I partiti e la babele delle lingue

E’ più forte il professor Monti dopo il braccio di ferro sulla spending review? La domanda trova in generale una risposta positiva. Il piano di tagli varato a Palazzo Chigi mette in sofferenza il grosso delle forze politiche. Però, a questo punto, il governo ha dalla sua una maggioranza che, benché recalcitrante, non può fargli mancare il proprio appoggio. C’è chi vede ormai, dopo il varo del decreto, una più netta presenza del “partito di Monti”in Parlamento, grazie a uno schieramento trasversale che si consolida. Le previsioni sono sempre difficili. Si può, però, con certezza registrare, mentre il premier porta a casa il risultato possibile, la inadeguatezza del gioco politico condotto da partiti che dovrebbero invece, in questa fase, presentarsi con messaggi forti e chiari. E’ avvilente la ripetitività di un metodo confuso, mediocre, deludente. Che vede sempre più in difficoltà il Pd e tutto l’arco del centrosinistra.

A rappresentare questo stato di cose non c’è solo la vicenda dei tagli alla spesa. L’altro evento di questi giorni è la conclusione della “questione Rai”, dopo una partita condotta con mezzi impropri, a dir poco scandalosa. Anche in questo caso, Monti porta a casa un risultato perché, in qualche modo, la Rai ha finalmente il proprio “governo”. Ma non c’è bisogno di andare dietro le quinte, di affidarsi ai “retroscena”, per capire chi è alla fine il vero vincitore. Il nome è uno solo, quello di Berlusconi. Che può sopportare anche retromarce e cadute, da quando ha dovuto sloggiare da Palazzo Chigi, mai, però, che si tocchi una pagliuzza del suo potere televisivo. Ecco, dunque, che il centrodestra mantiene la sua maggioranza nel Cda Rai, facendo espellere un suo parlamentare “infedele”, che aveva esercitato nel voto la propria autonomia, e si prepara a sfruttare il riuscito colpo di mano. Berlusconi chiama e il presidente del Senato, Schifani, risponde. Rinuncia, la seconda carica della Repubblica, ai timidi tentativi di “smarcamento” che aveva avviato sia pure  per semplice istinto di sopravvivenza. E torna al punto d’origine, indossando la vecchia livrea di maggiordomo del Cavaliere.

La vicenda Rai è paradigmatica. Mostra come il conflitto d’interessi non sia entrato in letargo, ma sia tuttora vivo e vegeto. Anzi, destinato a fare gli straordinari, mano a mano che si entra nel vivo della campagna elettorale. Il centrodestra è in stato confusionale. Vede sfrangiarsi il proprio modello di riferimento, assottigliarsi il proprio elettorato e anche i propri referenti sociali. Berlusconi si prepara dunque a combattere la battaglia della disperazione nei nove mesi che ci separano dal voto. Il suo partito è in crisi. Ma neppure il Pd e il centro sinistra stanno bene. I tagli, è evidente, sono destinati a mettere in difficoltà soprattutto i democratici. L’ipotesi di Bersani di un’alleanza da Casini a Vendola, costruita intorno alla forza prevalente del Pd, era già difficile in partenza. Ma oggi si è fatta ancora più problematica. Bersani deve affrontare la protesta dei sindacati e l’offensiva di uno scomodo alleato come Vendola. Che è in grado di creare non poche difficoltà ai democratici, cominciando col rafforzare la sua intesa tattica con Di Pietro. Berlusconi avverte tutto questo. Ed è tentato dall’idea di rovesciare i rapporti all’interno dell’”anomala” maggioranza che sostiene l’esecutivo dei “tecnici” , presentandosi come la forza trainante per un governissimo con ancora Monti nel 2013.

La babele delle lingue aumenta ogni giorno. Certo, le difficoltà sono reali per il centrosinistra. Ma il Pd ci ha messo del suo. A cominciare dal balletto avviato dall’intervista di D’Alema  sulla “continuità” della prossima legislatura con l’esperienza del governo Monti. Su questo tema, nel volgere di pochi giorni, gli esponenti del Pd hanno detto tutto e il contrario di tutto. Sconta, il Partito democratico, a questo punto, le ambiguità delle sue origini, l’iniziale timidezza sul piano della manovra, della proposta, delle idee. E’ possibile una correzione in corso d’opera? L’elettorato apprezza le battaglie aperte e attribuisce consensi a chi è capace di lanciare la sfida.

3 commenti

  • Sulla questione Rai, l’unica nota lieta è la nomina di Tobagi e Colombo. Avranno vita dura, circondati dai consiglieri in quota Pdl, ma la loro nomina perlomeno promette combattività e trasparenza, anche se da una posizione di minoranza. Quanto alle prospettive future, il Pd deve ritrovare sui temi sociali delle parole d’ordine più adatte a un partito di centrosinistra. L’emergenza economica, che nessuno sottovaluta, non può diventare il prestesto per svendere, pezzo per pezzo, lo stato sociale e accodarsi a un pensiero liberista, che di questa crisi vorrebbe essere la cura, ma è stata la causa a livello mondiale. Anche il capitolo delle alleanze va affrontato in quest’ottica.

  • Babele? Se cìè una Babele questo è il PD, e questa situazione la si può osservare in modo scientifico, per fare un esperimento occorre una laboratorio, delle provette ed agenti vari che intragiscono ed operano la risposta dell’osservato. Bene il laboratorio è Facebook le provette sono i circoli PD iscritti al network gli agenti sono laicità, socialismo, sinistra, legge 194 etc. tec.. Bene questo esperimento è stato fatto, è durato un anno, i risultati sono che buona parte dei circoli PD non sono altro che sezioni del PCI con tutto l’armamentario di questo vecchio partito Lenin, la Rivoluzione, il Proletariato, la Lotta di classe, poi vi sono i circoli DC ma questi sono fondamentalmente Segreterie di ‘Onorevoli’ riportano le dichiarazione del democristiano e chiamano a raccolta per le manifestazioni. Vi sono poi pochissime sezioni che chiamiamo ‘buoniste’ sdono sezione di giovani che fanno i buoni combattono tutte le ‘buone’ cause’ chiamano a raccolta per ogni ‘buona azione’ ma prospetticamente ed analitricamente non propongono nulla. Se in queste sezioni inseriamo elementi nei circoli per esempio la legge 194 i circoli DC la respingono-accettandola se si potesse togliere di mezzo sarebbe meglio ma non si può rompere il partito allora lasciamola stare, i PCI l’accolgono senza se e senza ma, senza però motivarla come fattore di conquesta liberale cioè della cittadinanza ma come un fatto esclusivamente delle donne, i circoli dei buonisti invece hanno atteggiamenti contraddittori a volte anche pienamente di destra come questo: le donne dovrebbero stare attenti a fare figli. Questo è sinteticamente i quadro della situazione. Da questa babele è chiaro che può sortire solo una grande confusione, un partito senza identità e il provero Berani che fa il Re travicello

  • CERTO NON E’ FACILE GOVERNARE UN PAESE COME L’ITALIA DOVE OGNUNO DICE LA SUA IN MODO DIVERO DALL’ALTRO. ALLA FINE PERO’ BISOGNA AGIRE E SCEGLIERE. L’ON.LE D’ALEMA S’E’ FATTO GI’ INFINOCCHIARE DA BERLUSCONI CON LA FAMIGERATA BICAMERALE. PERCHE’ NON CERCA DI PARLARE DI MENO???
    gilbtg

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>