Da Roma parte la “via maestra” della Costituzione

Positiva l’assemblea di Libertà e Giustizia svoltasi ieri a Roma. Rodotà, Zagrebelsky, Landini e Don Ciotti hanno acceso i riflettori sulle riforme costituzionali in discussione in Parlamento. “No ad una nuova Costituzione”. Bonsanti: “Non siamo un nuovo partito”. Una manifestazione il 12 ottobre.

Si è svolta a Roma in una data simbolica – l’8 settembre, anniversario dell’armistizio del 1943 che diede il via alla Resistenza – l’assemblea di Libertà e Giustizia. Il parallelismo della data non dispiace affatto a Sandra Bonsanti, presidente dell’associazione, che sottolinea come l’8 settembre abbia rappresentato il picco di un momento drammatico, dal quale è scaturita la rinascita del nostro Paese.

Decine di associazioni hanno risposto all’appello lanciato da alcuni nomi eccellenti, come Gustavo Zagrebelsky, Stefano Rodotà, Lorenza Carlassare, Maurizio Landini e don Luigi Ciotti, e si sono ritrovate a Roma per difendere la Carta costituzionale.
“Sono oltre 60 gli articoli della Costituzione che vogliono essere modificati, quindi si tratta di una vera e propria nuova Costituzione. Noi non vogliamo una nuova Costituzione, vogliamo che si segua la ‘via maestra’ tracciata da questa”.

Bonsanti però mette anche le mani avanti sulle aspettative che, visti i nomi, si sono fatti in molti. “Non stiamo costituendo un nuovo partito, ma un movimento politico che deve fare pressione sugli attuali partiti”. No dunque ad un nuovo partito di sinistra che tenti di colmare il vuoto in Italia, ma un movimento costituito da associazioni e cittadini.
La prima tappa di questo movimento sarà la manifestazione nazionale che si svolgerà a Roma il 12 ottobre.

Ascolta l’intervista a Sandra Bonsanti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>