NON C’ERA POSTO PER LORO

NON C’ERA POSTO PER LORO

Oggi una schiera di atei devoti, ardentemente razzisti, inneggia alle immagini del Natale. In nome della tradizione. Allora guardiamole.

Questa è una delle più antiche. È del VI secolo, è intagliata nell’avorio e fa parte della cattedra di Massimiano, vescovo di Ravenna.

Ci mostra due migranti. Sono in viaggio, stremati dalla fatica. Sono poveri: non possono permettersi due asini. Lui va a piedi. Lei è incinta: fecondazione artificiale. Eterologa.

Non troveranno nessuno disposti ad accoglierli. «Non c’era posto per loro nell’albergo» (Luca, 2, 7). Per loro: perché poveri, forestieri, migranti.

Perché Gesù sceglie di nascere come un immigrato respinto? Perché siamo tutti «forestieri e inquilini»: nessuno è «padrone in casa propria». «Le terre non si potranno vendere per sempre, perché la terra è mia: e voi siete presso di me come forestieri e inquilini», dice Dio nel Levitico (25, 23).

La tradizione del Natale è questa. Il resto, almeno oggi, è meglio dimenticarlo.

blogautore.repubblica.it, 25 dicembre 2015

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>