La coalizione sociale di Landini e la possibilità di un’altra politica

stefano-rodotà-254x200Entrata nell’’uso, l’’espressione “coalizione sociale” è stata ieri ufficializzata da Maurizio Landini. Come, e perché, si cerca una nuova forma dell’’azione politica collettiva? Negli ultimi tempi si è delineato un rapporto tra Stato e società, o piuttosto tra governo e società, segnato da un forte riduzionismo, dove l’’unico soggetto sociale ritenuto interlocutore legittimo è l’’impresa. Versione casereccia della ben nota affermazione di Margaret Thatcher secondo la quale la società non esiste, esistono solo gli individui. Individui atomizzati separati tra loro: ieri, considerati “carne da sondaggio”, oggi sbrigativamente ridotti a carne da tweet o da slide.

Spingendo un po’ più in là questa analisi, non è arbitrario registrare un ritorno a quello che Massimo Severo Giannini, nella sua ricostruzione delle vicende storiche italiane, aveva definito uno “Stato monoclasse”, oggi dominato dalla dimensione economica e dalla riduzione del governo a “governance”. Stato e società si separano? Quale che sia la risposta, è nei fatti un distacco profondo dei cittadini da partiti e istituzioni, testimoniato dal crescere e consolidarsi dell’’astensione elettorale.

Ma la società non scompare, né accetta la delegittimazione indotta dall’’indirizzo politico del governo. Esprime pulsioni che ridisegnano il sistema dei partiti in senso populista o di democrazia plebiscitaria. Al tempo stesso, però, manifesta forme di organizzazione e di azione ben diverse, reagisce alla messa in opera di meccanismi di esclusione come quelli fondati sulla riduzione dei diritti e comincia così a colmare quel deficit di rappresentanza che investe la società nel suo insieme, e che viene aggravato dall’’insieme delle riforme costituzionali e elettorali attualmente in discussione.

Proprio la questione della rappresentanza ci avvicina al cuore del problema. Quando si dice che vi è una folla di cittadini che non è o non si sente rappresentata, in realtà si constata che dalla discussione pubblica e dalla decisione politica sono assenti non tanto interessi specifici, quanto piuttosto riferimenti forti a principi fondativi. Una ricognizione paziente in questa direzione porta ad individuare i nessi che legano i grandi principi costituzionali alla concretezza dei temi che sono davanti a noi: tutela dei diritti sociali, partecipazione, riconoscimento dei nuovi diritti civili, considerazione dei beni in relazione alla loro essenzialità per la soddisfazione di bisogni sociali e culturali, rafforzamento dei legami sociali attraverso la pratica della solidarietà, necessità di agire nella dimensione sovranazionale e internazionale in maniera coerente con queste indicazioni.

Sono principi e temi di sinistra? A quella storia certamente appartengono, e la rinnovata attenzione per la società finisce così con il fare corpo con la necessità di garantire non una qualsiasi sopravvivenza ad una astratta identità di sinistra, ma a quell’’insieme di principi ormai sbiaditi o abbandonati nella pratica di governo non solo italiana.

Ma, ci si chiede, esiste un’’area a sinistra del Pd dove potrebbe insediarsi una nuova forza politica? Il limite di questa impostazione sta nel riportare ogni questione all’’interno del funzionamento del sistema dei partiti, identificando politica e partito e banalizzando tutto intorno alla domanda se tizio o caio stia per fondare un nuovo partito.

Proprio la possibilità di un’’altra politica viene oggi descritta parlando di una coalizione sociale — Espressione che può avere diversi significati, ma che oggi individua un progetto concreto di collaborazione organizzata di molti soggetti attivi nella società, legati ai principi appena ricordati. Si parla di Libera e della Fiom, di Emergency e dei Comitati per l’’acqua pubblica e i beni comuni, di Libertà e Giustizia, delle reti degli studenti, dei gruppi attivi sul tema del reddito di cittadinanza e altri ancora.

Mettere in comune queste esperienze, senza pretese di unificazioni artificiali, significa creare una massa critica politicamente rilevante, con capacità di attrazione, o di confronto, anche verso altre iniziative sociali  su un terreno distinto da quello dei partiti, prigionieri di logiche personalistiche e oligarchiche. E saremmo di fronte ad una discontinuità importante anche rispetto ai tentativi perdenti affidati ad improvvisate liste elettorali o a scimmiottature di esperienze straniere.

La fretta, la subordinazione alle occasioni elettorali, costituiscono la vera insidia sulla via della costruzione della coalizione sociale. Una riunione dei diversi soggetti prima ricordati, e non solo, dovrebbe definire le modalità di lavoro comune e i temi sui quali impegnarsi con azioni concrete, sorrette da un rinnovamento culturale. Solo dopo questo diverso radicamento sociale, culturale e politico verrebbe legittimamente il tempo di una discussione generale sulla rappresentanza e, se così si vuole chiamarla, sulla leadership.

