Stefano Rodotà torna a criticare le riforme Renzi: “Con una Camera il governo dominerà sul Parlamento”

fotoRodotà “È impossibile disconnettere Camera e Senato, che si implicano direttamente. Il modo in cui si combinano rappresentanza, pluralismo e governabilità definisce infatti la coerenza interna del sistema”. Stefano Rodotà torna alla carica e lancia un attacco durissimo alle riforme del premier Matteo Renzi, Senato in primis.

“Il vero oggetto del contendere è ormai l’abbandono del pluralismo costituzionale come elemento costitutivo della forma di Stato e di governo della Repubblica”, ha detto il costituzionalista nel corso della sua audizione in commissione Affari costituzionali del Senato, chiamato come esperto in merito al disegno di legge di Riforma del Senato e del Titolo V della Costituzione.

“Se una Camera fosse effettivamente rappresentativa e garantisse l’equilibrio, allora anche una riduzione del Senato a una funzione simbolica o addirittura una sua cancellazione potrebbero non avere effetti dirompenti sul sistema. Ma noi siamo di fronte all’opposto, abbiamo una Camera ipermaggioritaria; da una democrazia rappresentativa passiamo a una di investitura con logica ipermaggioritaria, seguita dal dominio del governo sul Parlamento”.

Per rafforzare la funzione di garanzie – ha proseguito il giurista – occorre “permettere al Senato di dare un parere vincolante sul bilancio, sui conflitti di interesse, sulla convalida delle elezioni, le commissioni d’inchiesta e le nomine. Tutte queste garanzie sarebbero vincolate perché fuori dalla logica maggioritaria”.

Non sono mancate le critiche all’Italicum, accusato di “produrre effetti distorsivi”. Secondo Rodotà, il patto Berlusconi-Renzi “è fondato su proposte che traducono accordi politici volti a garantire i contraenti del patto, con effetti di esclusione e di riduzione della rappresentanza, che vanno al di là dell”intento di evitare frammentazione e garantire la governabilità”. Una scelta – ha aggiunto il giurista – “conservatrice, in continuità con la precedente legge elettorale, con dubbi ancora di costituzionalità”.

Leggi l’articolo sull’Huffington Post

1 commento

  • Il problema non è il numero delle camere, ma la legge elettorale!

    2 camere non hanno impedito nessun misfatto legislativo e non hanno fermato il declino del Paese!

    Il problema era il PORCELLUM ed è la l’ITALICUM! E’ necessaria una diversa legge elettorale che induca i partiti a selezionare Persone Eccellenti e non quaraquaquà e compagni di merende!

    E’ la Qualità dei Delegati al Parlamento, che determina il destino di un Paese e del suo Popolo, il loro rigore morale e culturale, competenze e capacità, indipendenza di pensiero e coerenza democratica e costituzionale, tutto garantito dalla storia personale e non da padrini o padroni!

    Discutere del numero delle camere è del tutto inutile!

    La legge elettorale a doppio turno di collegio uninominale è l’unica che può indurre i partiti a candidare i “migliori” e non dei più servili!

    Il Popolo Sovrano DEVE alzare la voce con gli strumenti della Democrazia Diretta Propositiva (artt 50 e 71)!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>