Cambiate la legge elettorale

Disaffezione politica e riforma elettoraleIl risultato delle elezioni amministrative, con la  conferma dell’elevata disaffezione  degli elettori per gli attuali partiti, rende sempre  più indispensabile l’approvazione di una nuova legge  elettorale, che quantomeno ripristini la possibilità per i  cittadini di scegliere i loro rappresentanti. Si tratta di  restituire agli elettori una concreta possibilità di partecipazione  alla vita politica, che è stata loro sottratta nelle  due precedenti tornate  elettorali. Libertà e Giustizia ritiene questo passaggio una vera e propria precondizione per riavere un Parlamento all’altezza della “disciplina ed onore” richiesti dalla Costituzione  e in grado di affrontare  le emergenze del paese con  l’autorevolezza che è necessaria. D’altro canto, le recenti elezioni amministrative  hanno dimostrato senz’ombra di dubbio ciò che da tempo  avrebbe dovuto essere  sotto gli occhi di tutti: il Parlamento attuale e i cittadini sono distanti l’uno dagli altri, quanto forse non è mai accaduto nei trascorsi decenni  di vita repubblicana. In questa  condizione di difetto di  rappresentatività, non è pensabile che i partiti in Parlamento  si arroghino il compito  di intervenire sulle strutture  istituzionali del paese  modificando la Costituzione,  addirittura puntando a ottenere  quella maggioranza dei  due terzi che impedirebbe il ricorso al referendum confermativo. L’abuso di maggioranza contro  il referendum. L’esclusione del referendum quando le Camere si pronunciano a  maggioranza dei due terzi è  stata prevista e vale in base alla presunzione che a un sì largo consenso parlamentare corrisponda necessariamente un consenso tra gli elettori  tanto diffuso da rendere superflua la loro consultazione. Presuppone cioè un certo grado di rappresentatività delle Camere. Se ciò viene a  mancare, la modifica della  Costituzione con esclusione del referendum costituisce un’espropriazione di democrazia. Perché sia possibile  questa verifica, ecco che occorre prima rinnovare il Parlamento, applicando nuove  regole elettorali. Come rispondere a chi dice:  se il Parlamento non ha l’autorità  per riformare la Costituzione,  perché l’avrebbe  per cambiare la legge elettorale?  Perché la riforma elettorale  non è una riforma come tutte le altre. Si tratta dell’adempimento  d’un dovere  democratico: la restituzione  ai cittadini elettori di quella  sovranità, che oligarchie di  partito hanno voluto trasferire a se stesse, trasformando gli eletti in Parlamento in loro appendici. Per mettere fine  a un abuso che si è commesso,  non c’è bisogno di  avere chissà quale autorità.  Basta e avanza il riconoscimento  dell’abuso commesso e della perdita di autorità che  ne è conseguita. La riforma  elettorale deve essere intesa  come doveroso atto d’umiltà  e sottomissione, quell’umiltà  e quella sottomissione ai diritti  dei cittadini che ogni vera  riforma della politica in  senso democratico presuppone. AL CONTRARIO, la riforma della Costituzione – prima  ancora che se ne discutano  i contenuti – comporta  un esercizio di sovranità che  necessita d’un Parlamento in  sintonia con i cittadini: necessita  d’un Parlamento che  non abbia da fare nessun atto di contrizione e che sia, al  contrario, pienamente legittimato  dal voto popolare,  espresso secondo una legge elettorale accettabile, che  non faccia a pugni con la democrazia.

2 commenti

  • Il progetto unificato a firma Vizzini ha meno di un mese di vita ed è praticamente sconosciuto.
    Approvarlo in fretta senza un serio dibattito, allargato al di fuori del Parlamento, sarebbe l’ennesimo colpo di mano.
    C’è solo da sperare che non si realizzi nuovamente la maggioranza bulgara che ha approvato le modifiche all’art. 81, negando così la possibilità ai cittadini di poter ricorrere al referendum confermativo.

  • Non è l’inopportunità delle riforme che ancor mi offende quanto il loro contenuto, ch qui come in ogni articolo di giornale (con l’eccezione de Il Manifesto) è taciuto. Tre riforme: poteri di approvazione delle leggi diseguali per le due Camere e potere delle Camere dare la fiducia a un presidente del Consiglio e non al Governo; potere del presidente del Consiglio di nominare e revocare i ministri, di chiedere lo scioglimento di una o di entrambe le Camere che non abbiano approvato un disegno di legge su cui il Governo abbia posto la fiducia; procedura per la pronuncia di un voto di sfiducia nel presidente del Consiglio che rende praticamente impossibile alle Camere esprimerlo e comunque non valido se le Camere non dispongono di un altro nome da sostituire nella carica di P.d.C. Le pare poco – egr. prof. Zagrebelsky – il progetto di trasformare la Repubblica Parlamentare in quella del presidente del Consiglio per non gridare fermatevi, rendete pubblico il vostro progetto ai cittadini elettori prima di accingervi alla sua approvazione nel più assoluto silenzio?!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>