Appello per la trasparenza nell’impiego delle risorse pubbliche

Appello per la trasparenza nell’impiego delle risorse pubbliche

Per fronteggiare il dilagare di episodi di corruzione, malversazione e distrazione di fondi pubblici, da più parti si propongono interventi legislativi come norme specifiche anticorruzione, regolamentazione più severa di finanziamento e rendiconto economico dei partiti, snellimento dell’iter giudiziario, ripristino di termini di prescrizione ragionevoli ed altro.

Ben vengano regole più severe a posteriori, ma ancor prima occorre consentire a Cittadini, Associazioni e Imprese di sorvegliare e controllare come vengano impiegate le imposte e le tasse pagate.
In che modo?

Attraverso la TRASPARENZA TOTALE degli impieghi.
È necessario che tutti gli organismi che ricevono finanziamenti pubblici (Ministeri, Regioni, Province, Comuni, Enti vari, Partiti…) siano obbligatoriamente tenuti a pubblicare in rete – alla piena e immediata
disponibilità del pubblico – i resoconti dettagliati relativi ad acquisti, spese varie, stipendi, nomine, consulenze, appalti, ecc…gestiti con fondi pubblici.

La semplice pubblicazione di tali dati costituirebbe già un deterrente contro sprechi, corruzione, familismo, consulenze di comodo, maggiori costi e ritardi nelle opere appaltate.
Peraltro, la trasparenza totale consentirebbe all’opinione pubblica e alla stampa, ma anche al singolo cittadino, di valutare le scelte e conoscerne anche i beneficiari.

In vari Paesi (Regno Unito, Svezia, Stati Uniti) la trasparenza nella spesa pubblica è già realtà, e permette ai Cittadini, o alle loro associazioni, un controllo generale e continuo sulla gestione dei fondi pubblici.
Rivolgiamo perciò un appello alle istituzioni incaricate affinché impongano, da una parte, la pubblicazione dei dati in questione e,dall’altra, ne sorveglino l’effettiva realizzazione.

Primi firmatari:

Guido Rossi
Michele Salvati
Marco Vitale
Pietro Ichino
Francesco Daveri
Pippo Ranci Ortigosa
Pietro Micheli
Salvatore Bragantini
Roberta De Monticelli
Giorgio Cosmacini

8 commenti

  • È veramente importante che la trasparenza non resti un argomento da demagoghi o da fini economisti, ma che entri nella mentalità comune come un requisito indispensabile per una democrazia funzionante.

  • La pubblicazione in rete di spese, nomine, appalti, ecc. consente ai Cittadini e alle loro Associazioni di controllarne gli impieghi ma, nello stesso tempo, frena in maniera PREVENTIVA chi progetta usi delle risorse pubbliche non corretti o, addirittura, illeciti.
    Tale effetto potrebbe ottenere ampi risultati positivi, analoghi a quelli conseguiti dal divieto del fumo nei locali pubblici, dove il rispetto della norma non ha richiesto interventi sanzionatori: è bastata le temuta indignazione degli astanti.
    Peraltro, sono in vigore norme che consentono la trasparenza totale; bisogna completarle con sanzioni per le Amministrazioni inadempienti.

  • sottoscrivo assolutamente e aggiungo che non solo bisogna ripristinare i termini di prescrizione ecc. ma instaurare la pena certa per chi viola le regole.purtroppo nessuno invoca la pena certa perche’?inutile parlare poi di patteggiamento e altro ,una vera vergogna e un insulto al popolo dei lavoratori.

  • Questa richiesta può essere una fra le misure più efficaci sul piano economico che miri ad un miglioramento della spesa ,del suo contenimento,del contrasto verso i fenomeni di corruzzione ,infiltrazione criminale che tanto costano ai cittadini onesti. Ne abbiamo veramente bisogno.

  • Questa della trasparenza è l’unica strada percorribile per cercare di porre un freno all’enorme corruzione che ha portato questo paese verso il baratro. Se i politici volessero veramente governare questa nazione, dovrebbero vivere in una casa di vetro, sia nella vita pubblica che in quella privata.

  • Pingback: Resoconto dell’assemblea del Circolo | Circolo Libertà e Giustizia di Milano

  • Pingback: Appello per la trasparenza nell’impiego delle risorse pubbliche | Circolo Libertà e Giustizia di Milano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>