inviare suggerimenti e critiche, grazie.

Bartolomeo Camiscioni, coordinatore Libertà e Giustizia Circolo Pescara (Abruzzo)

Missione

L’avvio del 2017 sottopone all’attenzione del mondo occidentale una situazione in veloce evoluzione, tutta da seguire e analizzare, proponendo aspetti inquietanti per il futuro immediato e prossimo.
In questo contesto noi riteniamo necessaria una spinta verso l’obiettivo dell’Europa Federale poiché gli Sta-ti Nazione sono condannati all’irrilevanza.
Al conseguimento di questo obiettivo devono provvedere sia gli Stati Nazionali, con cessione di parte della propria sovranità, con tutti gli accorgimenti e le priorità necessarie, sia i loro Cittadini che, con un’azione dal basso, li spingano a ciò, riappropriandosi del giusto processo democratico.
L’azione che noi Cittadini possiamo sviluppare è quella di chiedere che alle prossime elezioni Europee, pre-viste per l’inizio del 2019, sia possibile eleggere “l’Assemblea Costituente Europea”.
I precedenti tentativi di varare una Costituzione Europea si sono infatti infranti sulla deficienza di democra-zia, essendo stata nominata, con esclusione dei cittadini, una commissione di personaggi sia pure illustri.
Il processo per avviare o modificare una Costituzione deve partire sempre da un mandato popolare, come la Storia insegna.
I Cittadini, specialmente quelli convinti che 73 anni di PACE debbano essere salvaguardati e perpetuati, non possono restare indifferenti (è da molto tempo, da prima della Brexit, che quanti sono contrari all’EUROPA e alla sua moneta, urlano sovrastando la voce degli EUROPEISTI forse troppo flebile).
I modi in cui i Cittadini possono intervenire sono: la rivoluzione cruenta o la rivoluzione culturale.
Noi scegliamo la “rivoluzione culturale”. In questo ambito le azioni possibili che individuiamo sono:

  • coinvolgere le giovani generazioni, studenti, in un processo di presa di coscienza della complessità dei pro-blemi, definibile come “prospettiva di cittadinanza attiva”;
  •  svegliare la coscienza dei Cittadini e far aumentare il volume della voce degli EUROPEISTI;
  • tessere una rete di referenti di Stati Europei (Germania, Francia, Spagna, Austria, Belgio, Paesi Bassi, Lus-semburgo, Grecia e Italia, almeno), affinché siano coordinate le azioni similari dei cittadini dei vari Stati.

Visione

La visione che vogliamo dare al “Progetto Europa Costituzione Legalità 2017-2018” è quello di un ambito territoriale definito: la Provincia di Pescara.
Contemporaneamente si vuole che gli orizzonti siano EUROPEI, pertanto utilizzeremo tutti i canali possibili per costruire, mantenere e incentivare una rete di contatti e scambi con realtà italiane ed europee.
Inoltre pensiamo che il “Progetto” possa essere replicato in altre realtà, anzi sarà verificata la possibilità che ciò accada, anche con modalità diverse.

Il progetto: STUDENTI

Obiettivi (testo ridotto all’essenziale)

  1. Il “Progetto” vuole coinvolgere gli studenti degli ultimi due anni degli Istituti Statali Secondari di II gra-do nella conoscenza dell’Europa e nell’appropriazione dei concetti e delle pratiche di democrazia e legali-tà (cittadinanza attiva). (riferimento POF).
  2. Coinvolgere gli Insegnanti.
  3. Coinvolgere i Relatori.
  4. Coinvolgere gli Studenti.
  5. La “Studenti in Festa per L’Europa 2018” manifestazione finale di soli studenti.
  6. Il tema del “Progetto” sarà l’Europa:
  7. Si pensa di coinvolgere Enti, Università, Fondazioni, Associazioni.
  8.  L’organizzazione e le responsabilità devono essere definite.

