“No al salvacondotto per Silvio Berlusconi”

Il Cavaliere si prepara a lanciare “uno sfregio allo stato di Diritto e alla Costituzione”, per tentare di ottenere una garanzia che lo tutelerà da qualsiasi sentenza. Richieste società civile non sono state ascoltate.

ROMA (WSI) – “Salvacondotto”. E’ questa la parola non detta della crisi che stiamo vivendo. Salvacondotto è la forzatura irricevibile; è lo sfregio irrimediabile allo stato di Diritto, alla Costituzione, che Silvio Berlusconi pretende dalla politica in cambio della possibilità di fare democraticamente un governo o di eleggere democraticamente il nuovo Capo dello Stato.

Ciò che non si capisce di questa crisi, ciò che è persino impossibile spiegare al mondo intero, è che in assenza di una garanzia formalizzata che nessuna sentenza sarà eseguibile nei suoi confronti, B. non consentirà a nessuna soluzione.

Berlusconi è pronto a trascinare con sé nel baratro il Paese intero, le nostre istituzioni, il futuro delle prossime generazioni. B. è il vero punto di scontro e le assicurazioni che chiede il prezzo da pagare.

Tutto è possibile, in un momento così difficile, tranne concedere con una forzatura il salvacondotto, dando vita a un governo del prepotente. Tutto sarebbe possibile. Ma questo, no. Né è possibile pensare che la scelta del prossimo presidente della Repubblica debba anch’essa dipendere da garanzie offerte in questo campo.

Libertà e Giustizia chiede inoltre che il lavoro dei “saggi” scelti da Napolitano, all’interno di una invenzione non incostituzionale ma certamente “a-costituzionale”, avvenga rispettando i criteri di una normale riservatezza, ma chiede che siano resi noti tutti i temi affrontati nelle riunioni. Di cosa trattano i “saggi”? Di cosa parlano?

Infine, sulla legge elettorale: da anni ormai LeG aveva chiesto che in assenza di un accordo su una legge che cancellasse il Porcellum, si tornasse al Mattarellum con una legge di due articoli: il primo che abolisce la legge voluta dalla destra e mai cancellata; il secondo che esplicitamente afferma il ritorno al Mattarellum.

Non la legge migliore, ma l’unica possibile. Purtroppo le richieste della società civile non sono state ascoltate e chi ha cercato anche di offrire soluzioni è stato troppo spesso ritenuto un ingombro al potere dei partiti.

Ora il tempo del non ascolto è davvero finito. Non accetteremo le non risposte e i silenzi di chi porta il peso di responsabilità immani.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Libertà e Giustizia – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>