Con la legalità si cresce di più

Sul disegno di legge anticorruzione, quel che era un timore sta pericolosamente diventando realtà: c’è il rischio concreto che le nuove norme per contrastare il malaffare economico (spesso legato alla politica) non vedano mai la luce. O che si arrivi a un compromesso talmente annacquato e/o pasticciato da favorire più danni che soluzioni.
Un iter parlamentare irto di difficoltà era prevedibile. Lo stesso ministro della Giustizia Paola Severino — artefice del maxi-emendamento che doveva conciliare le diverse istanze in una via d’uscita accettabile da tutti — lo aveva messo nel conto. Adesso però la guerra di posizione e i continui rinvii hanno lasciato il passo a comportamenti concreti che fanno immaginare l’esito peggiore.
Ieri alla commissione Giustizia della Camera è andato in scena l’ostruzionismo del Pdl, giustificato dal pretesto che «il partito dei neo-giustizialisti ha mostrato il suo vero, disarmante e spaventoso volto», come ha tentato di spiegare un deputato del fronte berlusconiano. Ce l’aveva con l’aumento della pena minima per il reato di peculato. E la presidente della commissione Giulia Bongiorno, esponente di Fli, ha espresso la realistica preoccupazione di non arrivare in tempo all’appuntamento con l’aula di Montecitorio.
Se i contrasti tra le due fazioni della «strana» maggioranza che sostiene il governo Monti dovessero finire per paralizzare i lavori parlamentari e il disegno di legge, sarebbe un’altra sconfitta dell’esecutivo. Non solo, però. Sarebbe anche una sconfitta e una pessima figura per l’Italia e la sua intera rappresentanza politica. Di fronte ai cittadini che sentono snocciolare di continuo le cifre scandalose sul dilagare del fenomeno, senza che i partiti riescano neppure ad accennare la volontà di un contrasto più serio; e di fronte all’Europa, che ci ha ripetutamente chiesto una prova di maturità riparando le lacune più volte segnalate.
Il problema non riguarda solo la perenne diatriba sulla giustizia. La lotta alla corruzione è uno degli ingredienti necessari per la tanto invocata crescita economica, come hanno sostenuto anche autorevoli esponenti del centrodestra. L’Italia è attesa ad importanti appuntamenti internazionali, ricordati di recente dal ministro Severino: presentarsi con un nulla di fatto su questo argomento farebbe scendere di molto l’immagine del Paese e le sue quotazioni, oltre che la possibilità di cominciare ad attrarre investimenti esteri.
Come se non bastasse, al poco edificante spettacolo in commissione Giustizia s’è aggiunto il guazzabuglio sul falso in bilancio, con un emendamento del Pdl approvato anche da Fli e Udc al disegno di legge targato Idv, che di fatto ha ripristinato la norma chiamata ad personam che si voleva modificare. Il tutto con il parere favorevole del governo, dato dal sottosegretario Mazzamuto (che aveva sostituito il dimissionario Zoppini, indagato per frode fiscale), il quale però è stato subito dopo corretto dal ministro: non erano quelle le indicazioni impartite. Un incidente al quale ora si cercherà di porre rimedio, ma che ribadisce il quadro desolante di una situazione politica paralizzata da ciò che l’ha caratterizzata negli ultimi vent’anni: il conflitto permanente e apparentemente irrisolvibile in materia di giustizia.

5 commenti

  • ma scusate, cosa vi aspettavate?Visto che nessun nuovo attore ha il coraggio di metterci la faccia cosa si pretende. allo stato delle cose solo il popolo puo’ ricostruire il paese.Fare un elenco di tutte le iniziative anticorruzione e poi a furor di popolo andranno ad oltranza portate avanti. al momento e’ l’unico sistema per poter portare avanti un discorso fondamentale per la crescita del paese.

  • La demagogia, gli inciuci e i sotterfugi palesi o trasparenti creano sconcerto e disaffezione nei confronti di questa classe politica. Perfino i “PROFESSORI” non appaiono più credibili. Mi moglie rammenta:TENEVA ‘NA SPERANZA E S’E’ PERDUTA / AVEVO ‘NA PASSIONA E M’HA LASSATA!!!

  • questi squallidi cortigiani del Paura Della Libertà sono disgustosi . Per il loro tornaconto e quello di chi li tiene a libro paga con la qualifica di servi , sono disposti a qualunque intrallazzo e falsità , un esempio per tutti : giurare con il loro voto che l’ormai tristemente famosa ruby fosse la nipote di Mubarak.Gentaglia senza vergogna che ha venduto al maggior offerente il rispetto di se stesso.

  • Il falso in bilancio e’ un furto ai danni di tutti e, in particolare, degli azionisti o soci della ditta. Oltretutto e’ fatto per perpetrare azioni fuori legge !
    Pe la corruzione ci vuole i carcere come pena pesante e certa !
    Questi parlamentari di centrodestra si sono dimostrati disonesti per tutta la legislatura e anche per le precedenti, specialmente da quando e’ intervenuto quel nanerottolo inqualificabile.
    Se non ce la si fa ora o se scaturiscono leggi annacquate, ci penseremo all’inizio della prossima legislatura !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>