Riforme: ‘Via Maestra’, su modifica art 138 consentire referendum

Roma, 14 ott. (Adnkronos) – I firmatari e i sostenitori della “Via Maestra”, che ha dato luogo alla manifestazione nazionale di sabato scorso a Roma, in piazza del Popolo, chiedono ai senatori della maggioranza che “con un comportamento democratico, responsabile e trasparente evitino che la legge costituzionale 813-B (che consente la deroga all’articolo 138 della Costituzione) venga approvata con la maggioranza dei due terzi”. I cinque firmatari del documento “La via maestra” sono Lorenza Carlassare, Don Luigi Ciotti, Maurizio Landini, Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky. Tale maggioranza -come spiegano in una nota diffusa oggi- “preclude, infatti, la possibilità di ricorrere al referendum. Sarebbe sufficiente che un limitato numero di senatori (più di 23) non partecipasse alla votazione finale, prevista per domani 15 ottobre, consentendo così a tutti i cittadini di esprimersi con un referendum su un provvedimento che incide profondamente sul sistema delle garanzie costituzionali e crea un pericoloso precedente per il nostro Paese. Allontanando ancora di più la classe politica dai sentimenti di molta parte degli italiani”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>