Parlamentari e uomini pubblici rinuncino allo scudo fiscale

Oggi lo scudo fiscale diventa legge. In attesa che il presidente Napolitano si pronunci, Libertà e Giustizia ritiene giusto raccogliere e rilanciare l’appello che Salvatore Bragantini dalle pagine del Corriere rivolge agli uomini pubblici invitandoli a non farsi scudo della nuova legge. “C’è una contropartita, pur minima, che il governo — imponendo con la fiducia l’obbrobrio — ha il dovere almeno di offrire al Paese: l’impegno solenne di tutti i suoi componenti, e dei loro stretti congiunti, a non farsene scudo. Meglio se lo stesso fosse assunto dai parlamentari, e da chiunque abbia un ruolo pubblico o istituzionale nel Paese.Insieme alla promessa di dimettersi ove mai si provasse che quell’impegno è stato disatteso. Il danno che questa legge causa al livello civile del Paese è tale da richiederlo”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>