Giustizia/Caselli: Invocare complotti è roba da Berlusconi. È giusto che i giudici parlino delle riforme

Giustizia/Caselli: Invocare complotti è roba da Berlusconi. È giusto che i giudici parlino delle riforme

Roma. Il complotto anti Pd? «Fantapolitica ». Esiste una questione morale? «Sono d’ accordissimo con Davigo». Parla Gian Carlo Caselli.

Spesso con protagonisti politici del Pd. C’ è una strategia organizzata dei giudici per far cadere Renzi?
«Se non sbaglio lo stesso premier ha escluso un complotto. In ogni caso parlare di strategia organizzata dalla magistratura è fantapolitica o fantagiustizia. Un ritornello già sentito quando governava Berlusconi. Un argomento tipico di quelli che il controllo di legalità gli dà l’ orticaria. Volendo ragionare sull’ assurdo sono troppi i magistrati “interessati”.
Del tutto scollegati tra loro. La realtà è che siamo alle solite.
Quando uno specchio (un’ inchiesta) riflette un foruncolo o un bubbone, si tira una scarpa contro lo specchio per romperlo».
Morosini vede nel Pd «un’ enorme questione morale».
«Non parlo di conversazioni smentite».

Gli arresti di Lodi. Potevano bastare i domiciliari?
«Da sempre non commento inchieste delle quali non ho conoscenza diretta e completa, soprattutto se sono alle primissime battute».

Le leggi sulla giustizia del governo Renzi, come la responsabilità civile, sanno di rivincita sui magistrati?
«Mi guardo bene dal fare processi alle intenzioni. Parlo solo del contenuto obiettivo della legge sulla responsabilità civile dove vedo pericoli per l’ indipendenza della magistratura. I giudici possono trovarsi in balia di azioni ripetute, intimidatorie o ritorsive. Magari inconsapevolmente potrebbero, potendo scegliere come sempre accade facendo il giudice fra diverse opzioni, quella più “tranquilla”. Soprattutto se si tratta di processi che riguardano colossi dell’ economia o della finanza ».

Sull’ Italia incombe una «democrazia autoritaria» (Morosini)?
«Nella Costituzione la democrazia si fonda sul primato dei diritti uguali per tutti e sulla separazione dei poteri senza che nessuno di essi prevalga sugli altri.
Se a questa democrazia se ne dovesse sostituire un’ altra basata sul primato della maggioranza politica del momento e sulla concentrazione dei poteri, ecco allora le domande sul possibile cambiamento della qualità della democrazia ».

Le toghe scendono in campo sulla riforma costituzionale come nel 2006. È un pezzo della strategia anti Renzi?
«Non sono le toghe a scendere in campo. Ma singoli magistrati.
Ma se già nel 2006 c’ è stata una “discesa in campo” è chiaro che Renzi non c’ entra nulla».

Un magistrato può esprimere pubblicamente il suo voto al referendum?
«Quando ritiene che una norma sia incostituzionale il giudice la impugna davanti alla Consulta. In questo modo non si targa, non si schiera, pone solo un problema. Più o meno la stessa cosa succede quando si discute di riforma della Costituzione. E il lavoro quotidiano del magistrato (inchieste, processi) rimane del tutto fuori, non c’ entra niente col dibattito sulla riforma. Altrimenti se un magistrato va a messa tutte le domeniche e in questo modo si targa come cattolico dovrebbe forse astenersi quando una delle parti è cattolica?».
Per Legnini una toga deve stare lontano dalla propaganda.
«Credo che ci potrebbero essere problemi che partendo dal principio costituzionale di libera manifestazione del pensiero arrivano a una giurisprudenza consolidata della sezione disciplinare del Csm che garantisce questo diritto ».
Lei ha indagato su terrorismo e mafia. La politica “era” con voi. Sulla corruzione è contro.

Perché?
«Per il terrorismo c’ è stata la lunga stagione dei compagni che sbagliano e degli slogan né con lo Stato né con le Br. Per la mafia non dimentichiamo che Falcone ha dovuto emigrare da Palermo, anche perché facendo il suo dovere aveva cominciato ad occuparsi di mafia e politica. Per quanto mi riguarda non posso non ricordare la legge contro di me, votata dalla maggioranza di centrodestra, per punirmi del processo Andreotti. Le cose stanno così: ci sono problemi, in particolare mafia e corruzione, che la politica, trasversalmente, delega a forze dell’ ordine e magistratura. Ma con la raccomandazione mai esplicitata, ma sempre chiara, di non oltrepassare una certa asticella che delimita alcuni interessi. Se la si supera ecco gli attacchi alla magistratura, basati sul criterio dell’ utilità dell’ intervento giudiziario e non su quello ben più corretto del rigore».

Davigo dice che i politici rubano e non si vergognano. Cantone cita il proverbio napoletano “chi ruba ha sempre la faccia di corna». Lei che dice ?
«Davigo ha riproposto la questione morale, che significa trasformazione della politica in lobby e contaminazione tra apparati di partito e mondo affaristico- economico. Davigo vuol dire che la questione morale non è un reperto archeologico, l’ ubbia di qualche parruccone, ma una questione democratica e istituzionale di grandissima attualità. Io sono d’ accordissimo con lui».

Corruzione e prescrizione. La sua idea?
«La riforma della prescrizione che ci allineerebbe alle democrazie occidentali. Va interrotta con il rinvio a giudizio o la condanna di primo grado. Rappresenterebbe il minimo sindacale se si vuole davvero migliorare il funzionamento della giustizia».

 

La Repubblica, 6 Maggio 2016

1 commento

  • Minimo sindacale sarebbe anche modificare la decorrenza non dal momento del reato, ma da quello dell’imputazione.

    Ma è pensabile e credibile che la faranno complici e sodali di corrotti e corruttori?
    E’ tempo maturo che la mitezza della cultura, alla guida della Cittadinanza, sfidi l’arroganza della politica e riporti in Parlamento il rigore morale e culturale indispensabile in quel luogo-istituzione da cui tutto discende, da cui discendono i destini del Paese e dei suoi Cittadini.

    Alla guida di quella Cittadinanza che al 95% disprezza l’fferta politica, che 9 su 10 sta con Davigo, che non va più a votare per chè non trova affidabilità nei partiti come nelle liste elettorali, che attende da anni di affidare il futuro del Paese a chi ne abbia quelle qualità indispensabili.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>