Diventa Socio
Invia questo articolo Stampa
Comunicato Stampa

SEMIPRESIDENZIALISMO. CHITI: SERVE REFERENDUM PROPOSITIVO A ‘Liberta’ e giustizia’: sarebbe mutamento radicale della Carta

31 maggio 2012 - Commenti disabilitati
Ufficio Stampa - Vice Presidente del Senato della Repubblica Vannino Chiti

”L’introduzione del semipresidenzialismo non e’ un aggiornamento della Carta, ma un suo mutamento radicale. Ci vuole un preciso mandato dei cittadini”.
Vannino Chiti, in una intervista rilasciata a ‘Liberta’ e Giustizia’, propone che ”se si vuole seriamente affrontare il tema del cambiamento in senso presidenzialista dello Stato, si approvi una legge costituzionale che permetta un referendum propositivo. I cittadini devono potersi esprimere e decidere tra semipresidenzialismo o governo parlamentare forte”.
Secondo l’esponente del Pd, infatti ”una scelta così importante non  può essere discussa, in modo frettoloso, a 8 mesi dalla fine della legislatura e soprattutto non e’ accettabile che si decida di modificare la Costituzione in modo radicale, senza un mandato chiaro dei cittadini. Sarebbe un regalo diabolico all’antipolitica. Dio acceca chi vuol perdere, Deus amentat quos perdere vult. Basti pensare non solo alla mancanza di una legge sul conflitto d’interessi – riconosciuta, bonta’ sua, anche da Alfano – ma al complesso equilibrio tra istituzioni dello Stato e ai poteri attribuiti al Presidente della Repubblica. Un solo esempio: chi guida il governo del paese, come puo’ presiedere il Consiglio Superiore della Magistratura?”.
Inoltre, aggiunge Chiti, ”e’ sbagliato pensare ad uno scambio tra legge elettorale ed elezione diretta del Presidente. La Costituzione e’ troppo importante per abbandonarla a improvvisazioni populistiche. Non appartiene ai partiti, vecchi o nuovi, ma è di tutti i cittadini”.
A proposito di legge elettorale, Chiti conclude: ”se il paese tornasse al voto con la legge ‘porcellum’, la ferita inferta alla democrazia sarebbe devastante. La nuova legge deve vedere la luce al massimo entro ottobre. Noi del Pd faremo di tutto per riuscirci ”.