Bersani? Troppo garbato. Cuperlo? sbaglia strada

Roma. «Guerini mi aveva invitato a fare pace con me stesso. Ecco, adesso mi sento in pace».
Pippo Civati, lei ha l’’aria provata.
«Sono un po’’ stanco. Ma vedo una risposta ottima, vedo l’’entusiasmo di tanti elettori che hanno lasciato il Pd prima di me».
Perché, dopo mesi di penultimatum, si è deciso a rompere?
«La mia credibilità si stava offuscando, l’’accusa di non avere coraggio stava diventando insostenibile. Il mio caso è tutto politico, ma anche molto personale».
È un tradimento, il suo?
«Io non ho tradito. È Renzi che non ha rispettato il programma con il quale siamo stati eletti. Esco per coerenza, per le troppe differenze di metodo e di merito e per lo spostamento a destra del baricentro politico. La mia uscita è una conseguenza logica per chi ha vissuto in modo drammatico il passaggio della fiducia».
È stato drammatico anche per Bersani e Cuperlo…
«Io non dico che chi resta è incoerente, sennò Cuperlo si offende. Ma quella frattura è irrecuperabile e chi si sta dedicando alla ricucitura, ha scelto una strada troppo complicata. La minoranza si è divisa e il colpo lo ha mancato, per usare la metafora di D’’Alema. Dal Jobs act all’’Italicum, hanno attivato tardi antidoti che non hanno funzionato».
Ce l’’ha con Bersani?
«È un uomo troppo garbato e troppo onesto, lo dico senza ironia. Non voleva enfatizzare i contrasti, ma ricomporli. Solo che Renzi non è Bersani, nel bene e nel male. Hanno affrontato l’’arrivo di Matteo come le società precolombiane con i conquistadores. Bersani potrebbe essere una figura di riferimento del nuovo partito, ma non credo che lascerà il Pd».
E Letta?
«Letta è un po’ lontano».
Landini?
«Ci siamo visti, per me è un interlocutore. Non credo che la sua iniziativa si chiuda in un fronte sindacale».
Se ne va da solo?
«Non è detto che la prossima settimana non ci siano altri movimenti. Sarà interessante vedere chi si muove con me, a partire dal Senato».
Fassina e D’attorre?
«Bisogna chiederlo a loro».
Farà un partito dello zero virgola?
«No, un progetto di sinistra di governo. L’’Italicum, al di là delle modalità di voto violente, serve a costruire il partito della nazione, che in realtà c’’è già. A leggere le liste delle regionali c’’è da avere paura».
Perché il segretario non vi ha ascoltati?
«Lo ha fatto solo sul Quirinale, poi ha ricominciato a menare come un fabbro. Quando dissi “facciamo un presidente non Nazareno” i renziani mi ammazzarono, poi fecero Mattarella. Renzi ha fatto sempre così, morto Civati, viva Civati».
Ha sentito Renzi?
«Non mi ha mai chiamato e adesso si è tolto un fastidio. Niente di personale con lui, anche se in questi mesi non ha mai provato a convincermi, preferendo imporre le sue decisioni. Vado via senza  rancore, con l’’orgoglio delle mie convinzioni».

Il Corriere della sera, 7 maggio 2015

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>