Perché il popolo tradisce la sinistra

 Perché le classi popolari voltano sempre più le spalle ai partiti di Governo?
 E perché in particolare ai partiti di centrosinistra che sostengono di difenderle? Molto semplicemente perché i partiti di centrosinistra non le difendono più ormai da tempo. Negli ultimi decenni le classi popolari hanno subito l’’equivalente di una doppia condanna, prima economica e poi politica. Le trasformazioni dell’’economia non sono andate a vantaggio dei gruppi sociali più sfavoriti dei Paesi sviluppati: la fine dei trent’’anni di crescita eccezionale seguita alla seconda guerra mondiale, la deindustrializzazione, l’’ascesa dei Paesi emergenti, la distruzione di posti di lavoro poco o mediamente qualificati nel Nord del pianeta. I gruppi meglio provvisti di capitale finanziario e culturale, al contrario, hanno beneficiato appieno della globalizzazione. Il secondo problema è che le trasformazioni politiche non hanno fatto che accentuare ancora di più queste tendenze. Ci si sarebbe potuti immaginare che le istituzioni pubbliche, i sistemi di protezione sociale, in generale le politiche seguite dai Governi si sarebbero adattati alla nuova realtà, pretendendo di più dai principali beneficiari delle trasformazioni in corso per concentrarsi maggiormente sui gruppi più penalizzati. Invece è successo il contrario.
 Anche a causa dell’’intensificarsi della concorrenza fra Paesi, i Governi nazionali si sono concentrati sempre di più sui contribuenti più mobili (lavoratori dipendenti altamente qualificati e globalizzati, detentori di capitali) a scapito dei gruppi percepiti come “imprigionati” (le classi popolari e i ceti medi). Tutto questo riguarda un insieme di politiche sociali e servizi pubblici: investimenti nei treni ad alta velocità contro pauperizzazione delle ferrovie regionali, filiere dell’’istruzione per le élite contro abbandono di scuole e università, e via discorrendo. E riguarda naturalmente anche il finanziamento di tutto quanto: dagli anni’80 in poi, la progressività dei sistemi fiscali si è drasticamente ridotta, con una riduzione su vasta scala delle imposte applicabili ai redditi più elevati e un graduale aumento delle tasse indirette, che colpiscono i più poveri.
 La deregolamentazione finanziaria e la liberalizzazione dei flussi di capitali, senza la minima contropartita, hanno accentuato queste evoluzioni.
 Anche le istituzioni europee, consacrate interamente al principio di una concorrenza sempre più pura e sempre più perfetta fra territori e fra Paesi, senza una base fiscale e sociale comune, hanno rafforzato queste tendenze. Lo si vede con estrema chiarezza nel caso dell’’imposta sugli utili delle società, che in Europa si è dimezzata rispetto agli anni’ 80. Inoltre, bisogna sottolineare che le società più grandi spesso riescono a eludere il tasso di imposizione ufficiale, com’’è stato rivelato dal recente scandalo LuxLeaks. In pratica, le piccole e medie imprese si ritrovano a pagare imposte sugli utili nettamente superiori a quelle che pagano i grandi gruppi con sede nelle capitali. Più tasse e meno servizi pubblici: non c’’è da stupirsi che le popolazioni colpite si sentano abbandonate. Questo sentimento di abbandono alimenta il consenso per l’’estrema destra e l’’ascesa del tripartitismo, sia all’’interno che all’’esterno dell’’Eurozona (per esempio in Svezia). Che fare, allora?
 Innanzitutto bisogna riconoscere che senza una rifondazione sociale e democratica radicale, la costruzione europea diventerà sempre più indifendibile agli occhi delle classi popolari. La lettura del rapporto che i «quattro presidenti» (della Commissione, della Bce, del Consiglio e dell’’Eurogruppo) hanno recentemente dedicato all’’avvenire della zona euro è particolarmente deprimente in quest’’ottica. L’’idea generale è che si sa già quali sono le «riforme strutturali» (meno rigidità sul mercato del lavoro e dei beni) che permetteranno di risolvere tutto, bisogna solo trovare gli strumenti per imporle. La diagnosi è assurda: se la disoccupazione è schizzata alle stelle negli ultimi anni, mentre negli Stati Uniti diminuiva, è innanzitutto perché gli Stati Uniti hanno dato prova di una maggiore flessibilità di bilancio per rilanciare la macchina economica.
 Quello che blocca l’’Europa sono soprattutto le pastoie antidemocratiche: la rigidità dei criteri di bilancio, la regola dell’’unanimità sulle questioni fiscali. E sopra ogni altra cosa l’’assenza di investimenti nel futuro. Esempio emblematico: il programma Erasmus ha il merito di esistere, ma è ridicolmente sottofinanziato (2 miliardi di euro l’’anno contro 200 miliardi dedicati al pagamento degli interessi sul debito), mentre l’’Europa dovrebbe investire massicciamente nell’’innovazione, nei giovani e nelle università. Se non si troverà nessun compromesso per rifondare l’’Europa, i rischi di esplosione sono reali. Riguardo alla Grecia, è evidente che alcuni dirigenti cercano di spingere il Paese ellenico fuori dall’’euro: tutti sanno benissimo che gli accordi del 2012 sono inapplicabili (passeranno decenni prima che la Grecia possa avere un avanzo primario del 4 per cento del Pil da destinare al rimborso del debito), eppure si rifiutano di rinegoziarli. Su tutte queste questioni, la totale assenza di proposte da parte del Governo francese sta diventando assordante. Non si può stare ad aspettare a braccia conserte le elezioni regionali di dicembre e l’’arrivo al potere dell’’estrema destra nelle regioni francesi.
(Traduzione di Fabio Galimberti)

la Repubblica, 30 marzo 2015

2 commenti

  • I partiti che fanno parte del PSE sono ormai completamente infiltrati dall’ideologia neoliberista e asserviti alle forze economiche multinazionali, sono in gran parte un prolungamento del corporate power. Il sistema economico basato sulla crescita eterna e sul capitalismo delle disuguaglianze è totalmente insostenibile. L’attuale sistema economico è incompatibile con i diritti umani e la democrazia. Non è “aggiustabile”, ma anche se poco a poco, va radicalmente cambiato. Basta partire a poco alla volta, semplicemente rovesciando i criteri che hanno portato avanti il sistema attuale. Investimenti in giovani e università vanno bene . ma invece di innovare per i nuovi mercati si diano nuove priorità: rispetto dei diritti, rispetto degli ecosistemi locali, sostenibilità. Insomma un grande piano di transizione fuori dal sistema attuale. Ci sono tante alternative al petto-capitalismo. Basta con la balla del “TINA” (there is no alternative), siamo al TAMA (=”There are many alternatives”). Una economia locale, solidale le cui basi fondanti siano l”eguaglianza e il rispetto degli ecosistemi `´non solo possibile, ma anche assolutamente necessaria.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>