Soldi ai partiti, la spugna del Pdl

penatiVIA il carcere per punire il finanziamento illecito dei partiti. Via i quattro anni di pena. Solo «una sanzione amministrativa pecuniaria». Firmato, ovviamente, il Pdl. Seppellita per sempre Mani Pulite. Cancellate tutte le inchieste presenti e future. Una moratoria pazzesca. Incredibile solo a pensarla, proprio di questi tempi. A guardare il lungo catalogo delle leggi ad personam è il più clamoroso dei colpi di spugna. Una maxi depenalizzazione. Mai, in vent’anni di norme per demolire il codice penale, si era osato tanto.
QUANDO ne parli con i magistrati protagonisti di Mani pulite ti dicono subito: «Dai, non scherzare, non è possibile, non ci credo, non possono arrivare a tanto». Quando glielo confermi restano basiti: «Così finiscono le indagini sulla corruzione».
Invece eccola qui la madre di tutti i possibili azzeramenti. Cinque righe in tutto. Un emendamento al disegno di legge del governo che cancella il finanziamento pubblico dei partiti e vorrebbe fissare le nuove regole per garantire «la trasparenza ». C’è proprio la parola «trasparenza» nell’intestazione della legge. Ebbene, ecco comparire lì l’articolo 10-bis. Criptico. Bisogna leggerlo e rileggerlo più volte per capirlo. Bisogna andare alla legge 195 del 1974, che istituiva il finanziamento pubblico dei partiti, confrontare i testi, rendersi conto del colpo di mano. Dice l’emendamento: «All’articolo 7, terzo comma, le parole da “reclusione a triplo” sono sostituite dalle seguenti “sanzione amministrativa pecuniaria pari al triplo” ». Firmato: Bianconi, Calabria, Centemero, Ravetto, Francesco Saverio Romano. Maurizio Bianconi è il vice segretario amministrativo del Pdl, gestisce con Rocco Crimi, un fedelissimo di Berlusconi, la cassa dei soldi del partito. Anna Grazia Calabria, responsabile giovanile del Pdl. Elena Centemero, responsabile scuola. La deputata Laura Ravetto. L’ex ministro dell’Agricoltura Romano.
Che succede con questo emendamento? Bisogna leggere il terzo comma dell’articolo 7 della legge 195. Essa impone che «chiunque corrisponde o riceve contributi senza che sia intervenuta la deliberazione dell’organo societario o senza che il contributo o il finanziamento siano stati regolarmente iscritti nel bilancio della società stessa, è punito, per ciò solo, con la reclusione da 6 mesi a 4 anni e con la multa fino al triplo delle somme versate ». Carcere più multa dunque. Doppia pena per chi viola una fondamentale regola di trasparenza, cioè dà i soldi di una società senza che di ciò resti traccia, con l’ovvia conseguenza che se la società ottiene poi dei vantaggi dal politico non si può stabilire la relazione.
L’emendamento del Pdl — che è possibile leggere anche sul sito della Camera nelle pagine web dedicate al disegno di legge 1154 — scardina dalle fondamenta la norma che ha reso possibile Mani pulite.
È stata il grimaldello da Mario Chiesa in avanti. Su quel comma si è radicato il processo Enimont. Sono stati incriminati Craxi, Forlani, Citaristi. Ma pure Greganti. L’elenco è lunghissimo. Non si può parlare di inchieste sulla corruzione e sulle tangenti senza far riferimento al finanziamento illecito. Un architrave che, se crolla, fa cadere l’intera impalcatura delle indagini sui colletti bianchi.
Il Pdl sta cercando di abbattere quell’architrave. L’emendamento era lì da giorni, sotto gli occhi di tutti. Con il Pdl che preme per farlo passare. Col Pd, basito, che resiste. Giusto mercoledì pomeriggio, alla Camera, ecco l’assemblea dei deputati Democratici con il premier Enrico Letta, l’autorevole esponente del Pd che ha voluto la legge per abolire il finanziamento pubblico. Quello che sta pensando ai nuovi strumenti contro la corruzione. Si alza Emanuele Fiano, riferisce il contenuto della norma proposta dal Pdl, dice secco: «Sia chiaro che questa roba qui io non la voto». Antonio Misiani, il segretario amministrativo del partito, fa cenno di sì con la testa. Nemmeno a parlarne, per il Pd quel testo è veleno allo stato puro. Soprattutto perché, neanche a farlo apposta, c’è il fantasma di Filippo Penati anche dietro questa norma, come c’era dietro allo spacchettamento della concussione, divisa in due dall’ex ministro della Giustizia Paola Severino, con la pena ridotta per la corruzione per induzione.
Penati? Sì, proprio lui. La legge Severino gli ha fatto morire per prescrizione uno dei capitoli delle imputazioni del processo per il sistema Sesto. Se dovesse passare la depenalizzazione del finanziamento illecito ne cadrebbe un’altra perché a lui e ad altri dodici imputati, tra cui l’ex presidente di Bpm Massimo Ponzellini, è contestato proprio l’articolo 7 della legge del 1974. Alla Fondazione Fare Metropoli di Penati davano soldi violando le regole che adesso il Pdl vuole cancellare. Questo spiega l’imbarazzo del Pd che si trova tra le mani una sorta di bomba ad orologeria. Se dicesse sì, ma non lo farà, si troverebbe addebitata una legge che “grazia” l’ex capo della segreteria di Pier Luigi Bersani.
Certo, non se ne avvantaggerebbe solo Penati. Ma noti esponenti del Pdl come Claudio Scajola, fresco indagato per finanziamento illecito. Come Marco Milanese, l’ex braccio destro di Giulio Tremonti, appena condannato a 8 mesi per lo stesso reato. Verrebbero “graziati” tutti. Una mega amnistia. Mani pulite fu costruita su tre reati, il falso in bilancio, la concussione, il finanziamento illecito. Il primo lo hanno acciaccato nel 2001 per salvare Berlusconi. Il secondo è finito vittima della legge sull’anti-corruzione. Adesso tocca al terzo. Se davvero dovesse cadere anche il finanziamento illecito nessuno deve più parlare di trasparenza e di lotta alla corruzione.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>