Fiat, adesso includere e non emarginare

Eugenio Scalfari lo ha detto benissimo nell’editoriale pubblicato domenica scorsa da Repubblica: quel che è accaduto alla Fiat è la conseguenza della globalizzazione che, lasciata a se stessa, produce l’impoverimento del nostro mondo industrializzato e l’arricchimento di quei paesi che una volta erano “terzo mondo”. Ciò non significa che la globalizzazione sia cattiva in sé: come l’immigrazione, è un grande fenomeno socioeconomico che non si fermerà solo perché non ci piace. L’unica strada sarebbe stata quella di governarla, di inventare nuovi modelli sociali in armonia con l’evoluzione planetaria. Ma chi avrebbe dovuto farlo ha clamorosamente mancato l’obiettivo.

La politica in primo luogo: sono anni che si discute di globalizzazione in termini ideologici, come se si trattasse di un nuovo catechismo e senza produrre uno straccio di strategia per affrontare il futuro. Poi il sindacato, e la Cgil in particolare: fino a un certo punto ha saputo elaborare cultura, progetti, visioni ampie della società. Poi ha smesso, congelandosi nella difesa delle proprie conquiste, senza riuscire a interpretare i tempi.

Naturalmente, qualche responsabilità ce l’ha anche il mondo imprenditoriale, che vedrà ridursi progressivamente la capacità del mercato interno di assorbire prodotti che pochi potranno permettersi e assisterà di conseguenza ad una selezione darwiniana delle imprese nazionali. Ma questo, è una constatazione, poco interessa al nuovo manager globale, che si sposterà verso lidi più accoglienti senza rimorso alcuno. È il suo mestiere, e non c’è da scandalizzarsi se lo farà fino in fondo. Certo a Confindustria non piacerà, ma il ruolo delle associazioni imprenditoriali nazionali appare già un residuato storico destinato all’estinzione.

Questo è il quadro generale, ma non si può dimenticare che i protagonisti sono persone in carne ed ossa, e toccherà a loro, incolpevoli, pagare il salatissimo conto. Gli operai Fiat sono i primi, altri seguiranno. Inutile discutere adesso se è bene che abbia vinto il sì o se sarebbe stata preferibile la vittoria del no. Ora bisogna fare in modo che il referendum non abbia conseguenze negative. Marchionne deve fare la sua parte, mantenendo le promesse. Cisl e Uil devono stare all’erta. E il governo dovrebbe vigilare su tutti. La prima delle sue preoccupazioni (ma anche quella dell’azienda e dei sindacati firmatari dell’accordo) dovrebbe essere quella di non escludere la Fiom. Perché la percentuale dei no è stata molto più alta delle aspettative, ma anche perché includere è molto più conveniente che emarginare.

Purtroppo le premesse non sono buone. Nel governo finora ha prevalso la linea del ministro Sacconi, basata su un cieco spirito di rivincita nei confronti dell’odiata Cgil. Gli altri lo hanno seguito. Ora Cisl e Uil potrebbero essere tentate di andare avanti, nella speranza di sottrarre alla Cgil l’egemonia. Ma il rischio è altissimo: se anche riuscissero a erodere consensi al sindacato maggiore, finirebbero comunque per incattivire il dissenso operaio. Le stelle a cinque punte sono già ricomparse sui muri di Torino. Sarebbe bene non contribuire e creare il brodo di coltura per una nuova stagione di piombo, che affonderebbe definitivamente l’economia italiana.

Infine, la politica tutta dovrebbe finalmente elaborare una strategia economica e sociale all’altezza dei tempi: non basta rimasticare le vecchie ricette, bisogna inventarne di nuove. Ma la sinistra, che pure avverte il pericolo, non riesce a uscire dalla lotta intestina che la paralizza, mentre il terzo polo appare immaturo. Eppure è su di loro che grava la massima responsabilità, visto che Berlusconi, tra Ruby e la nuova fidanzata, ha altro per la testa. Speriamo che si sveglino prima che sia troppo tardi.