Il progetto: STUDENTI

Organizzazione

  1. Tutti gli Istituti Statali Secondari sono invitati a partecipare.
  2.  Gli Istituti dovranno partecipare con classi 5° o con classi 4°.
  3.  Gli Istituti saranno accorpati per convenienza territoriale. 3 incontri-dibattito per ogni gruppo di Istituto;
  4.  Ogni classe partecipante dovrà avere un docente di riferimento presente agli incontri-dibattito.
  5.  Per ogni classe un registro di presenze che sarà gestito direttamente dal docente referente di classe.
  6.  Sarà prodotto un attestato di partecipazione per ogni studente e per ogni.
  7. Periodo compreso fra inizio novembre 2017 e inizio marzo 2018.
  8. La “Studenti in Festa per L’Europa 2018” è da programmare possibilmente per venerdì 9 marzo 2018.
  9. Saranno effettuate riprese video, foto e registrazioni audio per produrre docu-films e altra documentazione.
  10.  Gli incontri-dibattito dovranno essere organizzati in idonea Aula Magna (circa 300 posti).
  11. Previsione spesa: stampa; ospitalità relatori; organizzazione; Manifestazione finale; riprese; totale 20.000€.
  12. Raccolta fondi, (partecipanti; crowdfunding e altre fonti); totale 20.000€.
  13. La programmazione deve essere avviata subito, entro maggio 2017.

Il Progetto: CITTADINI

Obiettivi

  1. Il “Progetto” ha l’obbiettivo ambizioso di coinvolgere i iCittadini in una “rivoluzione culturale dal basso che abbia come obiettivo l’EUROPA FEDERALE.
  2.  I Cittadini sono tutti: docenti universitari, insegnanti, dirigenti scolastici, studenti Cittadini in genere.
  3.  Gli argomenti dovranno essere individuati dal “Comitato Scientifico”.
  4.  Favorire la costituzione di “Gruppi di Discussione” di Cittadini eterogenei da cui far scaturire “azioni”.
  5.   l’organizzazione e le responsabilità devono essere definite.

Il Progetto: CITTADINI

Organizzazione

  1. la prima “conferenza-dibattito”, dovrà essere organizzata prevedibilmente fra marzo ed aprile 2017.
  2. La sede della prima conferenza-dibattito, nell’aula magna dell’Università Gabriele D’Annunzio.
  3. I Relatori, nazionali ed Europei dovranno condividere gli obiettivi del “Progetto“.
  4. Si può ipotizzare un calendario che preveda 6-9 incontri nel periodo maggio 2017 e maggio 2018.
  5. Saranno approntati diversi registri delle presenze con obiettivi differenziati.
  6.  I Gruppi di Discussione a produrre eventuali documenti e a individuare “Azioni” a tutti i livelli territoriali.
  7.  Durante gli incontri-dibattito saranno effettuati video, foto e registrazioni audio e/o altro.
  8.  Previsione di spesa totale 3.000€.
  9.  Raccolta fondi: associazioni, Enti e altri; totale 3.000€.
  10. La programmazione deve essere avviata subito, entro marzo 2017.

Il Progetto: RETE EUROPEA

Obiettivi

  1.  Il “Progetto Europa Costituzione Legalità 2017-2018” ha l’obiettivo ambizioso di estendere il coinvolgi-mento, e le eventuali azioni, anche al di fuori dell’ambito territoriale suo proprio, compresa l’Europa. Il progetto sarà sempre prerogativa di gruppi minoritari.
  2. La RETE UNIVERSITARIA ITALIANA ed EUROPEA sarà prioritaria”.
  3.  Inoltre Enti e Associazioni da coinvolgere sono che sono operativi attualmente anche se in ordine sparso
  4. Il “Comitato Scientifico” dovrebbe rendere possibile la costruzione della RETE.
  5. Il Progetto: RETE EUROPEA

 Organizzazione

  1. Gruppo di lavoro (segreteria RETE) che dovrà operare per raggiungere gli obiettivi posti.
  2.  L’organizzazione della RETE deve essere in continuo divenire.
  3.  La programmazione deve essere avviata subito, entro marzo 2017.

Pescara, febbraio 2017

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>