Finanziaria, quella debolezza che cova sotto la soddisfazione

A prima vista Berlusconi potrebbe dichiararsi soddisfatto: nella manovra licenziata da Napolitano sono scomparsi i tagli degli enti culturali (tradotto: Bondi batte Tremonti), nelle considerazioni finali del governatore Draghi la politica economica del governo viene sostanzialmente promossa. Ma è un’illusione ottica. La verità, quando si ascoltano i protagonisti della vita economica, è che la filosofia berlusconiana appare stonata, fuori moda, un orpello vintage di cui converrebbe fare a meno.

Le parole più pronunciate nei consessi finanziari sono proprio quelle più estranee al lessico del Cavaliere: crisi, evasione fiscale, regole, incentivi per lo sviluppo. E’ accaduto in Confindustria e alla Banca d’Italia. E a poco serve che a queste analisi spietate si accompagnino parole cortesi nei confronti del governo. Berlusconi se ne accontenta perché non può fare diversamente, ma il gioco dell’apparenza contrapposta alla realtà, quello che gli ha regalato tante vittorie elettorali, rischia di non reggere il confronto con la durezza dei tempi.

Tremonti lo ha capito. Chi ha letto la sua intervista di lunedì al Corriere della Sera si sarà reso conto che, dietro la formale professione di lealtà al governo di cui fa parte, il ministro dell’Economia ha imboccato una strada divergente: quando afferma la necessità che la politica debba tornare a dettare regole severe che impediscano le distorsioni del mercato, pronuncia una severa condanna di tutta la teoria economica berlusconiana.

Allo stesso modo, il Mario Draghi che mette nel mirino l’evasione fiscale, sostenendo che se l’Iva fosse stata pagata oggi avremmo il rapporto debito-Pil più basso d’Europa, e fa appello all’Italia unita perché metta in campo le sue energie migliori, dà l’impressione di avere in qualche modo superato Berlusconi, di averlo messo tra parentesi, sia pure con educata gentilezza.

L’aspetto curioso della vicenda è che i due, Tremonti e Draghi, si detestano, mentre potrebbero tranquillamente allearsi, visto che l’unico punto di sostanza che li divide è il diverso atteggiamento verso le rivendicazioni leghiste.

Ma non è questo che conta. Conta, invece, il fatto che un Berlusconi forte avrebbe dovuto infuriarsi con entrambi. Se non lo ha fatto, se si accontenta dei riconoscimenti di circostanza di Draghi e del dispettuccio fatto a Tremonti per interposto Bondi, vuol dire che forte non è. Naturalmente non c’è da aspettarsi che si dia per vinto. Lui non si arrende mai, ed è questa la sua forza. Resta da vedere se i suoi nuovi antagonisti, Draghi e Tremonti, ma anche la Confindustria, Fini e quanti nella maggioranza cominciano ad avvertire il mutamento di clima, sapranno coagulare una posizione che lo renda definitivamente obsoleto.

1 commento

  • Ho visto stasera su Rai3 l’illuminante puntata della Storia sulla Propaganda di Mussolini ovvero come imbonire gli italiani.Le redazioni dei giornali dovevano comunicare solo quanto “le veline” governative imponevano,dare solo notizie rosee e false sulla realtà del Paese,magnificare il dux in ogni suo particolare grottesco .Fino ad arrivare a nascondere le sconfitte regolari del malandato esercito italiano in ogni zona di guerra,non dare notizie dei morti nemmeno negli annunci funerari,non parlare della fame nel Paese .Addirittura,quando i bombardamenti cominciano a devastare le città,l’Istituto Luce manda in onda spettacoli con gli attori più osannati del momento.Ecco,la storia si ripete:la propaganda mediatica ora deve tacere sul disastro economico ed etico che sta vivendo il Paese.Ma stavolta non ci saranno alleati a salvarci della nuova catastrofe che un uomo inetto,vanaglorioso e megalomane sta causando al Paese

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>