4 commenti

  • La Fiom ha ottenuto uno splendido risultato in condizioni impossibili. I miei complimenti a Landini: una battaglia giusta, coraggiosa e condotta con grande civiltà. Marchionne ha voluto imporre una prova di forza, e la sua vittoria è ben al di sotto delle previsioni. La politica è la vera sconfitta. Sul governo stendiamo un velo pietoso. Ma che dire di un Pd che, in sostanza, non sa dire ai lavoratori nient’altro che “è la globalizzazione, bellezza”. Per non parlare di quegli esponenti che liquidano come “aria fritta” le sacrosante richieste di chi fa un lavoro pesante e non fa pause pranzo ad Arcore.

  • Questo voto con le sue risultanze sottopone il management FIAT ad un esame che ne misurerà le capacità imprenditoriali. Credo, spero che Marchionne e chi lo supporta comprendano che, indipendentemente dal merito delle decisioni organizzative assunte, è impensabile produrre bene e competitivamente quando una percezione d’ingiustizia risulta così largamente diffusa fra i dipendenti.
    Senza la collaborazione dei lavoratori il destino è segnato ed i contenziosi saranno inevitabili ed abbondanti, La logica dei campi di cotone appartiene a tempi andati. La politica assente?
    Vero ma, tutto sommato, non credo sia così negativo, almeno per quel che riguarda la vicenda in oggetto dal momento che di strumentalizzazioni ne abbiamo già viste a iosa.
    Ciò che dovrebbe fare è occuparsi del sistema che supporta il mondo dell’impresa e del lavoro nel quale poi, caso per caso, si presenta la contrattazione (anche di stile ricattatorio purtroppo). Ma il ricatto è possibile solo quando le condizioni del paese (infrastrutture, istruzione, caos normativo, giustizia…..) sono penose e rendono indolore, nell’ottica imprenditoriale, far fagotto.

  • Al di là di tutte le riflessioni sindacali, politiche e contrattuali, mi chiedo come si farà a gestire una fabbrica nella quale metà degli operai sono “contro”…

  • Il risultato del referendum…meno libero della storia è una salutare lezione di democrazia per tutti. Per Marchionne, che potrà anche – come è stato scritto – brindare a…Detroit ma resta un uomo visibilmente triste e grigio; per i sindacati consenzienti che pretendevano addirittura di elevare la loro ‘ adesione per paura ‘ al rango di ‘ scelta libera e…storica ‘; per la Fiom che deve ricordarsi di rappresentare solo il 30% di quel 46% di no e che, da oggi, ha il dovere di trasformare il suo sacrosanto no al diktat aziendale in una serie di ‘ sì ‘ costruttivi, aggreganti, includenti. Ed è, infine, una lezione severissima per questo governo che ha alimentato, con dolosa disinvoltura, divisioni e drammatiche lacerazioni nella propria comunità.
    Chi ha tifato per la legge ‘ giunglesca ‘ del più forte deve sapere che ha contribuito a minare entusiasmi e passioni ( ingredienti indispensabili per una qualsiasi forma di partecipazione davvero democratica e solidale ) sostituendoli con miti e paure che, da sempre, hanno un preciso obiettivo: scoraggiare la partecipazione attiva e ‘ critica ‘ dei cittadini, relegandoli in recinti sempre più angusti, sempre più isolati, sempre più ‘protetti’ ( dal ‘pericoloso contagio ‘ dell’altro da sè ). Per questo, chi crede nei valori della democrazia deve essere particolarmente grato a chi, tra giovedì e venerdì scorso, non ha ceduto all’odioso ricatto e alla paura di perdere ‘ quel ‘ posto di lavoro per rivendicare – per sè e per noi tutti – il lavoro come diritto. Il diritto sancito dall’art.4 della nostra Costituzione.
    Giovanni De Stefanis, LeG Napoli

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>