Brindisi: Nulla potrà mai giustificare simile ferocia!

L’attentato di Brindisi conferma ancora una volta come in Italia, nei periodi di crisi generalizzata, lo spettro della sopraffazione e della crudeltà criminale tenti di avanzare per oscurare e vanificare i progressi  democratici e civili raggiunti anche a caro prezzo.

Vite spezzate e famiglie cadute in un dolore indicibile sono oggi il conto che questa Nazione paga allo sforzo di normalizzazione e di  evoluzione civile.

Colpire una scuola ed i suoi alunni, nell’orario in cui ci si appresta ad iniziare una giornata di impegno, rappresenta simbolicamente e diabolicamente la sfida che menti malate lanciano alla società ed alle Istituzioni che contribuiscono al suo sviluppo.

Nulla potrà mai giustificare simile ferocia!

Il valore della vita umana è e dovrà essere sempre il punto di partenza di ogni riflessione sulla Democrazia e delle sue regole.

Mai come oggi appare necessario che il dovere di vigilanza per la difesa dell’ordine democratico, debba essere considerato un sentimento diffuso e non solo in capo alle Istituzioni.

“Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società” (art.4 Cost.), così i nostri Padri costituenti pensavano al necessario contributo di tutti per un progresso civile.

A noi tutti la riflessione su come e quando questo percorso si sia interrotto o peggio ancora mai iniziato!

Il circolo di Lecce di Libertà e Giustizia è vicino al dolore che ha colpito le famiglie delle ragazze coinvolte in questa assurda tragedia.

 

Lecce. 19 maggio 2012

 

Libertà e Giustizia

circolo di Lecce

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>