La medicina per i mali dell’Italia

L’Europa ha deciso, per ora, di salvare la Grecia dal collasso finanziario. Dopo l’annuncio della costituzione di un maxifondo di garanzia di oltre 700 miliardi di euro, le Borse hanno reagito positivamente, i titoli del debito pubblico dei principali paesi a rischio hanno recuperato terreno, la speculazione sembra battere in ritirata. Il clima che si respira, insomma, è da scampato pericolo. E tuttavia il sospiro di sollievo che aleggia nei governi e nelle opinioni pubbliche europee è a sua volta una nuova fonte di rischi, se non la principale.

Passata la paura, infatti, si fa più probabile l’eventualità che, rincuorati dal successo dell’operazione di salvataggio della Grecia, i governi si comportino come se la causa delle nostre difficoltà fosse la speculazione, e concentrino tutti i loro sforzi sulla regolazione dei mercati finanziari (sicuramente opportuna), anziché sulla rimozione degli squilibri strutturali che forniscono alla speculazione le sue armi. Il rischio, in altre parole, è che ci si preoccupi molto di tenere bassa la febbre, e assai meno di curare la malattia.

continua a leggere

1 commento

  • A mandare a picco l’euro ha contribuito anche la cancelliera Angela Merkel che ha parlato di una situazione “molto, molto grave”.
    © – FOGLIO QUOTIDIANO

    Quando il Cavaliere fa l’ottimista, ecco che la canea sinistra si scatena e dà mandato alla Guzzanti perché provveda a ridicolizzarlo. La Merkel fa la pessimista scettica e i mercati perdono in poche ore 150 miliardi di euro: dove sta la differenza? Da qualche parte deve esserci lo stronzo!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

 caratteri massimo. Il testo eccedente verrà troncato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>