Ma si dice che una vera coalizione sociale può nascere solo da una mobilitazione che crei un soggetto storico del cambiamento che abbia lo stesso ruolo che borghesia e classe operaia hanno avuto nella modernità. Si guarda allora alle nuove classi “esplosive” dei precari, migranti, occupanti, indignati, lavoro dipendente, ceto medio impoverito. Riferimenti significativi, ma che ancora non indicano la via verso un nuovo soggetto storico e, comunque, non possono destituire di significato altre forme di coalizione sociale.

Altri, invece, partono dall’’attualità più stringente e spostano l’’attenzione dalla coalizione sociale alla creazione di un soggetto unico della sinistra. Questione non nuova, con la quale si sono cimentati tanti spezzoni della sinistra con esiti finora insignificanti. L’’ostacolo sta nel fatto che i diversi gruppi sono prigionieri di logiche paralizzanti: la sopravvivenza, ad esempio per Rifondazione comunista; l’’appartenenza, per Sel e la variegata galassia delle minoranze del Pd. Una situazione che si trascina da tempo, che non può pretendere il monopolio delle iniziative a sinistra e che, anzi, potrebbe avvantaggiarsi da una discontinuità che obbligherebbe ad abbandonare gli schemi attuali.

La coalizione sociale può essere proprio questo. Un risveglio, un benefico ritorno di una politica forte e organizzata.

 MicroMega, 15 marzo 2015

1 commento

  • A differenza del prof. Rodotà, credo che la “fretta” sia una condizione essenziale perchè la strategia di “Coalizione Sociale” possa avere successo.

    Ritengo indispensabile cogliere l’enorme potenziale sociale offerto da quel 97% di Cittadinanza che, stando all’indagine demoscopica della Demos del prof. I. Diamanti pubblicati nel dic. 14, disprezza e rifiuta l’offerta politica della casta.

    Perchè il tempo e le circostanze, cambio di ciclo economico, qualche (contro)riforma spacciata come ottimale, il tutto sparato con ottima efficacia comunicativa da ogni mezzo mediatico, sta spostando e sposterà sempre più consensi verso Renzi, governo e maggioranza rendendo ogni giorno più difficile un successo di C. S.

    Perchè la storia tramanda e le cronache confermano quanto le masse popolari siano vulnerabili al plagio del potere costituito. Non è la piccola % delle persone informate, consapevoli e capaci di analisi e sintesi autonome, ma quelle larghe complementari a determinare le maggioranze che in democrazia consentono al potere ogni fatto e misfatto.

    Per cui più velocità e più riforme e migliori di quanto possa Renzi, senza pensare a competizioni elettorali, terreno infido fatto di promesse incerte, alle quali molti non vogliono più credere, e di risultati altrettanto incerti, che espongono al rischio di compromessi incoerenti.

    Ma che pensi invece all’esercizio della Costituzione in una “tornata di Democrazia Diretta Propositiva”, messa in atto dalla “Sovranità Popolare Realizzata” (non solo enunciata!) che esercita gli articoli della Carta che lo consentono (50 e 71 e se servisse 40).

    Ovvero: Rivoluzione Costituzionale e Gloriosa, nonviolenta e risolutiva come la 2a rivoluzione inglese del 1688, detta appunto “Gloriosa”, sotto l’alta guida di “professoroni e parrucconi”, per ottenere riforme, per riaffermare la Sovranità Popolare, per ritrovare la Dignità di Cittadinanza, per abbattere l’arroganza della casta e di ogni altra lobby, che siano farmacisti ed avvocati, burocrati e pensionati d’oro, generali ed ammiragli, curie e mafie, perchè contro la Sovranità Popolare, non ci sono ricatti o pressioni che tengano, ma conviene solo l’ossequio.

    E solo dopo tornare alla Democrazia Delegata con la nuova legge elettorale e la Lista Civica Nazionale Riformatrice con Persone riconducibili alla miglior elite già citata e con le associazioni che vorranno farne parte, per continuare in Parlamento, rinnovato custode del rigore morale e culturale dei Costituenti, l’opera avviata sul territorio.

    A chi si domanda “con quali forze”, non resta che ricordare, sconcertato, che qualche settimana fa un milione di persone si è ritrovato a Roma per sparare una cannonata a salve contro il governo, ma spendendo milioni di €, milioni di ore-tempo, tonnellate di CO2! Per la Sovranità Popolare Realizzata, a un milione di persone basta mezz’ora nel comune di residenza, pochi spiccioli per carta e penne, pochi per concentrare la raccolta…

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>