Marchionne: “Possiamo produrre automobili con la Fiom o senza”

Respinte al mittente le domande di dettagli su Fabbrica Italia. Per l’Ad del Lingotto sono richieste «ridicole e offensive». Tanto da spingerlo a redarguire a muso duro i cronisti. «Non ho chiesto io allo Stato o ai sindacati di finanziare niente, è la Fiat che sta andando in giro per il mondo a raccogliere finanziamenti. Siete bravi a sindacare… Andate in giro voi e i sindacati a prendere i soldi». E ancora, in un crescendo: «Vogliono vedere il resto degli investimenti? Ma che scherziamo? Sono appena tornato dal Brasile, dove ho inaugurato con l’ex presidente Lula una fabbrica a Pernambuco: nessuno si sarebbe mai permesso lì di farsi dare i dettagli dell’investimento. Non lo fa nessun altro Paese del mondo. Smettiamola di comportarci da provinciali: quando serviranno gli altri 18 miliardi li metteremo». Positivo, questa volta, il giudizio sul governo: «Ho trovato molto incoraggiante il suo atteggiamento. Ci ha dato tutto l’appoggio necessario per portare avanti il discorso, riconoscendo in quello che sta facendo Fiat una cosa buona per il Paese».

1 commento

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>