Mafia, la solidarietà di LeG ai magistrati

Un tempo, chi voleva “colpire” i magistrati onesti, lavorava perché fossero lasciati soli, isolati. Un messaggio chiaro per chi doveva capire. Oggi è stato fatto un bel passo avanti: non più lasciati soli, ma additati come tori inferociti dal torero che su tutti vigila e controlla che i soldi pubblici non siano “sprecati” a colpire la mafia, spezzando l’intreccio mafia-politica. LeG rinnova alle procure di Milano e Palermo la solidarietà di tutta l’associazione e ringrazia i magistrati italiani per l’impegno quotidiano al servizio delle istituzioni del nostro paese.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>