La Costituzione e la vera nascita della Seconda Repubblica

La Costituzione e la vera nascita della Seconda Repubblica

Quali sono i rischi che la riforma Boschi, sulla quale gli italiani si esprimeranno con un referendum in autunno, reca con sé per la qualità della nostra democrazia? Qual è il retroterra ideologico e culturale della modifica dei 40 articoli della Costituzione? In La vera Seconda Repubblica (Raffaello Cortina Editore) la presidente di “Libertà e Giustizia”, Nadia Urbinati, che insegna Teoria politica alla Columbia University, e David Ragazzoni, dottorando in scienza politica alla medesima Columbia, rispondono a tutte le domande.

La tesi di fondo: questa riforma muta radicalmente la forma della nostra Repubblica e pertanto rappresenta un pericolo nel caso finisse nelle mani sbagliate. La fine del bicameralismo paritario segna inoltre l’ inizio della Seconda Repubblica: quella di cui abbiamo parlato negli ultimi vent’ anni era una mera costruzione ideologica. La Seconda Repubblica nasce ora, con Renzi. Un leader “non a caso” non eletto in Parlamento, che porta a compimento un processo che ha radici nel gollismo e nel craxismo, e che stabilisce il primato dell’ esecutivo sulla maggioranza parlamentare. Il libro è quindi il manifesto di quelli che voteranno no. Ma è anche un saggio argomentato. Un excursus storico nelle tante crisi che hanno afflitto il nostro sistema politico: il suo interesse è duplice.

Non c’ è modifica della Carta senza la nuova legge elettorale, l’ Italicum, e viceversa. Le due cose si tengono. Non è un caso, argomentano i due autori, che l’ Italicum preceda la riforma costituzionale, adeguando l’ intero sistema a un governo del premier, dove il partito che vince si piglia tutto. E ciò non sarebbe stato possibile se negli ultimi anni non ci fosse stata una profonda mutazione del Partito democratico, che gli autori definiscono un partito “monista”, edificato sul leader, forte nella leadership ma debole nella struttura. La conseguenza: se vincessero i sì, saremmo di fronte, nella migliore delle ipotesi, a un premierato forte con un partito debole; nella peggiore, in caso di prevalenza di forze con venature autoritarie, a una maggioranza contro cui ci sarebbe ben poco da opporre, visto che il Parlamento viene indebolito. Gli autori analizzano criticamente i tentativi di riforma degli ultimi trent’ anni, dalla riforma Bozzi (1983) alla Iotti-De Mita (1992), dalla Bicamerale di D’ Alema (1997) ai saggi del governo Letta (2013).

Tutte nascevano in Parlamento (mentre la riforma Boschi è di iniziativa governativa) e sono fallite perché i partiti erano troppo ingombranti, mentre oggi la fine del bicameralismo paritario si realizza proprio grazie alla estrema debolezza dei partiti.

Si potrebbe obiettare: ogni riforma è figlia del suo tempo. L’ esigenza di procedimenti legislativi più spediti è largamente sentita, frutto di un processo ormai irreversibile. Soprattutto: la riforma è una risposta a una grande stanchezza. Nel libro si cita la denuncia ante litteram di Pietro Ingrao che in un’ intervista al Giorno dichiarava: «La crisi del Parlamento è funzionale». Era il 17 ottobre 1966.

..IL LIBRO La vera Seconda Repubblica di Nadia Urbinati e David Ragazzoni ( Cortina)

.

La Repubblica, 9 Maggio 2016

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>