Seminario di Poggibonsi: tuteliamo il paesaggio

Mentre il ministro dell’ambiente Clini si dichiara “in disaccordo” con le preoccupazioni sollevate dalle associazioni ambientaliste a proposito dell’Ilva, mentre il vice-ministro Ciaccia propone per la crescita italiana la “nuova” ricetta del massacro cementifero di ciò che resta del nostro paesaggio, dai mari alle coste alle colline, Il Presidente del Consiglio Monti presenta un disegno di legge di “semplificazione”, che semplifica nel modo più semplice: svuotando di ogni forza gli ultimi vincoli a quella tutela del paesaggio che l’Articolo 9 della Costituzione prescrive alla Repubblica di garantire, vedi l’articolo di Gian Antonio Stella sul “Corriere” del 18 ottobre scorso, e quello di Salvatore Settis su “Repubblica”.

Dalla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Pisa è partito un Documento di allarme e di protesta che speriamo susciti l’adesione massiccia del maggior numero possibile di docenti, ricercatori, operatori della cultura.

Speriamo di suscitare molte adesioni, con o senza commenti e suggerimenti

Guarda la presentazione di Sandra Bonsanti e l’intervento di Roberta De Monticelli
[HTML1]

Guarda l’intervento di Salvatore Settis
[HTML2]

 

 

3 commenti

  • Abbiamo un governo che si può paragonare a Ponzio Pilato,non è in grado o non vuole assumersi delle responsabilità così fa in modo di delegare tutto alle amministrazioni locali,ad un popolo opportunista,lasciando tutto sulle spalle di chi vorrebbe un Italia più equa.

  • La salvezza del Paese sta nell’esercizio concretodella nostra perfetta Costituzione e precisamente LA’ dove i Padri Costituenti hanno lasciato alla Cittadinanza la possibilità della Democrazia Diretta, LA’ dove hanno lasciato la possibilità di ritirare “di fatto” le deleghe incautamente concesse a persone indegne, LA’ negli articoli 1-71-50 e se necessario 40, dove i Cittadini possono riprendere nelle proprie mani il futuro del Paese e così Salvare il Territorio, darsi una Legge Elettorale funzionale alla Cittadinanza e non ai partiti, una buona Legge Anticorruzione, ecc. ecc. il tutto in tempi molto contenuti. Libertà & Giustizia vuole fare qualcosa di “concreto” ed efficace, non i soliti riti inutili, insieme alla Rete per l’Acqua Pubblica, Libera, SNOQ, ecc. ecc., come quando si attivò nel 2006 per il Referendum Confermativo per salvare la Costituzione? Da quel che vedo e NON vedo, direi che non vuole! Peccato!

  • Pingback: Seminario di Poggibonsi: tuteliamo il paesaggio | Poggibonsi - Cerca news

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>