Pd: ma ora scriva l’agenda

Con quaranta giorni di campagna elettorale ancora davanti le sorprese sono sempre possibili. Tanto più in questa consultazione che, per la prima volta dopo tanti anni, si tiene in un quadro politico non bipolare. Troppe sono le incertezze, e c’è chi ricorda precedenti poco incoraggianti per il centrosinistra. Non tanto lo spettro del 1994, con la “gioiosa macchina da guerra” di Occhetto. Ma soprattutto l’incubo del 2006, quando Prodi era largamente in testa e Berlusconi riuscì nell’impresa di trasformare la sconfitta annunciata in una sconfitta di misura, un quasi pareggio. E’ a questo che il Cavaliere guarda, al di là dei suoi grotteschi proclami di vittoria. Certo, la preannunciata implosione del Pdl non c’è stata. Il ritorno in campo di Berlusconi ha bloccato la frana. Ma non è in grado di assicurare una mirabolante rimonta, fino a impedire la vittoria del centrosinistra. Questa volta, il signore di Arcore non può combattere per vincere. Ma è in campo per assicurarsi la sopravvivenza politica. Il che vuol dire in concreto questo: impedire che dalle urne esca un chiaro vincitore così da poter partecipare poi alla definizione di un nuovo equilibrio dei poteri. Avremmo un’elezione potenzialmente inconcludente. Una prossima legislatura esposta a nuove incertezze.

Non sarebbe un rischio da poco. Berlusconi sta dando il meglio di sé, che è il peggio per ogni persona a modo. Ha ripristinato tutti gli strumenti delle sue campagne elettorali. Convinto che possano dare ancora i loro frutti, malgrado i disastri lasciati in eredità dal suo governo, malgrado l’isolamento internazionale, malgrado le Olgettine e le tante cattive frequentazioni. Dunque, tasse da abolire, Costituzione da smontare, giudici da mettere sotto tutela, comunisti da combattere… Lo schema è chiaro: fare terrà bruciata tra lui e lo schieramento progressista guidato da Bersani. Gli riuscì in passato, quando azzoppò così l’ipotesi di un centro riformatore patrocinata da Mario Segni. L’obiettivo, questa volta, è Monti. Con i centristi guidati dal Professore ridotti a una modesta entità politica e il centrodestra vincitore in qualche regione chiave, come la Lombardia, il Paese si troverebbe di nuovo in una condizione politica di stallo. Il centrosinistra vincerebbe nettamente alla Camera, ma, per effetto della perversa legge elettorale, non avrebbe la maggioranza assoluta al Senato. Una situazione assai vicina a quella che dovette affrontare, con esiti disastrosi, il governo Prodi nel 2006.

Monti ha capito il gioco del Cavaliere. E ben presto ha adottato una linea alquanto ruvida nei suoi confronti. Sa che il suo centro deve pescare nel serbatoio del centrodestra, deve impedire che Berlusconi, pur ridimensionato, esca dalle elezioni ancora in grado di condizionare il nuovo Parlamento. Ma un montismo che si espanda oltre misura diventerebbe determinante al Senato, mettendo a rischio un chiaro responso elettorale a favore del Partito democratico. La situazione di stallo si riproporrebbe su un altro fronte. A sinistra, Monti non ha rinunciato alla polemica verso il Pd. I centristi, con Casini in testa, rivendicano la poltrona di Palazzo Chigi  per il Professore, qualora Bersani non abbia la maggioranza assoluta anche a Palazzo Madama. Ora, circolano con insistenza le voci di un patto di “non belligeranza” tra Monti e Bersani per sconfiggere il Cavaliere. Ma a quali condizioni? Le incognite sono molte, fino a creare un effetto quasi surreale. Il Partito democratico deve guardarsi anche dalla concorrenza sul suo lato sinistro, rappresentata dallo schieramento guidato da Antonio Ingoia. Si è prospettata l’ipotesi, poi smentita, di un patto di desistenza con l’ex Pm, ma i precedenti di accordi di questo tipo non sono certo confortanti. Non sappiamo neppure quanto possa essere convincente l’appello della coalizione bersaniana all’esigenza del “voto utile”, come fece, nelle passate elezioni, Veltroni, mettendo fuori gioco la sinistra radicale di Bertinotti.

Tattiche e pretattiche. Ma le proposte concrete e alternative sulle quali chiedere il giudizio degli elettori? Bersani ha affrontato la campagna elettorale con una calma olimpica, forte dei sondaggi largamente favorevoli al suo partito. Ma, a questo punto, si impone per il Pd un’urgente messa a punto. Non si può dormire a lungo sugli allori. L’onda delle primarie non dura all’infinito, come mostrano gli ultimi sondaggi. La sobrietà e la pacatezza del segretario del Partito democratico sono apprezzabili. Tanto più se raffrontate agli artifici e agli inganni berlusconiani. Però, in alcune circostanze, Bersani rischia di apparire generico più che sobrio. La sua strategia ha un senso se sostenuta da una serie di proposte originali e innovative. Se non si rinuncia a condurre il gioco. Se si scrive  e si fa l’agenda. Non se la si subisce. Bersani è un politico serio. Non un seduttore. Ha ammesso di “procedere col passo lento dell’alpino”. D’accordo. Ma non rinunci ad accendere qualche segnale mentre si inerpica verso la vetta. Buon senso e competenza sono belle qualità. Ma debbono tradursi in messaggi semplici. In idee concrete, facilmente afferrabili. Capaci di scaldare il cuore del cittadino elettore.

