“Sud, giovani, immigrati tanti strappi da ricucire con l´energia dei volontari”

Una manifestazione «per dare voce all´Italia che in queste settimane ribolle di passione civile». Libertà e Giustizia la organizza per sabato prossimo a Milano. Gustavo Zagrebelsky, presidente onorario dell´associazione, spiega così il significato di «Ricucire l´Italia».
Professor Zagrebelsky, com´è nata l´idea?
«E´ venuta due settimane fa a una signora che partecipava al nostro seminario di Poppi in Casentino, nel castello in cui Dante scrisse i versi del sesto canto del Purgatorio: ‘Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di provincie ma bordello´. L´ambizione è quella di provare a invertire la china, a ricucire le diverse fratture che attraversano l´Italia in questo passaggio particolarmente difficile della sua vita politica».
Si riferisce al tentativo secessionista della Lega?
«A quello, ma non solo. Certo, c´è da contrastare la balorda idea che si possa allargare il solco tra Nord e Sud fino alla secessione: sarebbe un bel paradosso a 150 anni dall´Unità, come giustamente ha sottolineato il Presidente Napolitano».
Quali altre fratture vedete?
«C´è quella sociale, il divario che aumenta sempre più tra ricchi e poveri. C´è la frattura generazionale, quella che divide i giovani precari dai lavoratori più anziani. C´è anche una frattura di natura etnica tra immigrati e residenti. Se ci pensiamo, in questi anni la politica ha lavorato per aumentare queste fratture, in alcuni casi ha addirittura fatto fortuna sulla loro esistenza».
Avete preparato un manifesto per l´iniziativa di sabato. Qual è, tra le tante, la frattura principale da ricucire?
«Sabato partiremo da quella tra gli elettori e il ceto politico, tra rappresentati e rappresentanti. Ci sono stati in questi mesi diversi segnali su cui riflettere: il successo dei referendum ma anche certe candidature vincenti alle amministrative ci dicono che il sentire degli italiani è sensibilmente diverso da quel che viene percepito non solo dal governo, ma anche dai partiti e dal Parlamento».
Parla della distanza tra società civile e palazzo?
«E´ così anche se dobbiamo stare attenti. Non mi piace fare nomi ma in queste settimane c´è il rischio di lasciarsi andare alle tentazioni dell´antipolitica. Non dobbiamo cedere alla demagogia distruttiva del ‘tanto i politici sono tutti uguali´. Userei anche con cautela l´espressione ‘società civile´ di cui Libertà e Giustizia si sente parte: è un´espressione che è usata spesso come sinonimo di salotti».
Che cos´è invece, a suo parere, la società civile?
«Sono i tanti, giovani e meno giovani, che incontro a lavorare nelle associazioni di volontariato, cattolico e laico. Volontariato in senso molto largo: persone che sono disposte a dare tempo, capacità professionale, denaro in modo disinteressato per il bene di tutti. E´ volontariato anche partecipare alla nostra manifestazione di sabato. A questi molti, moltissimi, la politica ufficiale sembra avere sbarrato le sue porte. E´ ora che questa società civile decida di far sentire la sua voce in politica».
Avete partecipato alla raccolta di firme per il referendum elettorale. E´ meglio andare subito alle elezioni anticipate o modificare la legge attuale, magari con un governo di transizione?
«Noi abbiamo raccolto le firme con lo slogan: ‘Mai più al voto con questa legge´. Dunque, per coerenza, sarebbe preferibile che prima delle prossime elezioni si modificasse la legge. Come e chi debba modificarla è oggetto della discussione politica. Certo bisognerà trovare il modo di andare al voto in tempi brevi perché il protrarsi dell´attuale stallo renderà molto difficile la ricostruzione quando si aprirà una fase nuova».
Una nuova manifestazione, dopo le molte dei mesi scorsi. Che cosa potrà cambiare?
«Non è una manifestazione da sola che può rivoluzionare il quadro politico. Ma proprio le manifestazioni di questi mesi sono servite a far sapere che quella frattura tra paese reale e palazzi della politica si stava allargando. Queste iniziative servono a far capire che un´altra Italia è possibile. Anzi, c´è già. Si tratta ora di organizzarla, vedremo chi saprà farlo».

3 commenti

  • si è atteso troppo la Lega ha sempre manifestato il suo desiderio secessionista, ma purtroppo, a oggi, nessuno gli ha impedito questo suo insano e irresponsabile desiderio, anzi la secessione è stato il collante nei momenti di crisi del suo popolo.
    bene ha fatto il Presidente della Repubblica a ricordargli che non c’è una via alla secessione democratica, e questo è quanto meglio gli si poteva dire.

  • E’ inutile perdere tempo con la padania,una delle tante patacche leghiste come;i ministeri a milano o Rai 2 a Milano,ect
    Sarebbe piu’ importante che la sinistra informi il popolo leghista delle contraddizioni e degli insuccesi della lega.
    Invece,zitti,perche?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>