Our “Friends of Italy” in the USA

Dear Libertà e Giustizia,

With this letter, we would like to express our support to the appeal, “Resignation”, which calls upon Silvio Berlusconi to immediately resign. We are a group of both Italians and Americans who consider themselves “friends of Italian democracy”, to use your definition, and feel ashamed about the deplorable image of Italy that Berlusconi’s scandals are spreading all over the world. Your appeal has reached us in the USA and has been welcomed with gratefulness: it gives voice to our same concerns about the respectability of Italian institutions, but mainly, it expresses our indignation, a word that does not seem to belong to the vocabulary of many Italian politicians. We strongly join your appeal and urge everyone who cares about Italy to express their solidarity and commit to have their voices heard.

Cordially,
Your “Friends of Italy” in the USA
Valeria Castelli, Elena D’Amelio, Jens Muller, Giovanni Ferrero, Paolo Campolonghi, Camilla Zamboni, Alessandra Montalbano, Erika Marina Nadir, Christopher White, Valerie McGuire, Kimberly Ziegler, Stefano Lanfredini, Manuela Travaglianti, Marco Pavone, Jonathan Mullins, Jessica Goethals

9 commenti

  • Noi italiani all’estero ci vergogniamo di questo capo del governo.
    Ma quando riusciremo a cacciarlo???

  • Grazie per la vostra solidarietà. Oramai l’indignazione per questo capo del governo non ha misura . Confido nel futuro per un Italia migliore!

  • io, dal primo momento che vidi la faccia di berlusconi, tanto tempo fa, provai un’inquietudine, ed era solo imprenditore, quando mi accorsi che piano piano subdulamente cercava di entrare nei palazzi del potere, provai sgomento.
    e’ un’uomo sensa alcuna etica,ne morale,ne civile ! andai contro tutta la mia famiglia la quale era estasiata dalle puttanate che diceva, dicevo non votatelo , questo vuole fare solo i cavoli suoi, dell’italia non gli frega niente, della gente tanto meno, vuole solo mettere apposto le sue magagne, e non solo, siccome dal mio punto di vista e’ squilibrato, come faceva intuire la ex moglie veronica, vorra’ usare il potere per usare anche la sua non moralita’.
    non a caso a parte gli affari che possono avere ama quellorrore di Ghedafi e Putin.
    i giovani non parlano d’altro che del grande fratello, delle veline delle scopate, di denaro ecc non c’e’ quasi piu’ niente in italia che valga la pena di rispettare, in questo momento solo la meraviglia dei paesaggi e le stupefacenti opere d’arte che conserviamo pure malamente. ma tutto appartiene al passato. oggi per ricredere nei valori ci vorrebbe una vera rivoluzione, si forse anche con un po’ di sangue, ma ben speso per ideali non per altro.
    siamo in “DEMOCRAZIA” HO ESPRESSO LE MIE OPINIONI.
    SCUSATE SE CI SARA’ QUALCHE ERRORE.

    GIOVANNI TORLONIA

  • La vergogna, la rabbia crescono ogni giorno: basta!
    Ho deciso di rimanere a vivere negli States per dare la possibilita’ a mio figlio: di confrontarsi con altri modelli, di vedere le donne rispettate e non umiliate ogni giorno, di sapere che esistono ancora parole come morale, decoro, rispetto e civilta’.
    Vorrei che in Italia ci potessimo riappropriare di questi valori!

  • Mi vergogno di essere italiano! E non solo per B., ma per tutti quelli che lo ritengono un martire e che credono che sia la soluzione ai nostri problemi. E’ ai suoi problemi che sta impnendo la soluzione ESTREMA!
    Eppure il contributo del nostro paese al mondo ed alla civiltà è stato tra i maggiori. Dove sono finite la nostra dignità, la nostra cultura, la nostra capacità di invenzione e di creazione, la nostra capacità di indignazione?
    Mi auguro di essere smentito quanto prima da un Popolo che merita di più, anche nell’auto-riconoscimento!

  • Pingback: Resignation, così la stampa estera | Libertà e Giustizia

  • Non so piu’ come contenere l’imbarazzo davanti a miei colleghi che mi dicono:

    MA COME FANNO GLI ITALIANO AD AVERE ANCORA BERLURCONI COME CAPO DEL GOVERNO

    Purtroppo non ho scuse.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>