Il dumping di Marchionne

Quattro anni fa, settembre 2006, Sergio Marchionne dichiarava prima in un discorso all´Unione Industriale di Torino, poi in un´intervista a questo giornale, che «il costo del lavoro rappresenta il 7-8 per cento». «e dunque – aggiungeva – è inutile picchiare su chi sta alla linea di montaggio pensando di risolvere i problemi». Per contro ieri annuncia che, tutto sommato, ritiene necessario picchiare proprio su chi sta alla linea. E le ragioni per farlo sembrano primariamente connesse al costo del lavoro. In questo caso i destinatari diretti del messaggio non sono i lavoratori di Pomigliano, ma quelli di Mirafiori, visto che un nuovo modello di auto che doveva venir prodotto nello stabilimento torinese sarà invece prodotto in Serbia. Una decisione che, se non è un de profundis per Mirafiori, poco ci manca.
In verità l´ad Fiat ha usato parole un po´ diverse. Ha detto che in Italia i sindacati mancano di serietà. L´azienda non può assumere rischi non necessari per realizzare i suoi progetti nel nostro paese. Fiat deve essere in grado di produrre macchine senza incorrere in interruzioni dell´attività. Qualche minuto in rete basta però per venire a sapere che il salario medio dei lavoratori serbi del settore auto si aggira sui 400 euro al mese. Ed è improbabile che tale costo sia accresciuto da consistenti contributi destinati al servizio sanitario e alla pensione, come avviene da noi grazie alle conquiste sociali di due generazioni fa. Andare in Serbia, piuttosto che restare a Mirafiori, significa quindi giocare il destino di nostri lavoratori la cui prestazione assicurava finora un livello di vita decente a sé stessi ed alla famiglia, anche per il futuro, contro lavoratori di un paese che a quel livello di vita e a quel futuro avrebbero pure loro diritto, ma per il momento se li possono soltanto sognare.
Se questa sorta di grande balzo all´indietro è ciò che Marchionne intende per modernizzazione delle relazioni industriali in Italia, vengono un paio di dubbi. Non diversamente dal 2006, il costo del lavoro in un´industria altamente automatizzata come l´auto rappresenta il 7-8 per cento del costo complessivo di fabbricazione. Portando la produzione da Mirafiori a Kragijevac, dove il costo del lavoro è meno della metà, la Fiat può quindi pensare di risparmiare al massimo tre o quattro punti sul costo totale. Ma se intende affrontare tutti i problemi sociali, sindacali e politici che dalla sua decisione deriverebbero per conseguire un risparmio così limitato, ciò significa che le sue previsioni di espansione produttiva, di vendite e di bilancio sono assai meno rosee di quelle che lo stesso amministratore delegato ha dato a intendere nei mesi scorsi. E questo dubbio ne alimenta un altro: che il vero obbiettivo non sia la riduzione del costo del lavoro, sebbene questo appaia evidente, bensì la realizzazione di una fabbrica dove regnano ordine, disciplina, acquiescenza assoluta agli ordini dei capi. Dove, in altre parole, il sindacato non solo assume vesti moderne, ma semplicemente non esiste, o non fiata. Magari ci verrà detto ancora una volta che questo è un obbiettivo che la globalizzazione impone. Può essere, anche se le pretese di quest´ultima cominciano ad apparire esagerate. Quel che è certo è che si tratta di un preoccupante indicatore politico.

1 commento

  • LA VERA STORIA DI MR. MARCHIONNE
    Non sono un addetto ai lavori e perciò potrei anche imbroccarla, ma quandanche la sballassi non cambierebbero le cose e nessun danno deriverebbe a coloro che mi avrebbero creduto. Inoltre, il campo è così affollato di “negromanti”, che bisogna far fatica a non scompisciarsi quando ci s’incontra fra i meandri delle previsioni.
    La Chrysler fu il refugium peccatorum che salvò il Dr. Marchionne (FIAT) che stava per essere fagocitato dalla selezione del mercato? Impedì, la Chrysler, che un’atroce agonia strazziasse l’industria automobilistica italiana incapace di competere con la globalizzazione? Difetto di produzione o costi esorbitanti il plafond della concorrenzialità?
    Entrambi i fattori, coalizzati, hanno emarginato l’automobile FIAT e così, l’industria automobilistica italiana, affonda malgrado la Chrysler generosa crocerossina di Detroit. Ma non è che la Chrysler versasse in condizioni migliori della FIAT, entrambe son destinate a scomparire e si confortano a vicenda prima della dipartita. Tutto qui!
    A questa situazione funestamente maligna, il nostro Epifani Guglielmo contrappone una pletora di diritti inviolabili: zavorra aurea socialmente raffinata, ma sempre zavorra. Non s’è capito che né i diritti, né i doveri son capaci di mantenere efficiente una settore la cui sopravvivenza è segnata dalla saturazione del mercato e da una presa di coscienza di cittadini consapevoli dei danni enormi provocati alla società civile dall’automobile ad abuso continuo.
    C’è, e deve esserci, questa presa di coscienza che costringe l’industria automobilistica a selezionare la produzione, contingentarla secondo necessità e al tempo stesso produrre degli utili che giustifichino l’investimento di capitali da parte dei capitalisti. Finché il Capitalismo sarà la dottrina economica che regolerà il mercato.
    Son regole elementari, ineccepibili, e incaponirsi all’Epifani atteggiandosi ad usbergo dei diritti inviolabili dei lavoratori, non è opera meritoria degna d’applausi, ma deprecabile incompatibilità con una realtà sociale bisognosa di ben altre terapie. È come se si volesse che l’uomo della foresta, legittimato alla vita come l’uomo della globalizzazione, ricevesse il suo pasto quotidiano indipendentemente dalla fatica per procurarselo. La vita è un diritto inviolabile: a chi dirlo?
    Nella foresta tutti i diritti sono caduchi e non c’è filosofia che possa cementarli. Se i “Guglielmo Epifani” non son capaci di questa lungimiranza, che lascino il mestiere e si godano la pensione: finché ci sarà.
    Sembra che negli Usa lo Stato interverrà finanziariamente per consentire all’industria di Detroit di sopravvivere alla pressa della rottamazione: quanto costerà alla collettività? Fra investimenti e costi indotti dall’abuso reiterato dell’automobile, quali vantaggi ne ritrarrà l’utenza?
    Bisognerebbe che la crisi (irreversibile) del settore inducesse i responsabili di quest’andazzo a mutar rotta e offrire alla società un tipo di sviluppo sostenibile, ecologicamente rinnovabile, affidando al buonsenso collettivo quei diritti che la civiltà ha creduto di garantire per ciascun uomo. Non sarà la democrazia quella capace di salvarci.
    Celestino Ferraro

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>