Rai-Tv, da Berlusconi invito (interessato) all’evasione fiscale per favorire Mediaset

Irresponsabile o interessato? Sprone all’evasione fiscale o attacco al servizio pubblico? Tutte queste cose insieme, nell’ultima sparata (da Sofia: è una fissazione) del presidente del Consiglio contro la “criminosa” Rai-Tv. Dunque il Cavaliere ha fatto sapere ai quattro venti che “ci saranno brutte sorprese per il bilancio della Rai, la prossima volta che si faranno i conti”. Se infatti già oggi circa il 30% degli italiani non paga il canone, lui fa “una previsione: ora sarà il 50% degli italiani che non pagherà più il canone”. E’ l’esito di uno dei suoi “sondaggi”, dice senza pudore e anzi con una certa soddisfazione in volto.
Ora, a parte la irresponsabilità della “previsione” in sé, e a parte anche la sfacciata vanteria del proprio conflitto d’interessi (ovvio che se la Rai va al tracollo, salgono le azioni e l’audience delle sue reti Fininvest), qui si pongono alcuni gravi, preoccupanti problemi. Il primo: è lecito che proprio il presidente del Consiglio incentivi l’evasione anziché contrastarla? Se lo è immediatamente chiesto l’on. Roberto Rao, deputato dell’Udc e membro della commissione parlamentare di vigilanza Rai. “Far passare il principio che un cittadino, a fronte di un programma che non condivide, possa legittimamente scegliere di non pagare il canone – ha aggiunto Rao –, significa dare un colpo di grazia al servizio pubblico in termini di risorse, spianare la strada a Mediaset e lanciare nel Paese un messaggio di istigazione all’anarchia fiscale che finirebbe per essere adattato ad altri settori oltre a quello della comunicazione”.


A

t

t

e

n

z

i

o

n

e

,


d

e

l


r

e

s

t

o

:


l

a


c

a

m

p

a

g

n

a


d

i


d

i

s

o

b

b

e

d

i

e

n

z

a


c

i

v

i

l

e


n

e

i


c

o

n

f

r

o

n

t

i


d

e

l

l

a


R

a

i

-

T

v

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>