9 commenti

  • Probabilmente Bersani punta sulla solidità come antidoto all’ubriacatura mediatica in cui tutto e tutti si confondono. E’ una strategia che può dare i suoi frutti, ma indubbiamente qualche “guizzo” in più sarebbe utile. Sul piano programmatico, potrebbe fornire qualche spunto più coinvolgente in due campi che dovrebbero essere nelle sue corde: quello del lavoro e quello delle misure che semplificano la vita dei cittadini (in maniera seria, non calderoliana) e i loro diritti di consumatori. Sul piano della comunicazione, potrebbe giovare farsi affiancare da forze fresche. Ed è un fatto positivo chiedere il contributo di Renzi.
    Per quanto riguarda la concorrenza a sinistra, la questione è spinosa e il rapporto con Rivoluzione Civile avrebbe dovuto essere impostato dal Pd con una maggiore disponibilità all’ascolto. Confido, tuttavia, in un atto di “saggezza unilaterale” da parte di Ingroia, perché la posta in palio è troppo alta. Un passo indietro in alcune regioni-chiave ridimensionerebbe la sua proposta politica nell’immediato, ma potrebbe ripagarlo con gli interessi in futuro. Tra l’altro molti di noi, che oggi si stringono attorno ai tradizionali partiti di centrosinistra spinti in gran parte dallo spauracchio berlusconiano, trovano, sui temi della legalità, non poche consonanze con l’ex procuratore, che si potrebbero domani coltivare. Oggi però la priorità è chiudere una volta per tutte l’esperienza del berlusconismo.

  • Il ritorno della mummia è impensabile per ogni Paese civile.Se dovesse accadere significa che davvero il Paese é irrecuperabile perchè ormai marcio fin’all’osso.E neanche una relativa maggioranza d’onesti potrebbe più salvarlo dai disonesti.Sarebbe la caduta irreversibile dell’Italia

  • guardate che il movimento 5 stelle esiste,con la sua voglia di mettere ordine in questo paese di alienati ,non si può parlare di campagna elettorale di caio e zempronio senza citare una fetta del popolo

  • Abbiamo vissuto nell’ultimo ventennio lo svolgersi e la messa in pratica di un “ALMANACCO” berlusconiano, non l’agenda. La politica che si impegna e agisce dopo un accorto e accurato ascolto delle istanze delle cittadinE/I e’ l’unica auspicabile per agire la DEMOCRAZIA. I comizi elettorali non possono piu’ essere cattedratici, urlati, unidirezionali e con un unico tema la squalifica e la critica dell’avversario e delle sue dinamiche. Un salto di qualita’ l’impegno e l’agito, in prima persona, dei politici al governo ad esempio del “COME SI FA’”. La /o cittadina/o, la lavoratrice/o le persone, la gente comune deve riappriopriarsi di consapevolezza di essere loro stessi “LA vera POLITICA DEMOCRATICA”.Franca Mazzanti

  • Idee concrete. Proprio di queste il paese ha bisogno,e di queste si sente la mancanza.La campagna elettorale è appena iniziata,speriamo di sentirle nel suo proseguimento.Le risorse disponibili agli investimenti sono limitate, il loro impiego deve essere intelligente.Idee intelligenti.Averle basterebbe a vincere le elezioni a mani basse.

  • non servono agende per battere berlu…
    lui ha dalla sua un popolo di illegali che si misura in 120 mila miliardi di evasione, vi sembra poco?

  • sono convinta che la ricandidatura di Berlusconi sia molto importante per verificare a suon di numeri se questo paese si possa ormai ritenere vaccinato (come diceva Montanelli) o sia ancora malato.
    E’ indispensabile saperlo il più chiaramente possibile.
    I numeri ci diranno chi effettivamente siamo.
    silvana

  • Mi permetto un commento all’intervento di Silvana. Se disgraziatamente i numeri dovessero certificare che il Paese non è vaccinato, le conseguenze sarebbero disastrose. Il fatto è che Berlusconi non ha mai avuto il 51%, neanche nelle sue elezioni più “trionfali”: glielo hanno regalato le divisioni altrui. E adesso, se dopo tutto quello che è successo, siamo ancora qui a tremare a ogni sondaggio (magari pilotato allo scopo) è colpa delle divisioni nel nostro campo. Se il Pd vuole governare con Monti, perché non allearsi direttamente con lui, senza disperdere voti col Porcellum? Altrimenti perché non cercare una ragionevole intesa con Ingroia? Ma disperdere entrambi questi bacini di voti mi sembra assurdo. Così come sbagliati sono stati i calcoli che hanno indotto il Pd a non accettare una legge proporzionale senza il super-premio: fuori dalle logiche maggioritarie Berlusconi non vale quasi niente.

  • Antonio, purtroppo in questo momento la questione delle alleanze è davvero cruciale e sento molto l’arroganza del centro e di Monti in particolare. E anche le sue contraddizioni e ingratitudini: se ha potuto governare lo deve a chi ha accettato (per varie ragioni, non esclusa la debolezza e lo stato comatoso delle istituzioni a seguito del berlusconismo) di sostenerlo a caro prezzo.
    Ingroia è ben probabile che non entri nemmeno in parlamento (chi ha capito quello che dice, lo prego, mi faccia qualche traduzione); e una alleanza con lui è emorragia di altri potenziali voti.
    Mannaggia la corte costituzionale quando non ha approvato la richiesta del referendum: questo diniego, nella disastrata situazione, è stato cruciale.
    silvana

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>