Dopo, ricominciare dal basso: 2 e 4 giugno

Se Renzi oggi indica la soglia minima del Pd nel 26 per cento non è né perché ha sondaggi così bassi né per scaramanzia: è semplicemente per vendere come una vittoria, lunedì, un eventuale 28-29, che invece sarebbe una mezza batosta, con tutto il casino che ha fatto.

Il fatto è che nei palazzi si guarda già al dopo, a quello che succederà da lunedì in poi: sempre per il noto motivo che dell’Europa e delle sue politiche, tra i big nostrani, non frega nulla a nessuno. Si pensa solo all’eterna partita a scacchi che si svolge in mezzo chilometro quadrato della capitale.

Anch’io, assai più modestamente, invito a guardare al dopo: ma fuori dai giochetti dei partiti, sulle cose concrete e ripartendo dal basso.

La prima iniziativa che vi voglio segnalare è quella di Libertà e Giustizia, a Modena, il 2 giugno: sulle disuguaglianze, le oligarchie, la corruzione. Un modo per riprendersi la Festa della Repubblica, lontano da fanfare e da sfilate di carri armati. Un modo per dire che in questo Paese l’unica speranza è «la reazione degli esclusi», qualunque cosa abbiano votato o non votato domenica. L’appuntamento è qui e il mio invito è a diffonderlo e condividerlo.

Il secondo appuntamento è quello dei lavoratori dei call center, il 4 giugno, a Roma. Ha valore per loro, certo, quelli che rispondono al telefono per 3-4 euro l’ora, ma soprattutto per iniziare a costruire una rete sindacale dal basso di tutte le persone che campano nei cosiddetti nuovi lavori, tra precariato, dumping salariale e ricatti. Insomma, non è una protesta di corporazione, spero che questo sia chiaro. Qui la pagina Facebook per chi vuole saperne di più e partecipare alla campagna social. L’appuntamento fisico è alle 10 del 4 giugno in piazza Repubblica a Roma.

Piccoli o grandi pezzi d’Italia che si muovono fuori dai giochi di palazzo, cioè la parte più bella della politica.

Qui il blog di Alessandro Gilioli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>