L’alternativa è Pigliaru

elezioniIn un lungo articolo pubblicato il 15 gennaio sul “Fatto quotidiano”, Lorenzo Fazio descrive la candidatura di Michela Murgia alla carica di Presidente della Regione Sardegna come l’ennesimo momento di riscossa del civismo democratico in confronto del “sistema marcio” da cui anche “la sinistra non è immune”, come un esaltante frammento di “politica partecipata” che i media collusi con i palazzi del potere tentano in ogni modo di occultare allo scopo di “non togliere spazio al PD”.
Al netto di qualche errore di impostazione (l’autore forse ignora il fatto che alcuni candidati presenti nelle liste collegate alla scrittrice di Cabras hanno a lungo ricoperto incarichi di primo piano nell’ambito di quel “sistema marcio” dei partiti di cui oggi invocano il superamento) e di una lettura quantomeno discutibile degli orientamenti dei principali media isolani (certamente non “allineati” alle forze del centro-sinistra), l’interessante scritto di Fazio costituisce lo spunto per proporre alcune considerazioni sulla politica sarda alla vigilia del voto.
Il ragionamento dell’editore di Chiarelettere muove da un presupposto accettabile: la critica alle troppe incertezze manifestate dal PD nel tentativo di contrapporsi, nel corso della legislatura appena conclusa, allo strapotere di quella che probabilmente è stata la peggiore espressione della destra berlusconiana, incertezze drammaticamente palesatesi nella scelta di non precludere la presenza nelle liste a tutti i soggetti coinvolti nelle indagini relative alla gestione dei fondi destinati ai vari gruppi presenti in Consiglio regionale.
Le incertezze del PD imporrebbero la ricerca di un’alternativa: ecco allora che il riferimento dei tanti indignados sparsi per il Campidano viene individuato nel sorriso della scrittrice reinventatasi guru di una politica de-ideologizzata che non vuole essere né di  destra, né di sinistra; nella leadership carismatica della self made woman che attraversa l’Isola con il rituale artificioso della nomina degli assessori virtuali; nella retorica ruspante ed un tantino naif della “rinascita del sogno indipendentista”. “Il sistema è marcio” tuonano i novelli epigoni di Braveheart in salsa barbaricina; il sistema è marcio, e “Kelledda” Murgia è l’unica alternativa.
Ma è davvero così? Davvero le forze dell’area democratica hanno smarrito la loro capacità di individuare nella questione morale il substrato essenziale della propria strategia politica? Davvero il centro-sinistra ha perso ogni canale di collegamento con la società sarda, dimostrandosi non in grado di valorizzare le eccellenze che vivono in seno ad essa? Forse no: forse un barlume di speranza è rimasto, forse il “sistema marcio” ha ancora degli anticorpi. E’ infatti nella prospettiva della riaffermazione della questione morale che si giustifica il “passo indietro” richiesto a gran voce a Francesca Barracciu da quella fetta di elettorato progressista che non si stanca di rivendicare “liste pulite”, e di pretendere trasparenza e rigore nella formazione della classe dirigente. Ed è nel quadro della valorizzazione delle eccellenze che trova la sua ragion d’essere la candidatura di Francesco Pigliaru, economista di chiara fama formatosi tra Milano e Cambridge, profondissimo conoscitore della realtà locale e delle cause che hanno frenato lo sviluppo di una terra prossima al collasso.
Centralità della questione morale, valorizzazione delle eccellenze: la rispettabile critica di Fazio al sistema esistente non può condurre al venire meno di ogni speranza, non può impedire ai democratici sardi di proporre un’alternativa al basso impero della destra berlusconiana. Un’alternativa che non si esaurisce nello sterile indipendentismo dei seguaci di Kelledda, un’alternativa che intende favorire il rilancio della Sardegna non isolandola in logiche identitarie, ma restituendole centralità a livello nazionale ed internazionale. Centralità della questione morale, valorizzazione delle eccellenze:  sì, malgrado la crisi del “sistema marcio” una speranza è rimasta. Per la Sardegna, e per i progressisti sardi.

* L’autore è coordinatore di LeG Cagliari

1 commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>