Sfida e timori, così i presidi vedono i loro nuovi poteri. La critica più diffusa: non sappiamo quali criteri usare

istruzionePresidi e insegnanti, come sarà il loro rapporto in futuro? Amore? Odio? Reciproco interesse? È tutto da vedere e la risposta sarà probabilmente diversa da istituto a istituto ma di sicuro è questo uno dei punti della riforma che sta creando più timori fra gli addetti ai lavori e anche nel vasto mondo dei genitori che sanno bene che in una scuola dove l’atmosfera è carica di tensioni difficilmente gli insegnanti lavoreranno bene e quindi i loro figli verranno messi nelle condizioni di imparare nel migliore dei modi.

I nuovi poteri dei presidi nei confronti dei loro insegnanti saranno di diverso tipo. Da un lato scelgono attraverso la chiamata diretta a chi affidare gli incarichi triennali e rinnovabili. In questa fase devono tener presente le esigenze precisate nel Piano dell’Offerta Formativa messo a punto ogni tre anni con il collegio dei docenti ma anche il curriculum, le esperienze e le competenze professionali di coloro che lavoreranno nella sua scuola. Ma potranno anche distribuire premi ai docenti più meritevoli. Il Governo ha previsto 200 milioni di e  uro per il 2016 e la scelta dei destinatari di questi soldi non è più il preside ma è stata affidata a un Comitato di valutazione che resta in carica per tre anni.

Ce n’è abbastanza per non dormire la notte. Giorgio Rembado, presidente dell’Associazione nazionale presidi, assicura che tutto andrà bene. «I criteri per la valutazione degli insegnanti saranno definiti dal Comitato. Esistono poi dei limiti posti dalla norma, soltanto alla fine il preside esprimerà la sua valutazione». Difficoltà? «I dirigenti non dovranno effettuare valutazioni necessariamente legate alla conoscenza della materia, è un giudizio molto più ampio. Poi, è chiaro che può esserci il dirigente più o meno bravo. In ogni caso nella maggior parte del mondo i poteri dei presidi sono molto più elevati e questo non crea alcun problema».

Ad ammettere che per i capi d’istituto non sarà poi tutto così semplice è Roberto Pellegatta, presidente dell’associazione dirigenti Disal. «La vera novità di questa riforma è l’aspetto economico, dai presidi dipenderanno i premi da assegnare agli insegnanti più meritevoli. Purtroppo però il testo non dice chiaramente come deve essere effettuata la valutazione lasciando quindi spazio alla discrezionalità che inevitabilmente creerà problemi. Una seconda difficoltà è anche più generale: da venti anni non esiste più la cultura della valutazione e del merito nelle scuole, veniamo da un periodo di cultura impiegatizia che non sarà facile cambiare».

Piuttosto pessimista anche Lorenzo Varaldo, dirigente e presidente del Manifesto dei 500, movimento per la difesa della scuola pubblica. «Sarà inevitabile che i presidi facciano una valutazione soggettiva basata sulle loro idee e competenza. È facile prevedere che si potrà andare incontro ad una lesione della libertà d’insegnamento. Come si seleziona? Su quali basi? Potrebbero esserci presidi che hanno sempre insegnato nelle scuole superiori incapaci di capire come si lavora alla primaria. Gli slogan funzionano in politica, la realtà è diversa e molti presidi con cui ho parlato sono sinceramente preoccupati».

La Stampa,  10 Luglio 2015

3 commenti

  • E queste sono ancora considerazioni ottimistiche. Difficoltà a definire i criteri e criteri soggettivi di valutazione, ma comunque ispirati da un concetto di buon funzionamento dell’insegnamento. Succederà certamente che le valutazioni e i premi verranno distribuiti per meriti che nulla hanno a che fare con l’insegnamento. Perché dovremmo pensare che la scuola sia un ambito diverso dal resto del paese? Basta dare un po’ di potere e subito ci si butteranno quelli che inseguono esclusivamente il potere e il proprio tornaconto nel completo disinteresse per i compiti che dovrebbero svolgere.

  • Roberto Pellegatta: “La vera novità di questa riforma è l’aspetto economico,
    ………………………dai presidi dipenderanno i premi da assegnare agli insegnanti
    ………………………più meritevoli. Purtroppo però il testo non dice chiaramente
    ……………………..come deve essere effettuata la valutazione……”…………………….

    La valutazione, dottor Pellegatta, NON pertiene, di fatto, al preside – la cui intesa reale funzione è quella del “pupazzo” – ma al Puparo che occultamente tira le fila da dietro le quinte. Il sistema della cosiddetta “Buona Scuola” del pupazzo Renzi altro non è che quello che da anni osserviamo a livello dell’Unione Europea dove solo alcuni pupazzi – quelli che vediamo tutti i santi giorni nei media – decidono tutto su tutti in aderenza rigorosa agli ordini che pervengono loro dal sempre occulto Puparo che si nasconde dietro le quinte.

    È questo il sistema organizzativo con il quale il Puparo è da decenni lanciato alla conquista del mondo nell’ottica del Nuovo Ordine Mondiale. Da osservare soprattutto come il nuovo preside sia strategico nell’imporre – con il nuovo potere che si ritrova nelle sue mani – quella certa “ideologia del gender” elaborata nei più minimi particolari dalla lobby lgbt che il Puparo strumentalizza, supportandola economicamente e non solo, per il conseguimento di due obiettivi di fondo, il secondo consequenziale al primo: la distruzione della famiglia naturale per il dissolvimento della Società Umana in una massa di individui SOLI e SOLITARI, figli di nessuno, privi di qualsiasi connessione con alcuno, massa il cui controllo diviene un facilissimo gioco da ragazzi.

    Divenire ed essere il padrone del mondo senza nemmeno il bisogno di un esercito!

    Cordialmente.

  • Aumenteranno gli studi di avvocato specializzati in diritto costituzionale e scolastico come conseguenza dell’aumento del contenzioso tra dirigenti,insegnanti e non insegnanti,genitori e studenti
    Chi vivrà,vedrà e non avrà più bisogno di andare al cinema o al teatro dei pupi.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>